Normativa e prassi
Nuova “luce”, vecchi debiti.
Il recupero non paga l’Iva
Senza tributo l’importo, destinato a indennizzare il venditore uscente per le bollette non incassate, addebitato al cliente dal fornitore subentrante di energia elettrica
Piramidi illuminate
 Il recupero delle bollette non pagate al vecchio fornitore di energia elettrica è fuori campo Iva. L’importo addebitato dal nuovo venditore al cliente moroso - sulla base dello schema “disegnato” dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) - non è, infatti, un corrispettivo, ma una movimentazione di carattere finanziario che, come tale, non rientra fra le cessioni di beni (articolo 2, comma 3, lettera a, del Dpr 633/1972).
Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 106/E del 9 novembre.
 
Uno switch che non chiude i conti
Cosa accade quando un cliente moroso nei confronti del suo fornitore di energia elettrica decide di passare a un altro venditore (switching)? Semplicemente che il primo perde lo strumento di “persuasione” più efficace per tutelare il proprio credito: il distacco dell’utenza. Una circostanza questa foriera di possibili effetti distorsivi nel mercato dell’energia elettrica. E’ per questo che l’Aeeg ha elaborato un sistema “indennitario”, che assicura al venditore uscente la riscossione di almeno una parte del credito verso il proprio vecchio cliente. Il meccanismo - in estrema sintesi e saltando i vari passaggi - è congegnato in modo per cui la provvista necessaria al “ristoro” del vecchio fornitore sia fornita - come’è ovvio - dallo stesso cliente moroso, che si vede addebitare in bolletta, dal nuovo fornitore, una somma a titolo di “costo aggiuntivo per il trasporto dell’energia elettrica”.
 
Trasporto energia sulla carta
E’ proprio di tale somma che l’Agenzia delle Entrate è stata chiamata a svelare il “destino” tributario (quantomeno per quanto riguarda l’Iva). Somma che, ha precisato l’Amministrazione finanziaria, di “costo aggiuntivo” ha solo il nome (nella risoluzione, la definizione di costo è qualificata come fictio iuris), utile a giustificare il prelievo dal cliente moroso. Di ammontare, inoltre, che, per come è congegnato il sistema, non supera mai l’effettivo credito inevaso e che il venditore uscente ha già fatturato e assoggettato a Iva.
 
Tutte caratteristiche, in conclusione, che hanno portato l’Agenzia delle Entrate ad affermare che l’addebito in bolletta al cliente del C-mor, da parte del nuovo fornitore, costituisce soltanto una modalità mediante la quale il venditore uscente recupera il proprio credito. Quindi, niente Iva, alla stregua di una movimentazione di carattere finanziario.
 
Anche perché, agendo diversamente, l’importo sconterebbe - in contrasto con il principio di neutralità dell’imposta - il tributo due volte: una prima, nel momento in cui all’utente moroso viene fatturata dal venditore uscente la tariffa per il consumo di energia elettrica erogata prima dello switching; una seconda, dal venditore entrante come parte integrante del corrispettivo per la fornitura di energia elettrica effettuata dopo lo switching.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 9 Novembre 2011

I più letti

trattore
Rimodulato il perimetro dell’esonero dall’imposta municipale propria: non conta più l’altezza in metri del Comune, bensì la qualifica Istat assegnata al suo territorio
testo alternativo per immagine
A partire da quest’anno saranno parametrati in base ai diversi adempimenti cui sono tenuti gli intermediari abilitati a seguito dell’introduzione del modello 730 precompilato
uomo con valige
Pubblicate le tabelle con gli importi forfettari da considerare imponibili, ai fini fiscali e degli adempimenti contributivi, per i dipendenti occupati in via continuativa
stadio di calcio
I giudici comunitari chiamati a stabilire se la disponibilità delle strutture, compreso uno stadio di calcio, costituisca o meno locazione di beni immobili esente da imposta
testo alternativo per immagine
Ma questa previsione di legge non si riferisce a documenti di cui il contribuente abbia già integrale e legale conoscenza per effetto di precedente notificazione
agenzia informa
“Restaurate” e al passo con i tempi, le pubblicazioni on line delle Entrate su ecobonus e ristrutturazioni accolgono le novità normative contenute nella legge di stabilità 2015
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario
immagine generica per scadenza con calendari e orologi
Rimodulati, a favore dei contribuenti, termini e ipotesi per la regolarizzazione e la correzione spontanea di errori e omissioni, con il conseguente taglio sulle pene irrogabili
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
testo alternativo per immagine
Crediti verso la Pa compensabili con cartelle esattoriali, cresce la tassazione sugli utili degli enti non profit, piano di rateazione bis per le associazioni sportive dilettantistiche
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
testo alternativo per immagine
L’Agenzia farà sapere agli interessati di quali informazioni è in possesso in ordine - tra l’altro - a ricavi, compensi, redditi, volume d’affari, valore della produzione
testo alternativo per immagine
Crediti verso la Pa compensabili con cartelle esattoriali, cresce la tassazione sugli utili degli enti non profit, piano di rateazione bis per le associazioni sportive dilettantistiche
testo alternativo per immagine
Tasi con le stesse regole applicate lo scorso anno, ancora una chance per rivalutare terreni e partecipazioni, canone Rai invariato, a regime l'istituto del 5 per mille dell’Irpef