Normativa e prassi
Estrazione di beni da deposito Iva:
istruzioni per l’uso agli esportatori
L’Agenzia delle Entrate indica come compilare e presentare correttamente in questi casi il nuovo modello di dichiarazione d’intento; chiarimenti anche per l’utilizzo del plafond
Estrazione di beni da deposito Iva:|istruzioni per l’uso agli esportatori
La disciplina dei depositi fiscali ai fini Iva (articolo 50-bis, Dl 331/1993), come noto, è stata significativamente modificata dal decreto legge collegato alla manovra di bilancio per il 2017 (articolo 4, commi 7 e 8, Dl 193/2016).
In base alle nuove disposizioni, si prevede che l’estrazione di beni da un deposito Iva sia effettuata senza pagamento dell’imposta quando eseguita da esportatori abituali che si avvalgono della facoltà di acquistare, anche tramite commissionari, o importare beni e servizi senza pagamento dell’Iva (articolo 8, primo comma, lettera c, e secondo comma, Dpr 633/1972).
In tali casi, la dichiarazione d’intento (articolo 1, comma 1, lettera c, Dl 746/1983) deve essere comunque trasmessa all’Agenzia delle Entrate, che rilascia apposita ricevuta telematica.
 
L’Agenzia, nella risoluzione n. 35/E del 20 marzo 2017, fornisce chiarimenti operativi rispetto al modo in cui gli esportatori abituali sopra indicati devono compilare la dichiarazione d’intento, anche in considerazione dell’approvazione del nuovo modello di dichiarazione (utilizzabile a partire dal 1° marzo 2017), avvenuta con il provvedimento del 2 dicembre 2016.
 
Compilazione del modello
L’amministrazione chiarisce che, nei casi in esame, l’esportatore abituale deve compilare una dichiarazione d’intento per ogni singola estrazione e indicare quale destinatario il gestore del deposito, i cui dati (codice fiscale, partita Iva e denominazione), quindi, devono essere inseriti nella sezione del modello “Destinatario della dichiarazione”.
L’importo dell’estrazione, invece, deve essere inserito nella sezione “Dichiarazione”, valorizzando il campo 1 “una sola operazione per un importo fino a euro”.
 
Modalità di presentazione e verifica della trasmissione
L’esportatore abituale trasmette telematicamente all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione d’intento e acquisisce la relativa ricevuta.
La dichiarazione, insieme alla ricevuta di presentazione, va consegnata al gestore del deposito che, a sua volta, procede a riscontrare telematicamente l’avvenuta presentazione.
Restano ferme le modalità procedurali per lo svincolo della garanzia (commisurata all’imposta) relativa alle operazioni di immissione in libera pratica di beni non comunitari destinati a essere introdotti in un deposito Iva (sul punto, la risoluzione in esame rinvia alle istruzioni fornite dall’Agenzia delle Dogane e dei monopoli con le note prot. n. 84920/RU e prot. n. 113881/RU rispettivamente del 7 settembre e del 5 ottobre 2011).
 
Utilizzo del plafond
Infine, l’Agenzia precisa che l’uso della dichiarazione d’intento per l’estrazione di beni da un deposito Iva implica, per l’esportatore abituale, l’utilizzo del suo plafond disponibile, il cui importo, conseguentemente, si riduce, per ogni singola estrazione, dell’ammontare dell’estrazione stessa, nella misura indicata all’interno della sezione “Dichiarazione” - campo 1 “una sola operazione per un importo fino a euro”.
Gennaro Napolitano
pubblicato Lunedì 20 Marzo 2017

I più letti

On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
Ai compensi dei professionisti si applica il principio di cassa: la disponibilità della somma indicata nel titolo di credito va inquadrata al momento in cui lo stesso è ricevuto
disegno con dispositivi per diverse forme di pagamento
Per facilitare il passaggio alle nuove modalità di pagamento, fino al prossimo 31 dicembre è previsto un periodo transitorio in cui saranno ancora possibili versamenti cash
immagine generica che indica una sostituzione
Dall'attuazione delle disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, cioè il passaggio da uno strumento all'altro deve avvenire a invarianza di gettito
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
immagine generica che indica una sostituzione
Dall'attuazione delle disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, cioè il passaggio da uno strumento all'altro deve avvenire a invarianza di gettito
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino