Normativa e prassi
Definizione atti di accertamento:
pronte le disposizioni attuative
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
immagine di una lente e di documenti
L'articolo 2 del decreto legge 119/2018 consente di definire in via agevolata gli atti - emessi dall'Agenzia delle entrate o dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli - del procedimento di accertamento, cioè gli avvisi di accertamento, gli avvisi di rettifica e di liquidazione, gli atti di recupero, gli inviti al contraddittorio e gli accertamenti con adesione.

Per la definizione, occorre pagare le sole somme riferite a tributi e contributi, in un’unica soluzione o in più rate; non sono invece dovuti gli importi relativi a sanzioni amministrative, interessi ed eventuali accessori (ad esempio, le spese di notifica).
Il provvedimento del 9 novembre 2018 detta le disposizioni attuative.

Nei casi in cui l’atto non richieda il pagamento di tributi, il contribuente che intende avvalersi della definizione deve manifestare la volontà tramite una comunicazione, in carta libera, da presentare all’ufficio competente entro lo stesso termine previsto per il versamento relativo a ciascun procedimento, direttamente o tramite raccomandata A/R o all'indirizzo di posta elettronica certificata. Ciò può verificarsi, ad esempio, in caso di rettifica di minor perdita, di rettifica di imponibile Irpef o Ires, nei confronti dei soggetti che producono redditi in forma associata (articolo 5 del Tuir) o di soggetti “trasparenti” (articoli 115 o 116 del Tuir), oppure di atti di recupero relativi a crediti esistenti compensati in violazione delle modalità di utilizzo previste dalla legge.

Ambito oggettivo
La definizione agevolata disciplinata dall’articolo 2 del Dl 119/2018 riguarda:
  • gli inviti al contraddittorio notificati fino al 24 ottobre 2018 e per i quali, alla stessa data, non è stato notificato un avviso di accertamento o sottoscritto e perfezionato un accertamento con adesione
  • gli accertamenti con adesione sottoscritti fino al 24 ottobre 2018 ma non ancora perfezionati (cioè, quelli per i quali non è stato effettuato il versamento) e ancora perfezionabili (cioè, per i quali non sono ancora decorsi venti giorni dalla sottoscrizione)
  • gli avvisi di accertamento e gli avvisi di rettifica e di liquidazione notificati fino al 24 ottobre 2018, non impugnati e ancora impugnabili alla stessa data, rientranti nell’ambito di applicazione dell’articolo 15 del Dlgs 218/1997
  • gli atti di recupero dei crediti indebitamente utilizzati di cui ai commi da 421 a 423 dell’articolo 1, legge 311/2004, notificati al contribuente fino al 24 ottobre 2018, sempreché non si siano resi definitivi e non siano stati impugnati alla stessa data.
Atti esclusi
Sono esclusi dalla definizione agevolata tutti gli atti emessi nell’ambito della procedura di collaborazione volontaria di cui all’articolo 5-quater del Dl 167/1990 (voluntary disclosure). La preclusione riguarda entrambe le edizioni della procedura e opera anche con riferimento agli eventuali atti emessi a seguito del mancato perfezionamento della stessa.
Inoltre, non rientrano nella definizione agevolata gli atti definiti con altre modalità oppure impugnati con ricorso, soggetto o meno al procedimento di mediazione, fino al 24 ottobre 2018 o anche successivamente; la relativa controversia pendente potrà essere definita in base alle disposizioni di cui all’articolo 6 dello stesso Dl 119/2018 (vedi ‘Pace fiscale e vertenze tributarie: ok alla “definizione agevolata’).

Termini e modalità di versamento
Come accennato, il contribuente può definire il rapporto relativo agli atti indicati pagando gli importi relativi a tributi e contributi, non anche quelli di sanzioni amministrative, interessi ed eventuali accessori.
I termini entro cui effettuare il versamento per il perfezionamento della definizione sono diversi in base al tipo di atto:
  • 23 novembre 2018 per l’invito al contraddittorio
  • 13 novembre 2018 per l’accertamento con adesione
  • 23 novembre 2018 per l’avviso di accertamento, l’avviso di rettifica o di liquidazione, l’atto di recupero di credito oppure, se più ampio, il tempo che residua per la proposizione del ricorso. In quest'ultima ipotesi, nel computo del termine si contano anche i periodi che sospendono il termine per presentare ricorso, se il contribuente aveva già prodotto, prima del 24 ottobre 2018, istanza di accertamento con adesione a seguito della notifica dell’avviso di accertamento oppure un’istanza di scomputo delle perdite (modello Ipec e/o modello Ipea). Il contribuente che intende avvalersi della definizione agevolata rinuncia, dall’entrata in vigore del decreto, a tali istanze.
Il versamento può essere effettuato in un’unica soluzione oppure in un massimo di venti rate trimestrali di pari importo, di cui, la prima rata dev’essere versata entro i termini suindicati, mentre le rate successive devono essere versate entro l’ultimo giorno di ciascun trimestre.
Sull’importo delle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi legali calcolati dal giorno successivo alla scadenza della prima rata.

Per quanto riguarda le modalità di pagamento:
  • in caso di invito al contraddittorio, il contribuente deve compilare il modello F24, indicando i codici tributo relativi agli importi dei soli tributi ed eventuali contributi previsti per l’accertamento con adesione (reperibili sul sito dell’Agenzia), il codice ufficio riportato nell’invito, l’anno di riferimento e il codice atto 99999999107; invece, per la compilazione dell’F23, deve utilizzare i codici tributo e il codice ufficio riportati nell’invito e inserire nel campo 10 “Estremi dell’atto o del documento” i dati, 2018 nel campo “anno” e 99999999107 nel campo “numero”
  • in caso di accertamento con adesione, il contribuente deve utilizzare i dati presenti nel prospetto per la compilazione del modello F24 o F23 consegnatogli dall’ufficio al momento della sottoscrizione dell’atto, indicando i codici tributo relativi agli importi dei soli tributi ed eventuali contributi, nonché il codice atto o il numero di riferimento, il codice ufficio, e, solo per il modello F24, l’anno di riferimento; poiché nel prospetto le imposte oggetto di adesione sono indicate unitamente agli interessi, si può chiedere assistenza all’ufficio col quale è stato sottoscritto l’accertamento con adesione per la determinazione delle somme dovute
  • in caso di avviso di accertamento, avviso di rettifica e di liquidazione, atto di recupero, il contribuente deve utilizzare i dati presenti nel prospetto per la compilazione del modello F24 o F23 allegato all’atto da definire, indicando i codici tributo relativi agli importi dei soli tributi ed eventuali contributi, il codice atto o il numero di riferimento, il codice ufficio e, solo per il modello F24, l’anno di riferimento.
Ad ogni atto deve corrispondere una singola delega di pagamento, modello F24 o F23, secondo i casi.
Entro dieci giorni dal versamento in unica soluzione o della prima rata, il contribuente deve consegnare all’ufficio competente la quietanza dell’avvenuto pagamento.
È esclusa la possibilità di avvalersi dell’istituto della compensazione, ossia non è possibile utilizzare eventuali crediti d’imposta.

Tutti gli uffici dell’Agenzia delle entrate sono a disposizione nel fornire la necessaria assistenza per consentire ai contribuenti di avvalersi correttamente delle definizioni agevolate.

Definizione agevolata atti di accertamento risorse Ue
Per la definizione agevolata degli atti di accertamento relativi alle risorse proprie tradizionali Ue (come i dazi doganali), sono dovuti anche gli interessi di mora a decorrere dal 1° maggio 2016 e fino alla data del pagamento. La volontà di definire i debiti va espressa tramite una comunicazione in carta libera da presentare, direttamente o all’indirizzo Pec, all’ufficio delle Dogane o a quello dei Monopoli che ha emesso l’atto. Lo stesso ufficio comunica l’importo da versare in unica rata entro il 23 novembre 2018. Il versamento deve essere effettuato in Dogana utilizzando le ordinarie modalità di pagamento: contanti, bonifico bancario o a mezzo conto corrente postale, altri mezzi elettronici di pagamento. All’ufficio dei Monopoli, invece, il versamento va fatto sul conto corrente postale allo stesso intestato.
 
r.fo.
pubblicato Venerdì 9 Novembre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino