Normativa e prassi
Due nuove causali contributo
per altrettanti enti bilaterali
Vanno riportate nell'apposito campo dei modelli di pagamento unificato e permettono di indirizzare le somme versate direttamente agli enti e alle casse che le attendono
immagine generica illustrativa
Destinazione Inps a mezzo F24 e immediato trasferimento nelle casse di due diversi enti bilaterali. Elav ed Ebcd, le nuove causali contributo istituite, rispettivamente con le risoluzioni 116/E e 117/E del 12 settembre 2017, identificheranno, la prima, l'ente bilaterale dei lavoratori (E.Lav), la seconda, quello nazionale confederale (E.Bi.N.Conf.). Saranno i datori di lavoro a indicarle nel modello di pagamento unificato, per dirottare i contributi di finanziamento nella giusta direzione.

L'istituzione delle due nuove causali va inquadrata nell'ambito della convenzione 18 giugno 2008 stipulata tra Agenzia delle entrate e Inps per regolare la riscossione, mediante F24, dei contributi spettanti all'Istituto di previdenza e di quelli previsti dalla legge 311/1973 che ha ratificato l'estensione del servizio di riscossione dei contributi associativi tramite gli enti previdenziali.

Nell'F24 vanno indicate nella sezione "Inps", nel campo "causale contributo" in corrispondenza degli "importi a debito versati". All'interno della stessa sezione, negli appositi campi, vanno riportati, inoltre, il codice della sede Inps competente, la matricola Inps dell'azienda o della filiale.
 
r.fo.
pubblicato Martedì 12 Settembre 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Questi rilevanti profili operativi sono stati opportunamente calibrati e adeguati alle importanti modifiche che hanno interessato il meccanismo della scissione dei pagamenti
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino