Normativa e prassi
Per i modelli 730-4, domicilio web
da oggi, all’Agenzia, con il CSO
Fino al prossimo 22 aprile per comunicare, con l’apposito modello, l’indirizzo informatico dove ricevere il flusso telematico. Il canale chiude il 27 maggio in caso di variazioni
mappamondo
Termini e modalità di comunicazione dell’indirizzo web presso il quale i sostituti d’imposta intendono ricevere i risultati dei modelli 730-4 dei propri dipendenti. Con la risoluzione 15/2016 l’Agenzia delle Entrate detta nuove indicazioni destinate, in primo luogo, agli ultimi arrivati: i sostituti che si avvalgono del Service Personale Tesoro del Mef.
 
Il documento di prassi ricorda, innanzitutto, che i sostituti d’imposta devono ricevere obbligatoriamente per via telematica i dati contabili risultanti dai 730 (modello 730-4) dei loro dipendenti e, per questo, entro il 7 marzo, devono comunicare all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo web destinato al flusso telematico, unitamente alla Certificazione unica dei redditi percepiti dagli assistiti nel periodo d’imposta precedente.
L’adempimento, ha stabilito il provvedimento del 16 marzo 2016 (come modificato dal successivo del 21 marzo), riguarda anche i sostituti che si avvalgono del Service Personale Tesoro del ministero dell’Economia e delle Finanze (NoiPa), ammessi in via sperimentale, da quest’anno, alla procedura (vedi “Una destinazione web per i 730-4 è dovere anche per “clienti” NoiPa”).
 
I sostituti d’imposta che dal 2011 non hanno presentato il modello “Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate” (CSO) per la comunicazione dell’indirizzo telematico e che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente, possono inserire le informazioni necessarie per ricevere il flusso telematico, nel quadro “CT” della Certificazione unica. Il termine ultimo è il 14 marzo.
 
Gli stessi soggetti, che non hanno trasmesso l’apposito modello né il quadro CT, devono utilizzare il CSO in base alle istruzioni e alle specifiche tecniche modificate con il provvedimento del 16 marzo 2016. Lo stesso modello dovrà essere utilizzato anche per variare i dati già trasmessi a partire dal 2011, anche con il quadro CT.
Nella procedura di variazione viene richiesto, tra l'altro, il numero di protocollo attribuito con la comunicazione precedente. La risoluzione precisa che tale informazione è anche presente nel cassetto fiscale del sostituto d’imposta oppure può essere richiesta a un ufficio dell’Agenzia delle Entrate.
 
I sostituti che, dal 2011, non hanno comunicato l’indirizzo web, possono farlo inviando il modello CSO a partire da oggi, 23 marzo 2016. I canali telematici rimarranno aperti per un mese, fino al 22 aprile. I modelli arrivati dopo quella data saranno presi in considerazione a valere sui 730-4 del 2017.
 
Una finestra più ampia per le richieste di variazione, che saranno considerate ai fini delle dichiarazioni presentate quest’anno, se trasmesse entro il 27 maggio 2016.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 23 Marzo 2016

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino