Normativa e prassi
Dichiarazione successione online:
arriva il nuovo modello aggiornato
La versione “rivisitata” potrà essere utilizzata a partire dal 12 settembre 2017. Dalla stessa data sarà a disposizione dei contribuenti anche l’apposito software di compilazione
Dichiarazione successione online:|arriva il nuovo modello aggiornato
Pronta la “nuova” versione del modello di dichiarazione di successione e domanda di volture catastali: con il provvedimento del 15 giugno 2017, l’Agenzia delle Entrate ha approvato la versione “riveduta e corretta” per consentire la gestione di particolari fattispecie, alcune delle quali entrate in vigore successivamente all’approvazione di quella precedente.
Tra le novità, si segnala l’inserimento, all’interno della sezione “Dati generali”, della casella “Data opzione articolo 24-bis, Tuir”, in cui deve essere indicata la data di decorrenza dell’esercizio dell’opzione per usufruire del regime agevolato previsto dall’articolo 1, comma 158, della legge di bilancio 2017 (legge 232/2016). Tale ultima disposizione prevede che, con riferimento alle successioni aperte nei periodi di validità dell’opzione per l’imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero realizzati da persone fisiche che trasferiscono la propria residenza fiscale in Italia (articolo 24-bis, Tuir), l’imposta sulle successioni è dovuta limitatamente ai beni e ai diritti esistenti in Italia al momento della successione. L’opzione deve essere stata esercitata dal dante causa (de cuius), che può averne esteso gli effetti anche ai suoi familiari. In tal caso, nella dichiarazione devono essere indicati solo i beni e i diritti, rientranti in successione, esistenti in Italia.
 
Il modello adottato oggi sostituisce quello approvato con il provvedimento del 27 dicembre 2016 (vedi “Successione, tutto con un click: dichiarazione e volture catastali“).
 
Il nuovo modello potrà essere utilizzato a partire dal 12 settembre 2017 e, dallo stesso giorno, sarà disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate l’apposito software per la compilazione e la presentazione.
 
La nuova versione fornisce informazioni ancora più dettagliate in relazione ai beni, diritti e passività che concorrono alla formazione dell’attivo ereditario.
 
Viene confermato che, fino al 31 dicembre 2017, è comunque possibile utilizzare ancora la precedente modulistica cartacea (modello 4) per la presentazione della dichiarazione di successione presso gli uffici competenti dell’Agenzia delle Entrate.
 
Pertanto, con riferimento alle successioni aperte a decorrere dal 3 ottobre 2006:
  • fino all’11 settembre 2017, è possibile utilizzare il modello approvato con il provvedimento del 27 dicembre 2016
  • a partire dal 12 settembre 2017, sarà utilizzabile la versione aggiornata del modello approvata con il provvedimento in esame.
In ogni caso, fino al 31 dicembre 2017, è comunque possibile avvalersi del vecchio modello 4.

Invece, per le successioni aperte in data anteriore al 3 ottobre 2006, nonché per le dichiarazioni integrative, sostitutive o modificative di una dichiarazione presentata con il modello 4, deve essere utilizzato il medesimo modello, seguendo le relative modalità di presentazione.
r.fo.
pubblicato Giovedì 15 Giugno 2017

I più letti

Alle società e alle associazioni, iscritte nel Registro Coni, si applicano le regole previste per tutti gli altri contribuenti, con alcune specificità relative agli importi da pagare
immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine generica illustrativa
Il pagamento integrale del debito tributario non è una giustificazione idonea a eliminare l’illiceità o l’antigiuridicità della condotta e, quindi, a escludere la configurabilità del delitto
Per il perfezionamento della procedura, entro il 31 maggio 2019 bisogna presentare un’apposita domanda e versare, con F24, l’importo dovuto, pari al valore della controversia
Definite anche le regole con cui gli intermediari possono inviare all’Amministrazione finanziaria la comunicazione telematica relativa ai dati essenziali degli incarichi ricevuti
immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
Entro il 30 aprile 2019 le richieste dovranno essere presentate direttamente agli sportelli della Riscossione o trasmesse alla casella pec della direzione regionale competente
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Per il perfezionamento della procedura, entro il 31 maggio 2019 bisogna presentare un’apposita domanda e versare, con F24, l’importo dovuto, pari al valore della controversia
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino