Normativa e prassi
Nuove comunicazioni Iva: pronti
i modelli e le regole di trasmissione
Uniformati, per il 2017, i termini per l’invio opzionale dei dati delle fatture con quelli per l’invio obbligatorio dei dati delle fatture emesse e ricevute stabiliti dal “milleproroghe”
Nuove comunicazioni Iva: pronti|i modelli e le regole di trasmissione
In materia di Iva, il decreto legge collegato alla manovra di bilancio 2017, modificando il Dl 78/2010, allo scopo di semplificare e razionalizzare gli obblighi dei contribuenti, ha abrogato l’invio annuale dello “spesometro” e ha introdotto, a decorrere dal 1° gennaio 2017, due nuovi adempimenti (articolo 4, commi 1 e 2, Dl 193/2016):
- la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute
- la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche.
L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento 27 marzo 2017, ha dettato le necessarie disposizioni operative, con particolare riguardo alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica.
 
Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute: le informazioni da trasmettere
La comunicazione riguarda tutte le fatture emesse, ricevute e registrate (comprese le bollette doganali), nonché le relative note di variazione, nel corso del periodo d’imposta (articolo 21, Dl 78/2010).
Secondo quanto previsto dal provvedimento, i contribuenti devono trasmettere per ogni fattura:
  • i dati identificativi del cedente/prestatore
  • i dati identificativi del cessionario/committente
  • la data del documento
  • la data di registrazione (per le sole fatture ricevute e le relative note di variazione)
  • il numero del documento
  • la base imponibile
  • l’aliquota Iva applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione. 
Al provvedimento sono allegate le "specifiche tecniche e regole per la compilazione dei dati delle fatture" (valide anche per la comunicazione opzionale di cui all'articolo 1, comma 3, Dlgs 127/2015), adottate a decorrere dal 10 luglio 2017.
Fino a quella data, i dati delle fatture emesse e ricevute possono essere trasmessi secondo le regole riportate nell'allegato al precedente provvedimento del 28 ottobre 2016.
 
Liquidazioni periodiche Iva (articolo 21-bis, Dl 78/2010): il modello
Il provvedimento approva:
  • il modello “Comunicazione liquidazioni periodiche Iva” (composto da frontespizio e dal quadro VP)
  • le istruzioni per la compilazione
  • le specifiche tecniche e le regole per la compilazione della comunicazione (con indicazione delle informazioni da trasmettere con il modello).
Modalità della trasmissione dei dati
Sia per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute sia per le comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche Iva, la trasmissione deve essere effettuata esclusivamente in via telematica, direttamente dal contribuente o tramite un intermediario abilitato (ad esempio, dottore commercialista, ragioniere, perito commerciale, consulente del lavoro), secondo le modalità descritte nell’allegato al provvedimento “Modalità di trasmissione dati”.
 
Termini per la trasmissione
Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute
Entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre (la comunicazione relativa al secondo trimestre è effettuata entro il 16 settembre e quella relativa all’ultimo trimestre entro il mese di febbraio dell’anno successivo). Tuttavia, per il primo anno di applicazione (2017), le comunicazioni possono essere effettuate, per il primo semestre, entro il 16 settembre 2017 e, per il secondo semestre, entro il mese di febbraio 2018.
 
Comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche
Entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre (la comunicazione relativa al secondo trimestre è effettuata entro il 16 settembre e quella relativa all’ultimo trimestre entro il mese di febbraio dell’anno successivo).
 
Trasmissione telematica su opzione (articolo 1, comma 3, Dlgs 127/2015)
Modificati, per il 2017, i termini per la trasmissione telematica opzionale, ora allineati a quelli previsti, per il medesimo anno, per la nuova comunicazione dati obbligatoria.
Si ricorda che il precedente provvedimento del 28 ottobre 2016 ha stabilito che i soggetti passivi che hanno esercitato l’opzione trasmettono i dati entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre (la comunicazione relativa all’ultimo trimestre è effettuata entro l’ultimo giorno del mese di febbraio dell’anno successivo).
Il provvedimento odierno stabilisce che, per l’anno 2017, la trasmissione telematica su opzione può essere effettuata, per il primo semestre, entro il 16 settembre 2017 e, per il secondo semestre, entro il mese di febbraio 2018.
ADEMPIMENTO 1° ANNO DI APPLICAZIONE (2017) A REGIME
Periodo
di riferimento
Termine
di trasmissione
Periodo
di riferimento
Termine
di trasmissione
Comunicazione dei
dati delle fatture
emesse e ricevute
1° semestre 16 settembre 2017 1° trimestre 31 maggio
2° trimestre 16 settembre
2° semestre 28 febbraio 2018 3° trimestre 30 novembre
4° trimestre fine febbraio
Comunicazione dei
dati delle fatture
(su opzione)
1° semestre 16 settembre 2017 1° trimestre 31 maggio
2° trimestre 16 settembre
2° semestre 28 febbraio 2018 3° trimestre 30 novembre
4° trimestre fine febbraio
Comunicazione dei
dati delle
liquidazioni
periodiche
1° trimestre 31 maggio 2017 1° trimestre 31 maggio
2° trimestre 16 settembre 2017 2° trimestre 16 settembre
3° trimestre 30 novembre 2017 3° trimestre 30 novembre
4° trimestre 28 febbraio 2018 4° trimestre fine febbraio
Messa a disposizione dei risultati dell’esame dei dati
Il provvedimento, inoltre, stabilisce che le informazioni acquisite saranno tempestivamente messe a disposizione, in forma organizzata e sicura, dei soggetti passivi Iva, allo scopo di instaurare un processo di confronto pre-dichiarativo tra l’Agenzia e quei contribuenti per i quali, dall’analisi delle informazioni trasmesse, emergano potenziali incoerenze tra i dati delle fatture e quelli delle liquidazioni Iva.
Con specifico riferimento alle comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche, viene altresì previsto che le informazioni sulle incoerenze tra i versamenti dell’imposta effettuati rispetto all’importo da versare indicato nelle comunicazioni potranno essere visualizzate nel “Cassetto fiscale” e nella sezione Consultazione dell’area autenticata dell’interfaccia web “Fatture e Corrispettivi”, sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate.
Gennaro Napolitano
pubblicato Lunedì 27 Marzo 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Questi rilevanti profili operativi sono stati opportunamente calibrati e adeguati alle importanti modifiche che hanno interessato il meccanismo della scissione dei pagamenti
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino