Normativa e prassi
Elenchi Intrastat più semplici
grazie a riduzioni e abolizioni
Prevista la soppressione dei modelli trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi; diminuisce il numero dei contribuenti soggetti all’obbligo di comunicazione all'Amministrazione
Elenchi Intrastat più semplici|grazie a riduzioni e abolizioni
Arrivano semplificazioni e minori adempimenti per i soggetti passivi Iva tenuti all’invio degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (modelli Intrastat).
Con il provvedimento 25 settembre 2017, adottato dal direttore dell’Agenzia delle entrate di concerto con il direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e d’intesa con l’Istat, infatti, sono stati alleggeriti gli obblighi comunicativi dei contribuenti attraverso la razionalizzazione dei flussi informativi.
 
Elenchi Intrastat più semplici e snelli
L’ultimo “decreto milleproroghe” ha previsto l’adozione di “significative misure di semplificazione” in materia di elenchi Intrastat (cfr articolo 50, comma 6, terzo periodo, Dl 331/1993, come modificato dall’articolo 13, comma 4-quater, Dl 244/2016) con un duplice obiettivo:
  • evitare duplicazioni di adempimenti comunicativi a carico dei contribuenti Iva
  • ridurre, nel rispetto della normativa Ue, le informazioni fiscali e statistiche da trasmettere all’amministrazione.
Il provvedimento in esame è stato emanato proprio in applicazione di quanto previsto dall’articolo 50, comma 6.

Le semplificazioni riguardano i seguenti elenchi riepilogativi:
  • modello INTRA 2bis, relativo agli acquisti di beni
  • modello INTRA 2quater, relativo agli acquisti di servizi
  • modello INTRA 1bis, relativo alle cessioni di beni
  • modello INTRA 1quater, relativo ai servizi resi.
In sintesi, queste le misure previste:
  • abolizione dei modelli Intra trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi
  • attribuzione di una valenza esclusivamente statistica ai modelli Intra mensili relativi agli acquisti di beni e servizi
  • innalzamento della soglia dell’ammontare delle operazioni (da 50mila a 200mila euro trimestrali per gli acquisti di beni e da 50mila a 100mila euro trimestrali per gli acquisti di servizi) per l’individuazione dei soggetti obbligati a presentare i relativi elenchi riepilogativi
  • mantenimento degli attuali modelli Intra previsti per le cessioni di beni e di servizi (per queste operazioni la presentazione, con periodicità mensile o trimestrale, resta ancorata alla soglia di 50mila euro)
  • innalzamento della soglia “statistica” per gli elenchi relativi alle cessioni di beni. Infatti, la compilazione dei dati statistici negli elenchi mensili relativi a queste operazioni è opzionale per i soggetti che non superano i 100mila euro di operazioni trimestrali
  • semplificazione della compilazione del campo “Codice Servizio”, nei modelli in cui è presente, attraverso il ridimensionamento del livello di dettaglio richiesto. Si passa, infatti, dal Cpa a 6 cifre al Cpa a 5 cifre. In tal modo, si determina una riduzione di circa il 50% dei codici Cpa da selezionare.
Grazie a queste semplificazioni, si registra una sensibile riduzione del numero dei contribuenti soggetti all’obbligo di comunicazione degli elenchi riepilogativi per gli acquisiti di beni e servizi.
 
Inoltre, si prevede che le informazioni di rilievo statistico connesse agli acquisti intracomunitari di beni e servizi da parte dei soggetti trimestrali, per i quali è stato eliminato l’obbligo di presentazione degli Intrastat, sono ricavate dalla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute ovvero dalle fatture elettroniche trasmesse telematicamente.
 
Il provvedimento precisa che, alla luce del nuovo meccanismo, la verifica relativa al superamento della “soglia statistica” andrà eseguita distintamente per ogni categoria di operazione. In ogni caso, le soglie operano in maniera indipendente e, quindi, il superamento del limite per una singola categoria di operazioni non incide sulla periodicità relativa alle altre tre categorie.
Esemplificando, se durante un trimestre un soggetto passivo ha realizzato acquisti intracomunitari di beni pari a 300mila euro e, nello stesso periodo, ha ricevuto servizi intracomunitari per 10mila euro, sarà tenuto a presentare mensilmente l’elenco riepilogativo dei soli acquisti intracomunitari di beni e non quello dei servizi intracomunitari ricevuti.
 
Le misure di semplificazione adottate con il provvedimento in esame si applicano agli elenchi riepilogativi aventi periodi di riferimento decorrenti dal mese di gennaio 2018.
Gennaro Napolitano
pubblicato Lunedì 25 Settembre 2017

I più letti

immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
immagine di una donna che controlla un bilancio
È colpevole di omesso o insufficiente esercizio del potere di controllo sullo svolgimento degli affari e consultazione della contabilità nonché del diritto a ottenere il rendiconto dell'attività
Gli intermediari intervenuti nella stipula devono comunicare nome, cognome e codice fiscale di chi affitta, durata, importo del corrispettivo lordo e indirizzo dell’immobile
immagine con una lampadina spenta in mezzo ad altre accese
A questa, e non già all'oggetto sociale come definito dall'atto costitutivo, occorre avere riguardo per verificare se una determinata operazione va considerata nel conteggio
immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
Confermate le novità in materia di iper ammortamento, redditometro, split payment, credito d’imposta ricerca e sviluppo, prelievo erariale unico e società sportive dilettantistiche
immagine di persone che hanno uno scopo comune
L'oggetto di una società lucrativa e di una assistenzialistica può in linea di massima essere lo stesso, è l'obiettivo finale che funge da discrimine tra le due compagini
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino