Normativa e prassi
Indennizzi contratti di prossimità:
da tassare se sostitutivi di reddito
Il chiarimento arriva dall’Agenzia, che ricostruisce il regime impositivo delle somme corrisposte ai lavoratori in base alle “specifiche intese” disciplinate dal Dl 138/2011
Indennizzi contratti di prossimità: |da tassare se sostitutivi di reddito
L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 16 del 15 febbraio 2018, delinea le esatte coordinate della tassazione delle somme che i lavoratori dipendenti percepiscono a titolo di indennizzo in esecuzione dei contratti collettivi di prossimità.
 
I contratti collettivi di prossimità
Il decreto-legge 138/2011 ha previsto che nell’ambito dei contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale dalle associazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative (ovvero dalle loro rappresentanze sindacali operanti in azienda) sia prevista la possibilità di stipulare “specifiche intese” finalizzate a conseguire i seguenti obiettivi:
  • maggiore occupazione
  • qualità dei contratti di lavoro
  • adozione di forme di partecipazione dei lavoratori
  • emersione del lavoro irregolare
  • incrementi di competitività e di salario
  • gestione delle crisi aziendali e occupazionali
  • investimenti e avvio di nuove attività.
Tali intese, ribattezzate “contratti di prossimità”, possono avere a oggetto, quindi, la regolazione dell’organizzazione del lavoro e della produzione con specifico riferimento a una serie di materie tassativamente indicate dalla legge (ad esempio, disciplina dell’orario di lavoro, mansioni dei lavoratori – articolo 8).

Ciò che caratterizza peculiarmente questi contratti è la possibilità di derogare alle disposizioni di legge che disciplinano le materie oggetto delle intese e alle relative previsioni dei contratti collettivi nazionali di lavoro.

La Corte costituzionale, nell’affermare la legittimità costituzionale della disciplina in esame, ha avuto modo di precisare che i contratti di prossimità “non hanno un ambito illimitato”, potendo riguardare soltanto le materie puntualmente indicate dal legislatore. Lo stesso effetto derogatorio opera solo in relazione alle stesse materie e non anche per altre. Inoltre, trattandosi di una disciplina di natura “chiaramente eccezionale” la stessa è di stretta interpretazione e, quindi, non può essere applicata “oltre i casi e i tempi in essa considerati” (sentenza n. 221/2012).
 
La risoluzione n. 16/2018
L’Agenzia delle entrate, nel documento di prassi in esame, aggancia le proprie argomentazioni tributarie alla peculiare natura dei contratti collettivi di prossimità.
La prima osservazione dell’Amministrazione concerne la circostanza che tali intese “possono derogare alle disposizioni di legge o ai contratti collettivi soltanto nell’ambito delle materie tassativamente elencate nel comma 2 dell’articolo 8” e tra queste materie non è inclusa la normativa fiscale.
Quindi, prosegue l’Agenzia, le indennità e le retribuzioni corrisposte ai lavoratori in base ai contratti di prossimità devono essere assoggettati alla ordinaria disciplina prevista dal Tuir per la determinazione del reddito di lavoro dipendente (articolo 51), secondo cui il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro.
A ciò si deve aggiungere che lo stesso Tuir prevede, in linea generale, che “i proventi conseguiti in sostituzione di redditi (…) e le indennità conseguite (…) a titolo di risarcimento di danni consistenti nella perdita di redditi, esclusi quelli dipendenti da invalidità permanente o da morte, costituiscono redditi della stessa categoria di quelli sostituiti o perduti” (articolo 6, comma 2).
 
Peraltro, l’Agenzia ricorda che in più di un’occasione ha avuto modo di affermare che laddove l’indennizzo abbia la funzione di compensare, in via integrativa o sostitutiva, un mancato guadagno, o, nel caso di lavoro dipendente, la mancata percezione di redditi di lavoro, le somme corrisposte al lavoratore, in quanto sostitutive di reddito (“lucro cessante”), confluiscono nel reddito complessivo di chi le percepisce e devono, pertanto, essere tassate (risoluzioni n. 155\E del 24 maggio 2002 e n. 106\E del 22 aprile 2009). Al contrario, laddove le stesse abbiano una funzione di reintegrazione patrimoniale in presenza di un “danno emergente”, le somme erogate non sono soggette a tassazione.
 
In conclusione, l’Agenzia ribadisce che le indennità erogate in esecuzione dei contratti di prossimità allo scopo di ristorare il lavoratore per la riduzione del salario, essendo sostitutive di reddito di lavoro dipendente, devono essere tassate secondo l’ordinaria disciplina del Tuir, con l’obbligo da parte del soggetto erogante di operare le ritenute di legge.
 
Gennaro Napolitano
pubblicato Giovedì 15 Febbraio 2018

I più letti

Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
immagine generica
Nel caso in cui gli investimenti dell’anno precedente a quello per il quale viene presentata la richiesta telematica sono stati pari a zero, non è possibile accedere al bonus
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino