Normativa e prassi
Detassazione premi di produttività:
in GU le regole per la proroga 2012
L’importo massimo agevolabile è fissato a 2.500 euro; accede al beneficio chi lo scorso anno ha posseduto redditi di lavoro dipendente non superiori a 30mila euro
testo alternativo per immagine
La detassazione del lavoro straordinario e dei premi di produttività dei lavoratori dipendenti del settore privato, che prevede l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali regionale e comunale, con aliquota del 10%, era stata confermata per il 2012 dalla legge di stabilità dello scorso anno (legge 183/2011, articolo 33, comma 12).
Con il decreto del presidente del Consiglio dei ministri 23 marzo 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 125 del 30 maggio, è stato stabilito l’importo massimo assoggettabile alla tassazione agevolata e il limite di reddito per l’accesso al beneficio.
 
Il provvedimento fissa il tetto dell’importo su cui calcolare l’imposta sostitutiva in 2.500 euro lordi (lo scorso anno erano 6mila). Possono accedere al regime di favore coloro che, nel 2011, sono risultati titolari di redditi di lavoro dipendente per non più di 30mila euro, comprese le somme eventualmente assoggettate alla stessa imposta sostitutiva (nel 2011 l’agevolazione riguardava chi nel 2010 aveva avuto redditi di lavoro dipendente non superiori a 40mila euro).
 
L’agevolazione, che è a carattere sperimentale e mira a sostenere e incentivare la produttività delle imprese, si riferisce alle somme corrisposte per lavoro straordinario, lavoro notturno e festivo e alle indennità per le turnazioni, se collegate all’aumento della redditività aziendale.

r.fo.
pubblicato Giovedì 31 Maggio 2012

I più letti

testo alternativo per immagine
Snc e suoi componenti sono coobbligati al pagamento delle imposte e, quindi, dopo la cessazione dell’attività tocca ai secondi versare i tributi non assolti dall’azienda
testo alternativo per immagine
Una delle principali scadenze fiscali dell’anno, il versamento della seconda o unica rata dell’“anticipo” Irpef, cade di domenica (30 novembre) e, perciò, slitta al dì successivo
testo alternativo per immagine
L’anomala situazione commerciale giustifica la rettifica sulla base di sole presunzioni semplici, con conseguente inversione dell’onere della prova a carico del contribuente
testo alternativo per immagine
Nel processo amministrativo è previsto normativamente e qualificato come vera e propria obbligazione dovuta ex lege, ma non altrettanto succede nel diritto tributario
testo alternativo per immagine
In prossimità della scadenza del termine per la trasmissione telematica dei modelli, i chiarimenti del dipartimento delle Finanze sull’adempimento pro esenzione
testo alternativo per immagine
A differenza del vecchio Cud, contenente solo i dati dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, il nuovo schema accoglie anche quelli di lavoro autonomo e diversi e le provvigioni
testo alternativo per immagine
Snc e suoi componenti sono coobbligati al pagamento delle imposte e, quindi, dopo la cessazione dell’attività tocca ai secondi versare i tributi non assolti dall’azienda
Dito su calendario
La regola vale qualora l’interessato non contesti di non aver avuto la cartella con la pretesa tributaria, ma si limiti a metterne in discussione la data di consegna
testo alternativo per immagine
Una delle principali scadenze fiscali dell’anno, il versamento della seconda o unica rata dell’“anticipo” Irpef, cade di domenica (30 novembre) e, perciò, slitta al dì successivo
testo alternativo per immagine
In prossimità della scadenza del termine per la trasmissione telematica dei modelli, i chiarimenti del dipartimento delle Finanze sull’adempimento pro esenzione
testo alternativo per immagine
A differenza del vecchio Cud, contenente solo i dati dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, il nuovo schema accoglie anche quelli di lavoro autonomo e diversi e le provvigioni
testo alternativo per immagine
Più facile, inoltre, aggiornare la propria situazione economica in caso di rilevante diminuzione del reddito, con la possibilità di ottenere l’indicatore “corrente”
immagine generica
La deduzione dal reddito è pari al 20% del prezzo di acquisto risultante dall’atto di compravendita, comunque entro il limite massimo complessivo di spesa di 300mila euro
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua