Normativa e prassi
Immobili classificati nel gruppo D:
coefficienti 2016 per Imu e Tasi
Stabiliti con il consueto decreto del Mef, di prossima pubblicazione in Gazzetta, sono utilizzati per calcolare il valore dei fabbricati delle imprese non iscritti in catasto
immagine di capannoni industriali
Aggiornati i coefficienti che consentono di determinare il valore dei fabbricati appartenenti al gruppo D, come capannoni, centrali idroelettriche, impianti fotovoltaici, centri commerciali, ai fini dell'applicazione dell'Imu e della Tasi. La tabella con i valori aggiornati, è fissata dal decreto 29 febbraio 2016 del ministero dell'Economia e delle Finanze.

I fabbricati interessati al decreto devono essere:
- classificati nel gruppo D
- non iscritti al catasto
- posseduti nell'esercizio di impresa
- contabilizzati separatamente.

Secondo quanto previsto dall'articolo 5, comma 3, del Dlgs 504/1992, la base imponibile dei fabbricati, non iscritti in catasto e perciò senza rendita certa, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, viene determinata ogni anno, fino all'attribuzione della rendita, applicando al valore che risulta dalle scritture contabili, al lordo delle quote di ammortamento, i coefficienti ministeriali definiti con apposito decreto.

Questi, dunque, i coefficienti di aggiornamento per il 2016:
per l'anno 2016 = 1,01 per l'anno 2015 = 1,01
per l'anno 2014 = 1,01 per l'anno 2013 = 1,02
per l'anno 2012 = 1,04 per l'anno 2011 = 1,07
per l'anno 2010 = 1,09 per l'anno 2009 = 1,10
per l'anno 2008 = 1,14 per l'anno 2007 = 1,18
per l'anno 2006 = 1,22 per l'anno 2005 = 1,25
per l'anno 2004 = 1,32 per l'anno 2003 = 1,37
per l'anno 2002 = 1,42 per l'anno 2001 = 1,45
per l'anno 2000 = 1,50 per l'anno 1999 = 1,52
per l'anno 1998 = 1,54 per l'anno 1997 = 1,58
per l'anno 1996 = 1,63 per l'anno 1995 = 1,68
per l'anno 1994 = 1,73 per l'anno 1993 = 1,77
per l'anno 1992 = 1,79 per l'anno 1991 = 1,82
per l'anno 1990 = 1,91 per l'anno 1989 = 1,99
per l'anno 1988 = 2,08 per l'anno 1987 = 2,25
per l'anno 1986 = 2,43 per l'anno 1985 = 2,60
per l'anno 1984 = 2,77 per l'anno 1983 = 2,95
per l'anno 1982 e anni precedenti = 3,12  
r.fo.
pubblicato Martedì 1 Marzo 2016

I più letti

Una funzionaria delle Entrate, in un breve filmato, illustra tutti i passaggi da seguire per visualizzare, modificare e trasmettere con semplicità la propria dichiarazione dei redditi
immagine di un gatto messo in punizione faccia al muro
L'applicazione del regime "punitivo" più vantaggioso per il contribuente, in seguito alle ultime modifiche legislative, non opera sempre in maniera automatica e generalizzata
Solo i risultati contabili che l’Agenzia non ha potuto trasmettere al sostituto “inadempiente” saranno inviati da Caf e professionisti tramite i canali tradizionali, come e-mail e fax
La normativa speciale si occupa anche dei rapporti con le operazioni con l’estero, in particolare cessioni all’esportazione e assimilate effettuate da esportatori abituali
Vanno utilizzati per la determinazione della base imponibile, ai fini dei due tributi locali, degli immobili posseduti da imprese che li hanno distintamente contabilizzati in bilancio
Nella nuova pubblicazione dell'Agenzia, tutto quello che occorre sapere prima di comprare l'abitazione: le verifiche da fare, i tributi da pagare, i possibili "sconti" da fruire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La normativa speciale si occupa anche dei rapporti con le operazioni con l’estero, in particolare cessioni all’esportazione e assimilate effettuate da esportatori abituali
Da oggi è disponibile online la dichiarazione 2017, modello 730 e modello Redditi. Trenta milioni di contribuenti possono consultare le informazioni e gli elementi preinseriti
Per i documenti rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, pagamento online, con addebito in conto, carte di credito, di debito o prepagate tramite i servizi del sistema pagoPA
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Un vero e proprio manuale omnicomprensivo, con l’obiettivo di fornire la migliore assistenza possibile ai contribuenti e assicurare uniformità e trasparenza all’azione amministrativa
L’Agenzia illustra le modalità con cui, a partire dal 18 aprile, i contribuenti o i soggetti delegati possono prendere visione del modello 730 predisposto dall’amministrazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino