Normativa e prassi
Nuova “luce”, vecchi debiti.
Il recupero non paga l’Iva
Senza tributo l’importo, destinato a indennizzare il venditore uscente per le bollette non incassate, addebitato al cliente dal fornitore subentrante di energia elettrica
Piramidi illuminate
 Il recupero delle bollette non pagate al vecchio fornitore di energia elettrica è fuori campo Iva. L’importo addebitato dal nuovo venditore al cliente moroso - sulla base dello schema “disegnato” dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) - non è, infatti, un corrispettivo, ma una movimentazione di carattere finanziario che, come tale, non rientra fra le cessioni di beni (articolo 2, comma 3, lettera a, del Dpr 633/1972).
Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 106/E del 9 novembre.
 
Uno switch che non chiude i conti
Cosa accade quando un cliente moroso nei confronti del suo fornitore di energia elettrica decide di passare a un altro venditore (switching)? Semplicemente che il primo perde lo strumento di “persuasione” più efficace per tutelare il proprio credito: il distacco dell’utenza. Una circostanza questa foriera di possibili effetti distorsivi nel mercato dell’energia elettrica. E’ per questo che l’Aeeg ha elaborato un sistema “indennitario”, che assicura al venditore uscente la riscossione di almeno una parte del credito verso il proprio vecchio cliente. Il meccanismo - in estrema sintesi e saltando i vari passaggi - è congegnato in modo per cui la provvista necessaria al “ristoro” del vecchio fornitore sia fornita - come’è ovvio - dallo stesso cliente moroso, che si vede addebitare in bolletta, dal nuovo fornitore, una somma a titolo di “costo aggiuntivo per il trasporto dell’energia elettrica”.
 
Trasporto energia sulla carta
E’ proprio di tale somma che l’Agenzia delle Entrate è stata chiamata a svelare il “destino” tributario (quantomeno per quanto riguarda l’Iva). Somma che, ha precisato l’Amministrazione finanziaria, di “costo aggiuntivo” ha solo il nome (nella risoluzione, la definizione di costo è qualificata come fictio iuris), utile a giustificare il prelievo dal cliente moroso. Di ammontare, inoltre, che, per come è congegnato il sistema, non supera mai l’effettivo credito inevaso e che il venditore uscente ha già fatturato e assoggettato a Iva.
 
Tutte caratteristiche, in conclusione, che hanno portato l’Agenzia delle Entrate ad affermare che l’addebito in bolletta al cliente del C-mor, da parte del nuovo fornitore, costituisce soltanto una modalità mediante la quale il venditore uscente recupera il proprio credito. Quindi, niente Iva, alla stregua di una movimentazione di carattere finanziario.
 
Anche perché, agendo diversamente, l’importo sconterebbe - in contrasto con il principio di neutralità dell’imposta - il tributo due volte: una prima, nel momento in cui all’utente moroso viene fatturata dal venditore uscente la tariffa per il consumo di energia elettrica erogata prima dello switching; una seconda, dal venditore entrante come parte integrante del corrispettivo per la fornitura di energia elettrica effettuata dopo lo switching.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 9 Novembre 2011

I più letti

testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
testo alternativo per immagine
Il rapporto evidenzia meno abitazioni ultrapopolari e rurali, più villini e abitazioni civili e signorili; più uffici e studi privati, meno officine e laboratori per arti e mestieri
testo alternativo per immagine
Sconti anche sui contributi obbligatori assicurativi e previdenziali. In un unico decreto il meccanismo che regola gli incentivi a favore del reinserimento dei condannati
immagine
Fornendo le coordinate bancarie si accorciano i tempi per la restituzione delle somme a credito che arrivano al beneficiario in maniera più celere e sicura. L’appello è via Pec
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo