Normativa e prassi
Imu degli enti non commerciali:
i dettagli del dipartimento Finanze
Per gli immobili impiegati solo in parte nel no profit, il conguaglio dell’imposta per l’anno 2013 potrà essere effettuato insieme al versamento dell’acconto 2014
casa
Le organizzazioni senza scopo di lucro, che possiedono immobili a utilizzazione “mista” (commerciale e non), calcolano la prima rata Imu con gli stessi criteri dello scorso anno, determinandola “come migliore stima possibile alla luce degli utilizzi prospettici (commerciali, istituzionali e promiscui) degli immobili”, cioè tenendo presente che nel 2013 è entrato in scena il meccanismo secondo cui l’imposta va versata solo per le “porzioni” a uso commerciale (articolo 5, Dm 200/2012).
 
Poi, considerate sia la difficoltà del calcolo proporzionale sia l'indisponibilità dei dati risultanti dai bilanci degli enti non commerciali relativi al 2013, il conguaglio dell'imposta per tale anno potrà essere effettuato insieme al pagamento dell'acconto 2014.
E ancora, la stessa prima tranche del prossimo anno andrà assolta nella misura del 50% dell'imposta relativa al 2013, così come determinata definitivamente anche sulla base dei dati indicati nei bilanci relativi al medesimo anno.
 
In vista dei prossimi adempimenti Imu, con la risoluzione n. 7/Df, arrivano alcune precisazioni utili al corretto assolvimento dell'imposta. Precisazioni necessarie, visto che fino al versamento del saldo 2012, l'esenzione valeva solo per gli immobili interamente destinati ad attività non commerciali, mentre dal 2013 va rispettato il criterio dell'imposta proporzionale, previsto dal Dl 1/2012, che tassa le sole parti impiegate per le attività commerciali.
r.fo.
pubblicato Venerdì 7 Giugno 2013

I più letti

In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
La precisazione arriva dal Mise a seguito dei dubbi emersi, dopo la pubblicazione della circolare dello scorso 4 agosto, sulla struttura delle agevolazioni stabilite dalla legge
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino