Normativa e prassi
Imposta comunale sulla pubblicità:
no agli aumenti post 26 giugno 2012
Le delibere approvative o confermative delle maggiorazioni tariffarie, adottate dopo tale data, devono essere considerate illegittime; stesso discorso per le ipotesi di proroga tacita
Imposta comunale sulla pubblicità:|no agli aumenti post 26 giugno 2012
Gli aumenti tariffari dell’imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni (Icpdpa), approvati o confermati dal Comune dopo il 26 giugno 2012, sono illegittimi. Analoghe considerazioni valgono per l’ipotesi di proroga tacita delle tariffe. Il chiarimento arriva dal dipartimento delle Finanze con la risoluzione n. 2/DF.
 
Normativa di riferimento
L’imposta comunale sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni, disciplinati dagli articoli da 1 a 37 del decreto legislativo 507/1993, si applicano rispettivamente alla diffusione di messaggi pubblicitari (effettuata attraverso forme di comunicazione visive o acustiche in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che sia da tali luoghi percepibile) e alle pubbliche affissioni.
 
La legge 449/1997 (Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica) ha previsto che le tariffe relative a tali tributi possono essere aumentati dagli enti locali fino a un massimo del 20% a decorrere dal 1° gennaio 1998 e fino a un massimo del 50% a decorrere dal 1° gennaio 2000 per le superfici superiori al metro quadrato (articolo 11, comma 10).
 
La facoltà di disporre gli aumenti tariffari è stata abrogata dal Dl 83/2012 (articolo 23, comma 7), entrato in vigore il 26 giugno 2012.
 
Successivamente, la legge di stabilità 2016 ha stabilito che l’articolo 23, comma 7, nella parte in cui abroga la facoltà dei comuni di aumentare le tariffe dell’Icpdpa si interpreta nel senso che l’abrogazione non ha effetto per i comuni che si erano già avvalsi di tale facoltà prima della data di entrata in vigore dell’articolo 23, cioè prima del 26 giugno 2012 (articolo 1, comma 739, legge 208/2015).

L’intervento della Corte costituzionale
La Commissione tributaria provinciale di Pescara ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell’articolo 1, comma 739.
La Consulta, con la sentenza n. 15/2018, ha dichiarato infondate le questioni sollevate dal giudice remittente.
In particolare, la Corte costituzionale ha ritenuto non corretta l’interpretazione del comma 739 data dalla Ctp di Pescara, secondo la quale esso ripristinerebbe retroattivamente la potestà di applicare maggiorazioni alle tariffe per i Comuni che, alla data del 26 giugno del 2012, avessero già deliberato in tal senso.
Al contrario, la norma impugnata si limita a far salvi gli aumenti già deliberati al 26 giugno 2012. Pertanto, quanto agli effetti dell’abrogazione disposta dal Dl 83/2012, la Corte ha precisato che la stessa non poteva far cadere le delibere già adottate e che il 26 giugno del 2012 è il termine ultimo per la validità delle maggiorazioni disposte per l’anno d’imposta 2012.
In altri termini, il comma 739, essendo una disposizione di carattere meramente interpretativo, si è limitata a chiarire gli effetti dell’abrogazione sancita dall’articolo 23, comma 7, Dl 83/2012, e nulla ha disposto rispetto alla possibilità di confermare o prorogare, dopo il 2012, di anno in anno, le tariffe maggiorate.
 
La risoluzione n. 2/DF
Con il documento di prassi pubblicato ieri, il dipartimento delle Finanze, nel solco di quanto sostenuto dalla Consulta, ha precisato che dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del Dl 83/2012) tutti gli atti di proroga (anche tacita) delle maggiorazioni devono ritenersi illegittimi, non potendo essere prorogata una maggiorazione non più esistente.
Ne consegue che:
  • una delibera comunale, che approva o conferma gli aumenti tariffari, adottata entro il 26 giugno 2012, legittima la richiesta di pagamento delle stesse da parte dell’ente locale
  • al contrario, una delibera emessa dopo il 26 giugno 2012 è illegittima, essendo venuta meno la norma attributiva del potere di disporre gli aumenti tariffari
  • analoghe considerazioni valgono anche al caso di proroga tacita delle tariffe (per il 2012, infatti, il termine ultimo di approvazione del bilancio di previsione era stato prorogato al 31 ottobre 2012, per cui solo se il bilancio fosse stato approvato entro il 26 giugno 2012, il comune poteva legittimamente richiedere il pagamento delle maggiorazioni).
In conclusione, quindi, a partire dall’anno d’imposta 2013 i Comuni non erano più legittimati a introdurre o confermare, anche tacitamente, gli aumenti tariffari.
Gennaro Napolitano
pubblicato Martedì 15 Maggio 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Ai fini del Registro agevolato, costituisce parametro idoneo a esprimere il carattere “lussuoso” di un'abitazione la superficie e l’utilizzabilità degli ambienti
Lo sconto fiscale riconosciuto dalla legge di bilancio 2018 è utilizzabile a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione, vale a dire da quest’anno
Il Mef ha reso noto i nuovi importi per il periodo d’imposta 2017, l’Agenzia ha fornito le indicazioni per usufruirne presentando una dichiarazione integrativa “a favore”
Si tratta di applicazioni informatiche di prova, non ancora definitive perché in attesa dei relativi provvedimenti di approvazione, utili come apripista di adempimenti prossimi
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
La domanda va trasmessa, insieme alla copia del documento di identità, alla casella Pec della direzione regionale di riferimento oppure consegnata a uno sportello dell’agente
La grave e comprovata situazione si considera sussistente qualora l’Isee del nucleo familiare non sia superiore a 20mila euro o sia stata aperta procedura di liquidazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino