Normativa e prassi
Entra in scena l’F24 EP aggiornato.
Lo start dal prossimo 2 novembre
La procedura telematica estesa a tutti i tributi erariali e ai contributi e premi a favore di Inps, Inpdap e Inail
Entra in scena l’F24 EP aggiornato.| Lo start dal prossimo 2 novembre
Al via il nuovo modello F24 Enti pubblici approvato, lo scorso 3 giugno, con decreto del direttore delle Entrate. Le risoluzioni 96/E, 97/E e 98/E del 7 ottobre spiegano come compilare i campi introdotti per pagare i contributi assistenziali e previdenziali e i premi assicurativi a Inps, Inpdap e Inail. Mentre, la risoluzione n. 101/E istituisce i codici tributo che gli stessi enti dovranno utilizzare, sempre seguendo la nuova procedura, per versare i tributi erariali amministrati dall’Agenzia delle Entrate, secondo quanto previsto dall’articolo 32-ter, comma 1, Dl n. 185/2009.
 
Si completa così il processo di razionalizzazione delle procedure di pagamento da parte degli enti pubblici, avviato nel 2007 con riferimento alle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e di pensione, alle relative addizionali regionale e comunale e all’Irap.
Il nuovo sistema consente di ottenere numerosi vantaggi: contenimento dei costi per lo Stato, sicurezza in fase di trasmissione dei flussi informativi, maggiore attendibilità dei dati, utilizzo di un unico modello di pagamento, tempestività negli accreditamenti ai soggetti destinatari delle somme.
 
L’adozione dell’F24 Ep per ulteriori tipologie di pagamenti diretti ad amministrazioni e organismi pubblici (articolo 32-ter, commi 1 e 2, del Dl 185/2008) – compresi quelli indicati nelle risoluzioni odierne – ha comportato alcune modifiche e nuovi spazi da inserire nel modello telematico. È stata ad esempio eliminata, nella sezione “Contribuente”, la voce “barrare in caso di anno d’imposta non coincidente con anno solare” e, nel “Dettaglio versamento”, hanno trovato posto o hanno cambiato denominazione altri campi.
Unicamente per l’Inps, comunque, le vecchie modalità di versamento non andranno subito in pensione, ma potranno essere utilizzate fino al 31 dicembre 2010.
 
In sintesi, dal prossimo 2 novembre, come viene specificato nelle tre risoluzioni, il modello aggiornato sarà utilizzabile per versare anche:
·        i contributi obbligatori e volontari ai fini pensionistici e previdenziali all’Inpdap (risoluzione n. 96/E)
·        i premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali all’Inail (risoluzione n. 97/E)
·        i contributi previdenziali e assistenziali all’Inps (risoluzione n. 98/E).
 
I documenti di prassi specificano, per ogni ente, come compilare i campi ad hoc introdotti.
 
 
Campi del modello F24-EP
 
Modalità di compilazione
INPS
INPDAP
INAIL
Sezione
Voce INPS (valore I) dal menù a tendina
Voce INPDAP (valore Q) dal menù a tendina
Voce INAIL (valore N) dal menù a tendina
Codice tributo/causale
Causale contributo dalla tabella allegata, anche su www.agenziaentrate.gov.it
Causale contributo dalla tabella allegata, anche su www.agenziaentrate.gov.it
Numero di riferimento(composto da sei cifre) comunicato dall’INAIL
Codice
 
Codice della sede Inps competente, dalla tabella su www.agenziaentrate.gov.it
Sigla provincia della sede, dalla tabella su www.agenziaentrate.gov.it
Codice della sede Inail competente, dalla tabella su www.agenziaentrate.gov.it.
Estremi identificativi
“Matricola INPS”o “Filiale azienda” o “Codice INPS” dalla tabella allegata
Facoltativo, in base alle indicazioni fornite dall’Inpdap
“Codice ditta” comunicato dall’Inail, senza il relativo codice di controllo (p.e., codice ditta 1234567/41, indicare 1234567)
Riferimento A
 
Valore previsto dalle singole causali evidenziato nella tabella allegata
Inizio del periodo di riferimento di competenza
Valore “P”
Riferimento B
 
Valore previsto dalle singole causali evidenziato nella tabella allegata
Fine del periodo di riferimento di competenza
Non va compilato
Importi a debito versati
Importo versato
Importo versato
Importo versato
 
Passando alla risoluzione n. 101/E, con essa vengono invece istituiti i codici tributo (58 in tutto), che dovranno utilizzare i tre istituti per versare, con il modello F24 Ep, all’Agenzia delle Entrate, i tributi erariali (trattenute e saldi d’imposta, acconti, addizionali, eccetera) da essa amministrati. Saranno attivi dal prossimo 2 novembre, anche se sarà possibile continuare a effettuare i versamenti anche con le vecchie modalità fino al 31 dicembre 2010.
Il documento contiene anche le istruzioni per compilare correttamente i corrispondenti campi.
 
La risoluzione specifica, inoltre, che non deve essere compilato il campo “estremi identificativi” e che i codici delle singole regioni/province e quelli catastali dei Comuni sono reperibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, consultando le tabelle “T0 codici delle Regioni e delle Province autonome” e “Tabella dei Codici Catastali dei Comuni”.
Anna Maria Badiali
pubblicato Giovedì 7 Ottobre 2010

I più letti

La legge di bilancio non ha chiarito, ma modificato, le regole e, mancando una espressa previsione di retroattività, gli atti antecedenti al 2018 seguono la precedente normativa
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
L’Agenzia precisa che il tax credit è applicabile anche nel caso in cui le spese agevolabili siano sostenute da una società residente su incarico del socio unico statunitense
immagine generica illustrativa
Vale per le imposte sui redditi; ai fini Iva, invece, l’ufficio deve provare la macroscopica non convenienza rilevante quale indizio dell’assenza di connessione tra costo e attività d’impresa
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino