Normativa e prassi
Differimento dell'acconto Irpef,
il codice per il credito d'imposta
Va utilizzato dai contribuenti che, versando nella misura ordinaria del 99%, non hanno fruito della riduzione
Differimento dell'acconto Irpef,| il codice per il credito d'imposta
Coniato, con la risoluzione n. 284/E del 15 dicembre, il codice tributo per l'utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d'imposta, pari a quanto versato in più, spettante ai contribuenti che alla data di entrata in vigore del decreto "taglia-acconti" (Dl 168/2009) avevano già provveduto a versare per intero l'acconto Irpef di novembre.

L'articolo 1 del decreto legge 168/2009, che ha ridotto di venti punti percentuali l'importo dell'acconto Irpef da versare entro il 30 novembre (portandolo quindi al 79%), ha infatti previsto, per i contribuenti che hanno pagato l'acconto applicando la vecchia misura, la possibilità di utilizzare in compensazione l'eccedenza di versamento.

La risoluzione di oggi istituisce il codice tributo "4035" denominato "IRPEF - utilizzo in compensazione del credito d'imposta di cui all'art. 1, c. 2, d.l. 168/2009", con la possibilità quindi di sfruttare i maggiori importi a credito già in occasione dei prossimi versamenti (ricordiamo che domani, tra l'altro, c'è l'appuntamento con il saldo Ici).

Al momento della compilazione del modello F24, il nuovo codice deve essere indicato nella sezione "Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "Importi a credito compensati", con l'indicazione, come "anno di riferimento", dell'anno d'imposta cui si riferisce il credito.
Patrizia De Juliis
pubblicato Martedì 15 Dicembre 2009

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entro le 14,50 del 29 dicembre 2017 devono essere trasferite alla Banca d’Italia le somme in precedenza affluite a banche, uffici postali, agenti della riscossione e istituti convenzionati
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Il sistema stesso segnalerà il superamento dei limiti consentiti. Le nuove regole permettono di trasmettere file di maggiori dimensioni anche rispetto alle soglie previste per la Pec
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge in materia di spettacolo che, tra l’altro, interviene anche sulla disciplina dei crediti d’imposta previsti a supporto del settore
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino