Normativa e prassi
Negoziazione assistita e arbitrati:
da oggi si può richiedere il bonus
Definite le modalità e la documentazione da allegare alle istanze d’accesso al credito d’imposta, entro il limite di 250 euro, per i compensi corrisposti agli avvocati e agli arbitri
due omini intorno a un tavolo
Al via l’operazione credito d’imposta per negoziazione assistita e arbitrati: nella Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio è stato pubblicato il Dm 23 dicembre 2015, con le regole per beneficiare dell’agevolazione fiscale introdotta dal Dl 83/2015 e resa strutturale dalla Stabilità 2016.
Da oggi e fino all’11 febbraio 2016, chi ha corrisposto nel 2015 compensi ad avvocati o arbitri, nel corso di uno o più procedimenti, può presentare istanza per accedere al bonus, utilizzando l’apposito form disponibile sul sito del ministero della Giustizia. Il bonus spetta soltanto in caso di chiusura positiva della procedura di negoziazione o di arbitrato concluso con lodo.
 
Alla domanda deve essere allegata:
  • copia dell’accordo di negoziazione assistita e prova della sua trasmissione al consiglio dell’Ordine degli avvocati o copia del lodo arbitrale che ha concluso il procedimento e copia per immagine dell’originale o della copia autentica del provvedimento giudiziale di trasmissione del fascicolo
  • copia della fattura rilasciata dall’avvocato o dall’arbitro
  • copia del documento attestante l’effettiva corresponsione del compenso (quietanza, bonifico, assegno o altro)
  • copia del documento di identità di chi richiede il beneficio.
In caso di più procedure di negoziazione o di arbitrato, è necessario presentare una domanda per ciascuna di esse.
 
Il credito d’imposta, entro il limite di 250 euro, è commisurato al compenso corrisposto agli avvocati o agli arbitri, tenuto conto del numero delle richieste e del budget di 5 milioni stanziato per quest’anno. Il ministero della Giustizia, entro il prossimo 30 aprile, comunicherà agli interessati l’importo effettivamente spettante per ognuno dei procedimenti.
 
Il bonus andrà indicato nella dichiarazione dei redditi per l’anno 2015 e potrà essere utilizzato in compensazione nel modello F24 (da presentare esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate), a partire dalla data in cui si riceverà dal ministero la comunicazione dell’importo spettante.
In alternativa, le persone fisiche non titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo potranno utilizzarlo in diminuzione delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi.
Patrizia De Juliis
pubblicato Lunedì 11 Gennaio 2016

I più letti

palazzo madama
Prorogati gli incentivi per gli interventi di recupero edilizio, la riqualificazione energetica e antisismica, l’acquisto di mobili e elettrodomestici destinati a immobili ristrutturati
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
È on line il modello per la dichiarazione sostitutiva che i contribuenti devono trasmettere per evitare l’addebito nella bolletta della luce. In alternativa, invio in plico raccomandato
È fondamentale non solo la tenuta delle scritture ausiliarie di magazzino e delle distinte necessarie alla compilazione dell’inventario, ma anche la loro corretta e ordinata compilazione
cellulare
E non solo, l’Agenzia delle Entrate, adotta lo stesso metodo per aiutare i contribuenti a non lasciarsi scappare gli appuntamenti fiscali, ricordando anche scadenze e pagamenti
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
palazzo madama
Prorogati gli incentivi per gli interventi di recupero edilizio, la riqualificazione energetica e antisismica, l’acquisto di mobili e elettrodomestici destinati a immobili ristrutturati
È on line il modello per la dichiarazione sostitutiva che i contribuenti devono trasmettere per evitare l’addebito nella bolletta della luce. In alternativa, invio in plico raccomandato
È fondamentale non solo la tenuta delle scritture ausiliarie di magazzino e delle distinte necessarie alla compilazione dell’inventario, ma anche la loro corretta e ordinata compilazione
timbro export
Le modifiche non comportano alcun cambiamento alla possibilità di usufruire di un regime fiscale agevolato, ma consentono un più puntuale monitoraggio delle operazioni
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Con il provvedimento collegato alla manovra di bilancio, introdotte disposizioni urgenti che apportano importanti modifiche in materia di riscossione e di contrasto all’evasione
Approda in Parlamento la manovra per il prossimo anno. Il testo si presenta articolato e ricco di novità. Di seguito, una sintesi dei più importanti interventi tributari
Due le procedure generalmente previste: tramite contrassegno telematico oppure, virtualmente, con F24, in seguito all’autorizzazione dell’ufficio delle Entrate competente
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino