Normativa e prassi
Modulistica a immagine di norma:
l’Iva Tr si uniforma alla Stabilità
Un restyling ispirato dall’incremento delle percentuali di compensazione applicate alle cessioni di alcuni prodotti lattiero-caseari e di animali vivi delle specie bovina e suina
Modulistica a immagine di norma:|l’Iva Tr si uniforma alla Stabilità
Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono on line il nuovo modello Iva Tr, per la richiesta di rimborso o per l’utilizzo in compensazione del credito trimestrale, le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati.
La versione rinnovata ha ricevuto l’approvazione con il provvedimento del 21 marzo 2016.
 
L’odierno Iva Tr sostituisce il modello promosso appena un anno fa (20 marzo 2015), in occasione dell’intervento di riscrittura dell’articolo 38-bis (Dpr 633/1972), a opera del decreto semplificazioni (Dlgs 175/2014).
A oggi, però, per mano dell’ultima Stabilità (articolo 1, comma 908, legge 208/2015) qualcos’altro è cambiato nella disciplina Iva, come l’innalzamento delle percentuali di compensazione per le cessioni di latte, bovini e suini, da fissare, entro determinati limiti, con decreto ministeriale. E così è stato. Il Dm è arrivato lo scorso 26 gennaio, disponendo, per il latte, una percentuale di compensazione permanente pari al 10%; in relazione agli altri beni, invece, per il solo 2016, la stessa percentuale è passata rispettivamente, al 7,65 e al 7,95 per cento.
Tali nuove percentuali sono state aggiunte nella lista ad hoc presente nei righi da TA1 a TA13 di Iva Tr, dove si indicano “le operazioni imponibili, suddivise per aliquota o percentuale di compensazione applicata, per le quali nel trimestre cui si riferisce il modello, si è verificata l’esigibilità dell’imposta (comprese quelle ad esigibilità differita annotate in periodi precedenti)”.
 
Tanto premesso, torniamo al nostro modello, ricordando che è dedicato ai contribuenti che hanno realizzato, nel trimestre, un’eccedenza di imposta detraibile di importo superiore a 2.582,28 euro e intendono chiedere in tutto o in parte il rimborso di tale eccedenza oppure vogliono utilizzarla in compensazione anche con altri tributi, contributi e premi.
Lo si può presentare direttamente o tramite intermediari abilitati e il primo momento utile per servirsene è il prossimo mese di aprile.
r.fo.
pubblicato Lunedì 21 Marzo 2016

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
carte di debito e credito
La domanda di pronuncia pregiudiziale, esaminata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea, verte sull’interpretazione di una disposizione normativa della direttiva sull’Iva
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea