Normativa e prassi
Differimento dell'acconto Irpef,
il codice per il credito d'imposta
Va utilizzato dai contribuenti che, versando nella misura ordinaria del 99%, non hanno fruito della riduzione
Differimento dell'acconto Irpef,| il codice per il credito d'imposta
Coniato, con la risoluzione n. 284/E del 15 dicembre, il codice tributo per l'utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d'imposta, pari a quanto versato in più, spettante ai contribuenti che alla data di entrata in vigore del decreto "taglia-acconti" (Dl 168/2009) avevano già provveduto a versare per intero l'acconto Irpef di novembre.

L'articolo 1 del decreto legge 168/2009, che ha ridotto di venti punti percentuali l'importo dell'acconto Irpef da versare entro il 30 novembre (portandolo quindi al 79%), ha infatti previsto, per i contribuenti che hanno pagato l'acconto applicando la vecchia misura, la possibilità di utilizzare in compensazione l'eccedenza di versamento.

La risoluzione di oggi istituisce il codice tributo "4035" denominato "IRPEF - utilizzo in compensazione del credito d'imposta di cui all'art. 1, c. 2, d.l. 168/2009", con la possibilità quindi di sfruttare i maggiori importi a credito già in occasione dei prossimi versamenti (ricordiamo che domani, tra l'altro, c'è l'appuntamento con il saldo Ici).

Al momento della compilazione del modello F24, il nuovo codice deve essere indicato nella sezione "Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "Importi a credito compensati", con l'indicazione, come "anno di riferimento", dell'anno d'imposta cui si riferisce il credito.
Patrizia De Juliis
pubblicato Martedì 15 Dicembre 2009

I più letti

testo alternativo per immagine
La trasmissione delle informazioni richieste va effettuata entro il trentesimo giorno successivo alla data di scadenza per l’invio della dichiarazione annuale dei redditi
testo alternativo per immagine
La Commissione tributaria, invece, limitandosi a moltiplicare per tre il valore della media degli utili operativi dell’ultimo triennio, giungeva a un risultato palesemente ingiustificato
Censurata la sola disposizione sull’inammissibilità dei ricorsi depositati prima della conclusione del procedimento, tra l’altro normativamente già superata con l’ultima legge di stabilità
immagine
L’intervallo temporale a disposizione per presentare la dichiarazione per un’eredità accettata con beneficio d’inventario in nome di un minore scatta dal raggiungimento dei diciotto anni
immagine
La Cassazione ribadisce che una transazione corretta ma “irragionevole”, è contestabile se porta nelle tasche del contribuente soltanto risparmi d’imposta
testo alternativo per immagine
La trasmissione delle informazioni richieste va effettuata entro il trentesimo giorno successivo alla data di scadenza per l’invio della dichiarazione annuale dei redditi
testo alternativo per immagine
Né importa che non sia stata barrata alcuna specifica casella dell’avviso di ricevimento e che non sia stata altrimenti indicata la qualità del consegnatario dell’atto
immagine
L’intervallo temporale a disposizione per presentare la dichiarazione per un’eredità accettata con beneficio d’inventario in nome di un minore scatta dal raggiungimento dei diciotto anni
testo alternativo per immagine
La Commissione tributaria, invece, limitandosi a moltiplicare per tre il valore della media degli utili operativi dell’ultimo triennio, giungeva a un risultato palesemente ingiustificato
segretaria
Per i giudici di legittimità, il lavoro della collaboratrice dell’avvocato rappresenta comunque un elemento potenziatore e aggiuntivo ai fini della produzione del reddito
pc
Applicazione semplice e facilmente utilizzabile da chi ha familiarizzato più con monitor e tastiera che con la vecchia biro, ormai sulla soglia della pensione di anzianità
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
testo alternativo per immagine
Risolta l’asimmetria creatasi con il succedersi delle norme. Adesso, imposta sul valore aggiunto e imposte dirette possono continuare a viaggiare e relazionarsi come prima
modellino casa con contratto e chiavi
La riduzione del corrispettivo non comporta riliquidazione dell'imposta né risoluzione del contratto
testo alternativo per immagine
Il maggior tempo concesso all’ente locale per esercitare il controllo è ritenuto necessario a seguito della mancata collaborazione del contribuente, in tal modo sanzionandola