Normativa e prassi
Imposte sui giochi pubblici:
i codici per le somme “da reclamo”
Consentono di versare nelle casse dell’erario, tramite il modello F24 Accise, gli importi dovuti in caso di ricorso agli istituti deflativi del contenzioso tributario
Imposte sui giochi pubblici:|i codici per le somme “da reclamo”
Sono in tutto dieci i codici tributo per il versamento delle somme dovute per le imposte sui giochi pubblici, a seguito di reclamo e mediazione. I codici sono stati istituiti dopo che il Dlgs 156/2015 ha esteso i due istituti di prevenzione delle liti fiscali ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (risoluzione n.9/E del 3 marzo 2016).

Ecco i codici tributo di nuova istituzione:

5390Imposta sugli intrattenimenti apparecchi senza vincita in denaro e relativi interessi – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5391Imposta sugli intrattenimenti apparecchi senza vincita in denaro - Sanzioni – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5392Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici e relativi interessi - Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5393 Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici – Sanzioni - Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5394Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici e relativi interessi di competenza della Regione Sicilia – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5395Imposta unica sulle scommesse e sui concorsi pronostici di competenza della Regione Sicilia – Sanzioni – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5396 “Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro e relativi interessi – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992”
5397Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro - Sanzioni – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5398Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro e relativi interessi di competenza della Regione Sicilia – Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992
5399Prelievo erariale unico apparecchi con vincita in denaro di competenza della Regione Sicilia - Sanzioni– Reclamo e Mediazione di cui all’articolo 17-bis, D.lgs. n. 546/1992”.

I codici, in sede di compilazione, sono esposti nella “Sezione Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione”.
In corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati” andrà riportato: nel campo “ente”, la lettera “M”, nel campo “provincia”, nessun valore, nel campo “codice identificativo”, il codice concessione (ad esempio 123456 o, nel caso non sia presente, 999999).
Nel campo “rateazione” se il versamento è in forma  rateale, va utilizzato il formato “NNRR”, dove “NN” rappresenta il numero della rata in pagamento e ”RR” indica il numero complessivo delle rate.
In caso di pagamento in un’unica soluzione il suddetto campo è valorizzato con “0101”. Nel campo “mese”, nessun valore, nel campo “anno di riferimento”, l’anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nel formato “AAAA”,  nel campo “codice ufficio”, nessun valore, nel campo “codice atto”, se presente, va indicato il codice dell’atto oggetto di definizione.
 
r.fo.
pubblicato Giovedì 3 Marzo 2016

I più letti

Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Sì, ma solo quello sufficiente per rimediare a un rallentamento dovuto a una perplessità risolta tramite le Faq pubblicate e costantemente aggiornate sul sito dell’Agenzia
Il regime impositivo dei dividendi e dei proventi a essi equiparati può essere tripartito come segue: da partecipazione non qualificata, da partecipazione qualificata, black list
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine di due modelli F24
In via generale, a prescindere dalla violazione che si intende regolarizzare, occorre prima individuare la specifica norma sanzionatoria prevista e poi applicare le riduzioni
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino