Normativa e prassi
Imposta di bollo virtuale:
come determinarla correttamente
L’Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di calcolo del tributo dovuto dagli operatori finanziari per il primo bimestre 2013. L’acconto 2012 è scomputabile
mano su calcolatrice
Per quest’anno, Poste italiane, banche, imprese di assicurazioni e altre società ed enti finanziari, tenuti al pagamento dell’imposta di bollo virtuale sugli atti emessi durante l’anno solare – mediante un meccanismo fatto di acconti basati su conteggi provvisori e saldi su liquidazioni definitive ricevute dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate – potranno determinare l’ammontare dell’imposta da versare entro il 28 febbraio tenendo conto dell’importo della rata calcolato dall’ufficio delle Entrate in relazione al primo bimestre 2012, e non dell’imposta effettivamente pagata in relazione a quella rata, scomputando da tale ammontare l’acconto versato nel 2012 (articolo 15-bis, Dpr 642/1972).
 
Il chiarimento, contenuto nella risoluzione 14/E del 27 febbraio, è stato necessario in seguito all’emanazione del Dpcm 21 gennaio 2013 che ha prorogato i termini della presentazione della dichiarazione annuale, dal 31 gennaio al 31 marzo 2013. Con tale dichiarazione i soggetti interessati comunicano il numero esatto degli atti e dei documenti emessi, consentendo all’ufficio di procedere alla “liquidazione definitiva dell’imposta di bollo dovuta per l’anno precedente imputando la differenza a debito o a credito della rata bimestrale scadente a febbraio … Tale liquidazione viene assunta … come base provvisoria per la liquidazione dell’imposta per l’anno in corso” (articolo 15, Dpr 642/1972).
Con lo spostamento del termine di presentazione della dichiarazione il meccanismo è saltato, ma in soccorso è intervenuto lo stesso Dpcm con l’articolo 2, grazie al quale “limitatamente all'anno 2013, l'obbligo di pagamento alla prima scadenza bimestrale è assolto con il versamento dell'importo corrispondente alla rata dell'imposta riferibile al primo bimestre dell'anno solare 2012 o, in mancanza, pari ad un sesto dell'imposta dovuta sugli atti e documenti che si presume verranno emessi durante l'anno.”
 
Ricapitolando, con le norme in materia alla mano, chi ha ricevuto il calcolo definitivo dell’importo dovuto per il primo bimestre 2012, da parte dell’ufficio finanziario, pagherà la rata di febbraio 2013 sulla base di tale calcolo. I soggetti che, invece, non hanno un riferimento preciso (perché non in possesso dell’autorizzazione al versamento del bollo virtuale – cfr articolo 15, Dpr 642/1972) devono determinare la somma in misura pari a un sesto del bollo dovuto sugli atti e documenti che presumono emettere durante l’anno.
 
La risoluzione conclude dicendo che, in ogni caso, “dal versamento dell’imposta da effettuare entro il 28 febbraio 2013, può essere scomputato l’acconto versato nel 2012”.
Paola Pullella Lucano
pubblicato Mercoledì 27 Febbraio 2013

I più letti

testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
Il contribuente, per superare la presunzione legale relativa, deve adeguatamente dimostrare che le somme movimentate sono state impiegate per operazioni non imponibili
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
La Direzione provinciale II di Torino ha scoperto il trucco contabile e ha recuperato 2,2 milioni di euro
impresa
Annullata la sentenza che aveva riconosciuto il diritto al recupero dell’imposta per operazioni commerciali occasionali, svolte in assenza di personale, beni e risorse
mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
Il comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera agli avvicendamenti dei vertici, più un incarico strategico, che interesseranno alcune direzioni regionali
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
In evidenza: meno informazioni negli elenchi riepilogativi Intrastat, operazioni black list da comunicare una sola volta all’anno, immediata l’iscrizione alla banca dati Vies
ciak
Tra le altre: niente dichiarazione di successione per eredità fino a 100mila euro, via la comunicazione per lavori energetici “pluriennali”, rimborsi Iva con meno vincoli
IMU
I proprietari delle aree non più esonerate dal pagamento dovranno versare l’imposta municipale propria, per il 2014, in un’unica soluzione, entro martedì 16 dicembre
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
A seconda della scelta effettuata dal contribuente (accettazione o modifica, in modo autonomo o delegando altri soggetti), è previsto un diverso iter dei controlli documentali