Normativa e prassi
Libero accesso all’area riservata
tramite un’identità Spid livello 2
L’Agenzia delle entrate ha avviato un programma di adeguamento dei propri sistemi in accordo con quanto previsto dal Codice dell’amministrazione digitale (Dlgs n. 82/2005)
Libero accesso all’area riservata|tramite un’identità Spid livello 2
In analogia a quanto già realizzato per i servizi “Dichiarazione precompilata” e “Fatture e Corrispettivi”, a partire da oggi, anche l’area riservata del sito internet, nonché i servizi telematici Entratel, Fisconline e Sister, saranno accessibili dagli utenti persone fisiche tramite un’identità digitale Spid di livello 2.
I soggetti diversi dalle persone fisiche, invece, avranno libero accesso attraverso i loro incaricati che utilizzeranno la propria identità digitale.
Per garantire continuità nell’utilizzo dei servizi, l’accesso tramite Spid si affianca alle modalità preesistenti, in modo da consentire un passaggio graduale all’uso dell’identità digitale da parte degli utenti.
A stabilirlo è il provvedimento 9 aprile 2018.
 
Cos’è Spid
È il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese istituito con il Dpcm 24 ottobre 2014, che ne definisce le caratteristiche nonché i tempi e le modalità di adozione.
Per questo, L’Agenzia delle entrate ha avviato un programma di adeguamento dei propri sistemi per consentire l’accesso ai propri servizi telematici tramite identità Spid, in applicazione di quanto previsto dall’articolo 64, comma 2-quater, Dlgs 82/2005 (Codice dell’Amministrazione digitale) secondo cui “l’accesso ai servizi in rete erogati dalle pubbliche amministrazioni che richiedono identificazione informatica avviene tramite Spid”.
 
Cosa consente
Oltre ai servizi già accessibili da tempo tramite Spid, “Dichiarazione precompilata” e “Fatture e Corrispettivi”, da oggi anche l’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, nonché i servizi telematici Entratel, Fisconline e Sister, saranno fruibili tramite un’identità digitale Spid di livello 2 (solo per gli addetti ai lavori: per “livello 2” s’intende il livello di sicurezza, corrispondente al Level of Assurance LoA3 dell’ISO/IEC DIS 29115, specificato nel “Regolamento recante le modalità attuative per la realizzazione dello Spid (articolo 4, comma 2, Dpcm 24 ottobre 2014)”, emanato con determinazione AgID 44/2015 e successivamente aggiornato con determinazione AgID 189/2016).
 
L’uso dei servizi, che richiedono preliminarmente la presentazione di una dichiarazione di possesso di specifici requisiti ovvero l’adesione a una convenzione che ne regola la fruizione, sarà consentito con l’autenticazione solo agli utenti (direttamente o tramite i loro incaricati) che abbiano preventivamente ottenuto la specifica abilitazione (Entratel/Sister) secondo le procedure attualmente in essere e pubblicate sul sito internet dell’Agenzia.
 
È, inoltre, possibile, accedendo all’area riservata tramite l’identità digitale, per gli utenti che non ne siano già in possesso, ottenere le credenziali Fisconline, da utilizzare per l’invio di file tramite specifici pacchetti software, di tipo client, messi gratuitamente a disposizione dei contribuenti dall’Agenzia delle entrate.
 
Gli ulteriori servizi che saranno via via disponibili tramite Spid verranno resi noti con apposite comunicazioni pubblicate sul sito internet dell’Agenzia.
Sonia Angeli
pubblicato Lunedì 9 Aprile 2018

I più letti

Canale telematico ad ampio raggio per le richieste dei contribuenti che ritengono infondato o parzialmente infondato l’avviso di liquidazione emesso da un ufficio dell’Agenzia
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
A disposizione degli interessati ci sarà, inoltre, il prospetto di sintesi degli importi dovuti con le relative scadenze e le causali di pagamento; in arrivo anche e-mail di alert
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il Mef ha stabilito gli importi delle deduzioni forfettarie e la misura del recupero del contributo al Ssn; dall’Agenzia arrivano le indicazioni per la loro esposizione nel modello Redditi
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino