Normativa e prassi
Deducibili per cassa i compensi degli amministratori
Si applica la deroga al principio generale anche se sono riversati alla società da cui dipende il percettore
Con una recente nota (la n. 124734 del 20 giugno 2002), l'Agenzia delle Entrate, in risposta a una istanza di interpello, ha chiarito che sono deducibili per cassa, ai sensi dell'articolo 62, comma 3 del Tuir, i compensi che spettano agli amministratori, anche se sono riversati alla società di cui il soggetto è dipendente o amministratore.

E' prassi diffusa, soprattutto nell'ambito dei gruppi societari, affidare l'incarico di amministratore di una società a persone che sono alle dipendenze o che rivestono la carica di amministratori presso altre società del gruppo (di solito la partecipante di controllo o la capogruppo).
I compensi per la carica ricoperta in ragione del proprio ufficio sono riversati alla società dalla quale dipende gerarchicamente l'amministratore. In tal modo la carica di amministratore è funzionalmente collegata con l'appartenenza al gruppo.
Il testo unico delle imposte sui redditi contiene, per la determinazione del reddito imponibile, un principio generale (articolo 75), che consiste nella imputabilità dei componenti positivi e negativi della gestione secondo il principio della competenza economica.
Talvolta, lo stesso testo unico deroga a questo principio generale per particolari fattispecie, anche al fine di correggere in anticipo a possibili arbitraggi. Una norma derogatoria è sicuramente quella prevista dall'articolo 62, comma 3, del Tuir, secondo cui i compensi che spettano agli amministratori delle società in nome collettivo e in accomandita semplice sono deducibili nell'esercizio in cui sono corrisposti.
Tale norma si applica, come noto, anche ai compensi spettanti agli amministratori delle società di capitali e degli enti commerciali di cui alle lettere a) e b) dell'art. 87, comma 1 Tuir per il richiamo contenuto nell'art. 95, comma 1, Tuir.
Con una recente nota, (numero 124734 del 20 giugno 2002), l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che sono deducibili in ogni caso per cassa, ai sensi dell'articolo 62, comma 3 del Tuir, i compensi che spettano agli amministratori, anche se sono riversati alla società di cui il soggetto è dipendente o amministratore.

Il quesito
Nell'ambito della procedura d'interpello una società aveva chiesto se il compenso reversibile spettante a un amministratore potesse essere dedotto ai sensi dell'articolo 75 del Tuir, ossia per competenza.
In tale caso sarebbe escluso qualunque salto d'imposta perché il compenso non è percepito dall'amministratore ma da una società che lo contabilizza e lo assoggetta a tassazione in base al principio di competenza.
A questo proposito, l'amministrazione finanziaria aveva chiarito che i compensi reversibili costituiscono proventi della società alla quale vengono direttamente erogati e non sono quindi da considerare redditi degli amministratori, con conseguente esclusione dalla ritenuta e dalla tassazione. E questo a condizione che risulti documentato che i compensi sono effettivamente riversati alle società destinatarie (confronta la risoluzione del 17 maggio 1977, prot. 8/166).
Sin da allora era stato affermato il principio generale secondo cui non costituisce reddito imponibile di un soggetto un provento cui egli non ottenga in alcun modo la libera disponibilità.

La risposta
L'Agenzia ha affermato che per l'applicazione dell'articolo 62, comma 3, del Tuir, secondo cui i compensi spettanti agli amministratori delle società sono deducibili nell'esercizio in cui sono corrisposti, vale la qualificazione oggettiva del compenso ed il dettato della norma che si applica ai compensi spettanti agli amministratori.
A nulla rileva la pattuizione che trasferisce la materiale percezione, ed anche l'obbligo dichiarativo secondo il principio di competenza, ad un soggetto diverso.
Come chiarito nella nota, la disposizione dell'articolo 62, comma 3, del Tuir, secondo cui 'i compensi spettanti agli amministratori delle società in nome collettivo e in accomandita semplice sono deducibili nell'esercizio in cui sono corrisposti', trova la sua giustificazione nell'esigenza di rimuovere gli inconvenienti derivanti dall'applicazione del previgente articolo 59 del Dpr n. 597 del 1973, che non conteneva alcuna deroga al principio di competenza.
Pur in considerazione della possibilità, ove ne ricorrano i presupposti, di dimostrare che non ci sia danno per l'erario quando i compensi sono riversati dall'amministratore alla società d'appartenenza, l'Agenzia non ha ritenuto percorribile la strada della possibile disapplicazione dell'articolo 62, comma 3, del Tuir, attraverso l'applicazione, in considerazione della particolare fattispecie, della disposizione generale contenuta nell'articolo 75 del Tuir.
Domenico Buono
pubblicato Giovedì 1 Agosto 2002

I più letti

In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
calendario
Lo slittamento della scadenza, tra l’altro, allinea il termine a quello previsto per le risposte degli operatori agli esiti emersi a seguito della complessa migrazione dei dati
Con il primo dovranno riversare all’erario le somme riscosse per l’abbonamento alla televisione, con il secondo potranno recuperare gli eventuali rimborsi effettuati ai clienti
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap