Normativa e prassi
Imposta di bollo virtuale:
come determinarla correttamente
L’Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di calcolo del tributo dovuto dagli operatori finanziari per il primo bimestre 2013. L’acconto 2012 è scomputabile
mano su calcolatrice
Per quest’anno, Poste italiane, banche, imprese di assicurazioni e altre società ed enti finanziari, tenuti al pagamento dell’imposta di bollo virtuale sugli atti emessi durante l’anno solare – mediante un meccanismo fatto di acconti basati su conteggi provvisori e saldi su liquidazioni definitive ricevute dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate – potranno determinare l’ammontare dell’imposta da versare entro il 28 febbraio tenendo conto dell’importo della rata calcolato dall’ufficio delle Entrate in relazione al primo bimestre 2012, e non dell’imposta effettivamente pagata in relazione a quella rata, scomputando da tale ammontare l’acconto versato nel 2012 (articolo 15-bis, Dpr 642/1972).
 
Il chiarimento, contenuto nella risoluzione 14/E del 27 febbraio, è stato necessario in seguito all’emanazione del Dpcm 21 gennaio 2013 che ha prorogato i termini della presentazione della dichiarazione annuale, dal 31 gennaio al 31 marzo 2013. Con tale dichiarazione i soggetti interessati comunicano il numero esatto degli atti e dei documenti emessi, consentendo all’ufficio di procedere alla “liquidazione definitiva dell’imposta di bollo dovuta per l’anno precedente imputando la differenza a debito o a credito della rata bimestrale scadente a febbraio … Tale liquidazione viene assunta … come base provvisoria per la liquidazione dell’imposta per l’anno in corso” (articolo 15, Dpr 642/1972).
Con lo spostamento del termine di presentazione della dichiarazione il meccanismo è saltato, ma in soccorso è intervenuto lo stesso Dpcm con l’articolo 2, grazie al quale “limitatamente all'anno 2013, l'obbligo di pagamento alla prima scadenza bimestrale è assolto con il versamento dell'importo corrispondente alla rata dell'imposta riferibile al primo bimestre dell'anno solare 2012 o, in mancanza, pari ad un sesto dell'imposta dovuta sugli atti e documenti che si presume verranno emessi durante l'anno.”
 
Ricapitolando, con le norme in materia alla mano, chi ha ricevuto il calcolo definitivo dell’importo dovuto per il primo bimestre 2012, da parte dell’ufficio finanziario, pagherà la rata di febbraio 2013 sulla base di tale calcolo. I soggetti che, invece, non hanno un riferimento preciso (perché non in possesso dell’autorizzazione al versamento del bollo virtuale – cfr articolo 15, Dpr 642/1972) devono determinare la somma in misura pari a un sesto del bollo dovuto sugli atti e documenti che presumono emettere durante l’anno.
 
La risoluzione conclude dicendo che, in ogni caso, “dal versamento dell’imposta da effettuare entro il 28 febbraio 2013, può essere scomputato l’acconto versato nel 2012”.
Paola Pullella Lucano
pubblicato Mercoledì 27 Febbraio 2013

I più letti

lavagna
Sono 204, aggiornati con i correttivi anticrisi e, allegati a Unico 2015, vanno trasmessi tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline, direttamente o avvalendosi di intermediari
studio del disegno di pepperino
Revisione congiunturale speciale per lo scorso periodo d’imposta: interessate le attività economiche delle manifatture, dei servizi, delle professioni e del commercio
due tasti del pc
I database delle due agenzie fiscali interessate alle nuove modalità di trasmissione delle dichiarazioni di chi effettua operazioni con l’estero, ora parlano la stessa lingua
visti
Autorizzazione a scadenza per i capitali in Svizzera, Liechtenstein e nel Principato di Monaco, Paesi con i quali sta per partire lo scambio automatico di informazioni
testo alternativo per immagine
Il settore residenziale riparte, anche grazie al più favorevole regime fiscale in vigore dall’anno scorso. Bene le case, soprattutto più grandi e nelle città più importanti
somma su lavagna
I costi dei servizi sono deducibili nell’anno in cui la prestazione è portata a termine, a prescindere dal momento in cui viene emessa la fattura o è effettuato il pagamento
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
immagine del simbolo del dollaro che si scioglie
Respinta la tesi volta a giustificare la condotta dell’imputato con le sue pessime condizioni economiche e con il mancato pagamento delle fatture da parte dei clienti
Foto del direttore dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi
Al centro dell’intervento del direttore delle Entrate a palazzo Madama tre schemi di decreti legislativi tesi all’attuazione di parte della legge delega di riforma fiscale
fila di camion
Aggiornate le istruzioni per predisporre la delega di pagamento in caso di fruizione in compensazione del bonus spettante agli operatori del settore per l’acquisto del carburante
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario