Normativa e prassi
Dal 1° aprile soglia a 5mila euro
per le compensazioni crediti Iva
I contribuenti che devono “recuperare” importi che superano il limite fissato, devono avvalersi esclusivamente dei servizi telematici Entratel o Fisconline
bilancia
Dal 1° aprile per utilizzare in compensazione il credito Iva riguardante importi superiori a 5mila euro annui i contribuenti dovranno aver preventivamente presentato la dichiarazione annuale o la istanza dalla quale risulta il credito.
 
Il provvedimento del direttore dell’Agenzia stabilisce la decorrenza di quanto previsto dal decreto “semplificazioni tributarie” (articolo 8, commi 18 e 19, Dl 16/2012) che ha comportato un abbassamento della soglia da 10 a 5 mila euro.
 
Fino al 31 marzo le compensazioni di crediti Iva, se non superano i 10mila euro annui, possono essere effettuate senza aver già presentato la dichiarazione o l’istanza dalla quale risulta il credito. Dal primo giorno del mese di aprile i crediti che superano i 5mila euro possono essere portati in compensazione solamente utilizzando i servizi telematici Entratel o Fisconline.
La nota direttoriale chiarisce, inoltre, che il raggiungimento del limite di 5mila euro, per ciascun anno di riferimento, è determinato anche dalle compensazioni effettuate prima del 1° aprile 2012.
r.fo.
pubblicato Venerdì 16 Marzo 2012

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Il contribuente, ricevuta la comunicazione con i dati necessari a verificare la sua situazione, può regolarizzare tramite il ravvedimento operoso o chiedere ulteriori informazioni
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
In presenza di documenti contabili con addebito dell’imposta, i fornitori dovranno predisporre apposite note di variazione, precisando che si tratta di “scissione dei pagamenti”
Il decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, che aumenta la misura del saggio per il nuovo anno, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di sabato 15 dicembre 2018
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Il contribuente, ricevuta la comunicazione con i dati necessari a verificare la sua situazione, può regolarizzare tramite il ravvedimento operoso o chiedere ulteriori informazioni
Il decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, che aumenta la misura del saggio per il nuovo anno, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di sabato 15 dicembre 2018
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino