Normativa e prassi
Imposte sui giochi pubblici:
i codici per le somme “da reclamo”
Consentono di versare nelle casse dell’erario, tramite il modello F24 Accise, gli importi dovuti in caso di ricorso agli istituti deflativi del contenzioso tributario
Imposte sui giochi pubblici:|i codici per le somme “da reclamo”
Sono in tutto dieci i codici tributo per il versamento delle somme dovute per le imposte sui giochi pubblici, a seguito di reclamo e mediazione. I codici sono stati istituiti dopo che il Dlgs 156/2015 ha esteso i due istituti di prevenzione delle liti fiscali ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (risoluzione n.9/E del 3 marzo 2016).

Ecco i codici tributo di nuova istituzione:

5390Imposta sugli intrattenimenti apparecchi senza vincita in denaro e relativi interessi – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5391Imposta sugli intrattenimenti apparecchi senza vincita in denaro - Sanzioni – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5392Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici e relativi interessi - Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5393 Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici – Sanzioni - Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5394Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici e relativi interessi di competenza della Regione Sicilia – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5395Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici di competenza della Regione Sicilia – Sanzioni – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5396 “Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro e relativi interessi – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992”
5397Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro - Sanzioni – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5398Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro e relativi interessi di competenza della Regione Sicilia – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5399Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro di competenza della Regione Sicilia - Sanzioni– Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992”.

I codici, in sede di compilazione, sono esposti nella “Sezione Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione”.
In corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati” andrà riportato: nel campo “ente”, la lettera “M”, nel campo “provincia”, nessun valore, nel campo “codice identificativo”, il codice concessione (ad esempio 123456 o, nel caso non sia presente, 999999).
Nel campo “rateazione” se il versamento è in forma  rateale, va utilizzato il formato “NNRR”, dove “NN” rappresenta il numero della rata in pagamento e ”RR” indica il numero complessivo delle rate.
In caso di pagamento in un’unica soluzione il suddetto campo è valorizzato con “0101”. Nel campo “mese”, nessun valore, nel campo “anno di riferimento”, l’anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nel formato “AAAA”,  nel campo “codice ufficio”, nessun valore, nel campo “codice atto”, se presente, va indicato il codice dell’atto oggetto di definizione.
 
r.fo.
pubblicato Giovedì 3 Marzo 2016

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
logo del modello Redditi SC 2018
Riguardo agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi la disciplina agevolativa è stata nuovamente prorogata, ma con ritocchi. Inevitabile l'impatto sul modello
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino