Normativa e prassi
Il modello per scalare le perdite
in accertamento e in adesione
La presentazione dell’Ipea, che deve avvenire entro il termine di proposizione del ricorso, sospende il termine per l’impugnazione dell’atto per un periodo di sessanta giorni
Il modello per scalare le perdite |in accertamento e in adesione
Il provvedimento 8 aprile 2016 dell’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello Ipea, con le relative istruzioni, in attuazione dell’articolo 25 del Dlgs 158/2015, che ha introdotto uno specifico procedimento (articolo 42, quarto comma, Dpr 600/1973) con il quale si definiscono le modalità di computo in diminuzione delle perdite in accertamento e in adesione: le perdite di periodo sono scomputate d’ufficio, mentre le perdite pregresse possono essere utilizzate su richiesta del contribuente, assumendo così carattere facoltativo.
 
Il contribuente può chiedere lo scomputo delle perdite pregresse solo qualora residuino maggiori imponibili dopo l’eventuale computo in diminuzione delle perdite di periodo operato in automatico dall’ufficio. Possono essere richieste a scomputo le perdite pregresse “disponibili”, cioè quelle maturate anteriormente al periodo di imposta oggetto di rettifica e ancora utilizzabili alla data di chiusura dello stesso e che non siano state già utilizzate in abbattimento di redditi dichiarati o accertati nei periodi d’imposta successivi. Non sono “disponibili”, pertanto, le perdite maturate successivamente al periodo d’imposta oggetto di rettifica.
 
Il modello Ipea
L’Ipea deve essere presentato dal contribuente che intende avvalersi dell’utilizzo delle perdite pregresse a seguito della notifica di un avviso di accertamento (articolo 42, quarto comma, terzo periodo, Dpr 600/1973) e nel procedimento di accertamento con adesione (articolo 7, comma 1-ter, Dlgs 218/1997). Non può essere, invece, utilizzato con riferimento al computo in diminuzione delle perdite dai maggiori imponibili accertati con l’atto unico emesso nei confronti dei soggetti aderenti al consolidato nazionale, per i quali resta in vigore il modello Ipec (articolo 40-bis del Dpr 600/1973 e articolo 9-bis del Dlgs 218/1997).
L’Ipea è presentato mediante trasmissione all’indirizzo di posta elettronica certificata dell’ufficio competente all’accertamento, unitamente alla copia di un documento di identità del firmatario dell’istanza.
Un successivo provvedimento stabilirà le modalità per la trasmissione telematica dell’Ipea.
 
Termini di presentazione del modello Ipea
Qualora, a seguito della notifica dell’avviso di accertamento, il contribuente voglia richiedere il computo in diminuzione delle perdite pregresse, presenta l’Ipea entro il termine di proposizione del ricorso; la presentazione sospende il termine per l’impugnazione dell’atto per un periodo di sessanta giorni.
La presentazione dell’Ipea non preclude la possibilità di formulare istanza di accertamento per adesione ai sensi dell’articolo 6, comma 2, del Dlgs 218/1997, entro il termine per la proposizione del ricorso (considerando gli ulteriori sessanta giorni di sospensione derivanti dalla presentazione dell’Ipea). In tale caso, i termini di impugnazione dell’atto sono sospesi per ulteriori novanta giorni.
Qualora invece l’Ipea non sia stato presentato a seguito della notifica dell’atto, può essere trasmesso nell’ambito del procedimento di adesione avviato con l’istanza di cui al comma 2 dell’articolo 6, tenendo conto anche della sospensione per novanta giorni del termine di impugnazione.
La presentazione dell’Ipea sospende il termine di impugnazione per un ulteriore periodo di sessanta giorni.
L’Ipea, inoltre, può essere presentato nel corso del contraddittorio instaurato con l’ufficio, nell’ipotesi di accertamento per adesione ai sensi dell’articolo 5, comma 1, o dell’articolo 6, comma 1, del Dlgs 218/1997.
 
Gli adempimenti dell’ufficio competente
Nel provvedimento sono indicati anche gli adempimenti dell’ufficio competente (ai sensi dell’articolo 31 del Dpr 600/1973 e dell’articolo 27, commi 13 e 14, del Dl 185/2008) conseguenti alla presentazione dell’Ipea.
Ricevuta l’istanza del contribuente, l’ufficio procede al riscontro dell’utilizzabilità delle perdite pregresse richieste e, quindi, allo scomputo di quelle utilizzabili dall’imponibile accertato o oggetto di definizione, ricalcolando l’eventuale maggiore imposta dovuta, gli interessi e le sanzioni correlate determinate sull’imposta definitivamente dovuta.
Qualora sia stato notificato un avviso di accertamento, l’ufficio comunica l’esito del ricalcolo al contribuente. Se, invece, è stato attivato il procedimento con adesione, l’ufficio predispone l’atto di accertamento con adesione, contenente i maggiori imponibili al netto delle perdite utilizzabili.
Una volta operato il computo in diminuzione delle perdite pregresse in accertamento o in adesione, l’ufficio competente riduce l’importo delle perdite riportabili nell’ultima dichiarazione dei redditi presentata, ai sensi del comma 3-bis dell’articolo 36-bis del Dpr 600/1973.
Donatella Libranti
pubblicato Venerdì 8 Aprile 2016

I più letti

Nella corrispondenza, che contiene il logo dell'Agenzia delle entrate, si comunica il riconoscimento di un rimborso fiscale, per ottenere il quale bisogna scaricare un modulo allegato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica con mappa del globo
Tra le modifiche più rilevanti si segnala l'introduzione del concetto di significativa e continuativa presenza economica quale indice della sussistenza di una permanent establishment
Canale telematico ad ampio raggio per le richieste dei contribuenti che ritengono infondato o parzialmente infondato l’avviso di liquidazione emesso da un ufficio dell’Agenzia
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il Mef ha stabilito gli importi delle deduzioni forfettarie e la misura del recupero del contributo al Ssn; dall’Agenzia arrivano le indicazioni per la loro esposizione nel modello Redditi
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino