Normativa e prassi
Nuova “luce”, vecchi debiti.
Il recupero non paga l’Iva
Senza tributo l’importo, destinato a indennizzare il venditore uscente per le bollette non incassate, addebitato al cliente dal fornitore subentrante di energia elettrica
Piramidi illuminate
 Il recupero delle bollette non pagate al vecchio fornitore di energia elettrica è fuori campo Iva. L’importo addebitato dal nuovo venditore al cliente moroso - sulla base dello schema “disegnato” dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) - non è, infatti, un corrispettivo, ma una movimentazione di carattere finanziario che, come tale, non rientra fra le cessioni di beni (articolo 2, comma 3, lettera a, del Dpr 633/1972).
Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 106/E del 9 novembre.
 
Uno switch che non chiude i conti
Cosa accade quando un cliente moroso nei confronti del suo fornitore di energia elettrica decide di passare a un altro venditore (switching)? Semplicemente che il primo perde lo strumento di “persuasione” più efficace per tutelare il proprio credito: il distacco dell’utenza. Una circostanza questa foriera di possibili effetti distorsivi nel mercato dell’energia elettrica. E’ per questo che l’Aeeg ha elaborato un sistema “indennitario”, che assicura al venditore uscente la riscossione di almeno una parte del credito verso il proprio vecchio cliente. Il meccanismo - in estrema sintesi e saltando i vari passaggi - è congegnato in modo per cui la provvista necessaria al “ristoro” del vecchio fornitore sia fornita - come’è ovvio - dallo stesso cliente moroso, che si vede addebitare in bolletta, dal nuovo fornitore, una somma a titolo di “costo aggiuntivo per il trasporto dell’energia elettrica”.
 
Trasporto energia sulla carta
E’ proprio di tale somma che l’Agenzia delle Entrate è stata chiamata a svelare il “destino” tributario (quantomeno per quanto riguarda l’Iva). Somma che, ha precisato l’Amministrazione finanziaria, di “costo aggiuntivo” ha solo il nome (nella risoluzione, la definizione di costo è qualificata come fictio iuris), utile a giustificare il prelievo dal cliente moroso. Di ammontare, inoltre, che, per come è congegnato il sistema, non supera mai l’effettivo credito inevaso e che il venditore uscente ha già fatturato e assoggettato a Iva.
 
Tutte caratteristiche, in conclusione, che hanno portato l’Agenzia delle Entrate ad affermare che l’addebito in bolletta al cliente del C-mor, da parte del nuovo fornitore, costituisce soltanto una modalità mediante la quale il venditore uscente recupera il proprio credito. Quindi, niente Iva, alla stregua di una movimentazione di carattere finanziario.
 
Anche perché, agendo diversamente, l’importo sconterebbe - in contrasto con il principio di neutralità dell’imposta - il tributo due volte: una prima, nel momento in cui all’utente moroso viene fatturata dal venditore uscente la tariffa per il consumo di energia elettrica erogata prima dello switching; una seconda, dal venditore entrante come parte integrante del corrispettivo per la fornitura di energia elettrica effettuata dopo lo switching.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 9 Novembre 2011

I più letti

Estesa anche a quest’anno, con le consuete modalità operative, la procedura di compensazione che consente a imprese e professionisti di pareggiare i conti con le pubbliche amministrazioni
A differenza degli altri comparti impositivi, con riguardo ai redditi diversi non è prevista alcuna regola specifica: la cessione produce reddito imponibile al pagamento del corrispettivo
immagine di grappoli di uva
L’attività di vinificazione e l'uso predominante di frutta proveniente da terzi portano a una diversa qualificazione fiscale del ricavato: la prevalenza non si misura in senso economico
Il contenzioso on line è stato esteso alle Ct di tutto il Paese dal 15 luglio. Per il passato, il canale digitale poteva essere utilizzato solo nelle Commissioni con procedura attivata
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Estesa anche a quest’anno, con le consuete modalità operative, la procedura di compensazione che consente a imprese e professionisti di pareggiare i conti con le pubbliche amministrazioni
immagine di grappoli di uva
L’attività di vinificazione e l'uso predominante di frutta proveniente da terzi portano a una diversa qualificazione fiscale del ricavato: la prevalenza non si misura in senso economico
A differenza degli altri comparti impositivi, con riguardo ai redditi diversi non è prevista alcuna regola specifica: la cessione produce reddito imponibile al pagamento del corrispettivo
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino