Normativa e prassi
Imu degli enti non commerciali:
i dettagli del dipartimento Finanze
Per gli immobili impiegati solo in parte nel no profit, il conguaglio dell’imposta per l’anno 2013 potrà essere effettuato insieme al versamento dell’acconto 2014
casa
Le organizzazioni senza scopo di lucro, che possiedono immobili a utilizzazione “mista” (commerciale e non), calcolano la prima rata Imu con gli stessi criteri dello scorso anno, determinandola “come migliore stima possibile alla luce degli utilizzi prospettici (commerciali, istituzionali e promiscui) degli immobili”, cioè tenendo presente che nel 2013 è entrato in scena il meccanismo secondo cui l’imposta va versata solo per le “porzioni” a uso commerciale (articolo 5, Dm 200/2012).
 
Poi, considerate sia la difficoltà del calcolo proporzionale sia l'indisponibilità dei dati risultanti dai bilanci degli enti non commerciali relativi al 2013, il conguaglio dell'imposta per tale anno potrà essere effettuato insieme al pagamento dell'acconto 2014.
E ancora, la stessa prima tranche del prossimo anno andrà assolta nella misura del 50% dell'imposta relativa al 2013, così come determinata definitivamente anche sulla base dei dati indicati nei bilanci relativi al medesimo anno.
 
In vista dei prossimi adempimenti Imu, con la risoluzione n. 7/Df, arrivano alcune precisazioni utili al corretto assolvimento dell'imposta. Precisazioni necessarie, visto che fino al versamento del saldo 2012, l'esenzione valeva solo per gli immobili interamente destinati ad attività non commerciali, mentre dal 2013 va rispettato il criterio dell'imposta proporzionale, previsto dal Dl 1/2012, che tassa le sole parti impiegate per le attività commerciali.
r.fo.
pubblicato Venerdì 7 Giugno 2013

I più letti

La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
È applicabile sia dai soggetti mensili che da quelli trimestrali; in ogni caso, deve trattarsi di operatori d’impresa, il contratto deve avere la forma scritta… e così via
È obbligatoria solo la comunicazione dei motivi che hanno dato luogo alla rettifica, per consentire al contribuente di segnalare eventuali elementi omessi o valutati erroneamente
Questo, se non c’è un nesso tra il controllo a “domicilio” e il successivo eventuale atto impositivo e il contribuente valuti l’accesso come violazione del segreto d’ufficio
Specificati e assegnati i compiti perché l’inedita forma di interlocuzione funzioni senza confusione di competenze sia nella fase istruttoria sia in quella del controllo di “conformità”
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
immagine di beni
In caso di assegnazione, sulla differenza tra il valore normale e il costo fiscalmente riconosciuto, si applica un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap nella misura dell'8%
Come tenutario della contabilità doveva sapere che l’emittente era un imprenditore edile e quindi non potevano essere verosimili le transazioni commerciali riguardanti l’argento
Modulo di comunicazione
Ovviamente, solo chi non possiede un apparecchio televisivo può presentare la dichiarazione sostitutiva, utilizzando l’apposito modello reperibile sul sito dell’Agenzia
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea