Normativa e prassi
Per i modelli 730-4, domicilio web
da oggi, all’Agenzia, con il CSO
Fino al prossimo 22 aprile per comunicare, con l’apposito modello, l’indirizzo informatico dove ricevere il flusso telematico. Il canale chiude il 27 maggio in caso di variazioni
mappamondo
Termini e modalità di comunicazione dell’indirizzo web presso il quale i sostituti d’imposta intendono ricevere i risultati dei modelli 730-4 dei propri dipendenti. Con la risoluzione 15/2016 l’Agenzia delle Entrate detta nuove indicazioni destinate, in primo luogo, agli ultimi arrivati: i sostituti che si avvalgono del Service Personale Tesoro del Mef.
 
Il documento di prassi ricorda, innanzitutto, che i sostituti d’imposta devono ricevere obbligatoriamente per via telematica i dati contabili risultanti dai 730 (modello 730-4) dei loro dipendenti e, per questo, entro il 7 marzo, devono comunicare all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo web destinato al flusso telematico, unitamente alla Certificazione unica dei redditi percepiti dagli assistiti nel periodo d’imposta precedente.
L’adempimento, ha stabilito il provvedimento del 16 marzo 2016 (come modificato dal successivo del 21 marzo), riguarda anche i sostituti che si avvalgono del Service Personale Tesoro del ministero dell’Economia e delle Finanze (NoiPa), ammessi in via sperimentale, da quest’anno, alla procedura (vedi “Una destinazione web per i 730-4 è dovere anche per “clienti” NoiPa”).
 
I sostituti d’imposta che dal 2011 non hanno presentato il modello “Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate” (CSO) per la comunicazione dell’indirizzo telematico e che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente, possono inserire le informazioni necessarie per ricevere il flusso telematico, nel quadro “CT” della Certificazione unica. Il termine ultimo è il 14 marzo.
 
Gli stessi soggetti, che non hanno trasmesso l’apposito modello né il quadro CT, devono utilizzare il CSO in base alle istruzioni e alle specifiche tecniche modificate con il provvedimento del 16 marzo 2016. Lo stesso modello dovrà essere utilizzato anche per variare i dati già trasmessi a partire dal 2011, anche con il quadro CT.
Nella procedura di variazione viene richiesto, tra l'altro, il numero di protocollo attribuito con la comunicazione precedente. La risoluzione precisa che tale informazione è anche presente nel cassetto fiscale del sostituto d’imposta oppure può essere richiesta a un ufficio dell’Agenzia delle Entrate.
 
I sostituti che, dal 2011, non hanno comunicato l’indirizzo web, possono farlo inviando il modello CSO a partire da oggi, 23 marzo 2016. I canali telematici rimarranno aperti per un mese, fino al 22 aprile. I modelli arrivati dopo quella data saranno presi in considerazione a valere sui 730-4 del 2017.
 
Una finestra più ampia per le richieste di variazione, che saranno considerate ai fini delle dichiarazioni presentate quest’anno, se trasmesse entro il 27 maggio 2016.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 23 Marzo 2016

I più letti

L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Ispezioni e visure sono a costo zero solo se a richiederle è un intestatario del bene, mentre hanno un costo le “indagini” eseguite su immobili di cui sono titolari altri soggetti
immagine generica illustrativa con una calcolatrice che indica "zero"
La presunzione di cessione in nero opera, inoltre, anche con differenze inventariali negative minime, non vigendo una soglia minima del potere accertativo da parte del Fisco
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino