Normativa e prassi
Immobili classificati nel gruppo D:
coefficienti 2016 per Imu e Tasi
Stabiliti con il consueto decreto del Mef, di prossima pubblicazione in Gazzetta, sono utilizzati per calcolare il valore dei fabbricati delle imprese non iscritti in catasto
immagine di capannoni industriali
Aggiornati i coefficienti che consentono di determinare il valore dei fabbricati appartenenti al gruppo D, come capannoni, centrali idroelettriche, impianti fotovoltaici, centri commerciali, ai fini dell'applicazione dell'Imu e della Tasi. La tabella con i valori aggiornati, è fissata dal decreto 29 febbraio 2016 del ministero dell'Economia e delle Finanze.

I fabbricati interessati al decreto devono essere:
- classificati nel gruppo D
- non iscritti al catasto
- posseduti nell'esercizio di impresa
- contabilizzati separatamente.

Secondo quanto previsto dall'articolo 5, comma 3, del Dlgs 504/1992, la base imponibile dei fabbricati, non iscritti in catasto e perciò senza rendita certa, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, viene determinata ogni anno, fino all'attribuzione della rendita, applicando al valore che risulta dalle scritture contabili, al lordo delle quote di ammortamento, i coefficienti ministeriali definiti con apposito decreto.

Questi, dunque, i coefficienti di aggiornamento per il 2016:
per l'anno 2016 = 1,01 per l'anno 2015 = 1,01
per l'anno 2014 = 1,01 per l'anno 2013 = 1,02
per l'anno 2012 = 1,04 per l'anno 2011 = 1,07
per l'anno 2010 = 1,09 per l'anno 2009 = 1,10
per l'anno 2008 = 1,14 per l'anno 2007 = 1,18
per l'anno 2006 = 1,22 per l'anno 2005 = 1,25
per l'anno 2004 = 1,32 per l'anno 2003 = 1,37
per l'anno 2002 = 1,42 per l'anno 2001 = 1,45
per l'anno 2000 = 1,50 per l'anno 1999 = 1,52
per l'anno 1998 = 1,54 per l'anno 1997 = 1,58
per l'anno 1996 = 1,63 per l'anno 1995 = 1,68
per l'anno 1994 = 1,73 per l'anno 1993 = 1,77
per l'anno 1992 = 1,79 per l'anno 1991 = 1,82
per l'anno 1990 = 1,91 per l'anno 1989 = 1,99
per l'anno 1988 = 2,08 per l'anno 1987 = 2,25
per l'anno 1986 = 2,43 per l'anno 1985 = 2,60
per l'anno 1984 = 2,77 per l'anno 1983 = 2,95
per l'anno 1982 e anni precedenti = 3,12  
r.fo.
pubblicato Martedì 1 Marzo 2016

I più letti

Tre gradi di giudizio, tre “sconfitte”, per un’associazione di esperti fiscali che evita di parlare con l’amministrazione e, contestualmente, suggerisce rimedi impraticabili
immagine con una freccia che indica la via in mezzo a un groviglio di strade
Il "principio di derivazione rafforzata" è stato esteso ai soggetti, diversi dalle micro imprese, che redigono il bilancio in conformità alle nuove disposizioni del codice civile
Anche per le cessioni di beni usati, di oggetti d’arte, d’antiquariato e da collezione, effettuate da tali soggetti, opera il regime speciale di determinazione dell’imposta sul valore aggiunto
L’Agenzia delle Entrate illustra dettagliatamente i vari regimi agevolativi previsti a favore delle persone fisiche che decidono di trasferire la propria residenza fiscale in Italia
Il contribuente, prima di trasferire la residenza, ha la possibilità di presentare un interpello probatorio, che gli permette di verificare il possesso dei requisiti di accesso al regime
immagine con una freccia che indica la via in mezzo a un groviglio di strade
Il "principio di derivazione rafforzata" è stato esteso ai soggetti, diversi dalle micro imprese, che redigono il bilancio in conformità alle nuove disposizioni del codice civile
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Tre gradi di giudizio, tre “sconfitte”, per un’associazione di esperti fiscali che evita di parlare con l’amministrazione e, contestualmente, suggerisce rimedi impraticabili
Il risultato della sommatoria dei differenziali positivi e negativi derivanti dalla cessione di tali strumenti va assoggettato, se positivo, a un’imposta sostituiva del 26 per cento
Con una circolare, l’Agenzia delle Entrate illustra dettagliatamente la disciplina di riforma introdotta dal decreto legislativo 158/2015 in attuazione della legge di delega fiscale
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine della facciata di palazzo Chigi
Dal regime di tassazione delle locazioni brevi alla definizione delle liti pendenti: sono numerose e significative le disposizioni tributarie contenute nella manovra correttiva
Con una circolare, l’Agenzia delle Entrate illustra dettagliatamente la disciplina di riforma introdotta dal decreto legislativo 158/2015 in attuazione della legge di delega fiscale
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino