Normativa e prassi
Nuovo Bollo su deposito titoli.
E' "tutti per uno, uno per tutti"
L'imposta non si moltiplica quando il rapporto presso l'intermediario è cointestato a più clienti
Nuovo Bollo su deposito titoli.|E' "tutti per uno, uno per tutti"

Un cliente, più depositi, una banca: ogni comunicazione sconta il suo bollo. Più clienti, un deposito, una banca: l'imposta si paga una svolta sola. Questo è solo uno dei chiarimenti contenuti nella circolare n. 40/E del 4 agosto 2011. L'Agenzia delle Entrate fa così il punto sulla "rivisitazione" dell'imposta di bollo, dovuta sulle comunicazioni relative ai depositi titoli inviate dagli intermediari finanziari ai propri clienti, operata dal Dl 98/2011 (disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria).

Panoramica sui nuovi importi
La rivisitazione degli importi è stata concepita in due step.

Lasciando immutato l'importo previsto per i depositi al di sotto dei 50mila euro, il Dl 98/2011 ha determinato gli scaglioni (50.000 - <150.000; 150.000 - <500.000; da 500.000 in su), abbinandovi i relativi importi d'imposta di bollo, dovuta all'emissione della comunicazione. Importi destinati poi a crescere a partire dal 2013, fatta sempre eccezione per depositi under 50mila, la cui tassazione resta ancorata ai valori pre-manovra:

  • comunicazione annuale - 34,20 euro
  • comunicazione semestrale - 17,10 euro
  • comunicazione trimestrale - 8,55 euro
  • comunicazione mensile - 2,85 euro

Questo il quadro sintetico della situazione delineatosi dopo la conversione in legge del Dl 98. Occorre però fare attenzione a un particolare.

Fra la vecchia disciplina e la nuova definitiva, v'è stato un periodo di "interregno", durato dal 6 (data di approvazione del Dl) al 16 luglio (data di pubblicazione della legge di conversione), per il quale occorre far riferimento agli importi stabiliti dal decreto legge originario, prima della modifica operata in sede di conversione, cioè:

  • comunicazione annuale - 120 euro
  • comunicazione semestrale - 60 euro
  • comunicazione trimestrale - 30 euro
  • comunicazione mensile - 10 euro
a prescindere dall'ammontare del deposito.

Le comunicazioni che "pagano" il Bollo
Il tributo è dovuto per le comunicazioni relative ai rapporti di custodia e amministrazione titoli, inviate dalle banche, da Poste Italiane e da altri intermediari finanziari, ai propri clienti, ad esclusione dei depositi di titoli de materializzati di valore complessivo non superiore a 1.000 euro.

Nella nozione di "cliente", sulla base della relativa definizione contenuta nel provvedimento del Governatore della Banca d'Italia del 29 luglio 2009, non rientrano, ad esempio, banche, società finanziarie, e istituti di moneta elettronica.

Il momento impositivo
L'imposta di bollo è dovuta al momento della formazione dell'atto. Quindi, sulle comunicazioni in esame il tributo scatta alla data di emissione (data di invio del documento). Solo a questa occorre far riferimento per individuare l'importo. E', cioè, irrilevante il periodo oggetto di rendicontazione.

La misura del bollo
Lo scaglione in cui si ricade, a cui è associato il tributo, dipende dall'importo del deposito alla data di chiusura del periodo rendicontato (anno, semestre, trimestre o mese). Non contano, quindi, giacenze medie o altri ammontari, bensì il saldo.

Nella circolare è riportato il seguente esempio:
Unico deposito con rendicontazione trimestrale detenuto da persona fisica nel 2012
Valore dei titoli al termine del primo trimestre 40.000 - imposta dovuta 8,55 euro;
a maggio 2012, sono acquistati titoli per un valore nominale pari a 20.000 euro rivenduti a luglio 2012
Valore dei titoli al termine del secondo trimestre 60.000 - imposta dovuta  17,50 euro
Tenuto conto che i titoli acquistati vengono rivenduti a luglio, in assenza di altri acquisti, l'imposta di bollo sulla comunicazione relativa al terzo trimestre sarà nuovamente dovuta nella misura di euro 8,55.

Ma per individuare il "valore" del deposito, a cosa bisogna guardare? La circolare precisa anche questo: valore nominale o di rimborso (se differenti, si fa riferimento al valore nominale) oppure, per i titoli che non prevedano tali parametri, valore di acquisto.

A ogni deposito il suo bollo
All'inizio dell'articolo è stato già evidenziato che più depositi dello stesso cliente presso la stessa banca scontano più Bolli, mentre per lo stesso deposito cointestato a più soggetti, purchè siano gli stessi, l'imposta è dovuta una sola volta.
 
Ma scendiamo un po' di più nel particolare.
Perché nel primo caso - l'ipotesi, cioè, in cui il cliente intrattiene più rapporti con lo stesso intermediario - i singoli depositi non sono del tutto indipendenti:
Esempio
Tre depositi con rendicontazione trimestrale detenuti da persona fisica nel 2012.
Il valore più elevato raggiunto dai depositi nel periodo considerato è pari a
10.000 euro - deposito 1
20.000 euro - deposito 2
30.000 euro - deposito 3
L'imposta dovuta in relazione a ciascun deposito è rispettivamente pari a:
8,55 - deposito 1
8,55 - deposito 2
17,50 - deposito 3

Nell'esempio, i 3 "conti" superano globalmente i 50mila euro e, quindi, al deposito che "scavalla" la soglia, partendo da quello di minor importo, si applica l'imposta associata allo scaglione superiore.

Tale operazione di "cumulo" di importi va effettuata anche se i depositi hanno una differente periodicità di rendicontazione.

r.fo.
pubblicato Martedì 4 Ottobre 2011

I più letti

Non c’è volontà di conseguire un indebito vantaggio fiscale se in atto, senza menzionare l’intervenuta rideterminazione, viene indicato un valore di poco diverso da quello stimato
salvagenti
L’applicazione consente il calcolo della congruità, tenuto conto della normalità e della coerenza economica, per i 204 studi di settore applicabili per il periodo d’imposta 2014
agenzia immobiliare
Il loro elevato numero e le contraddizioni rilevate tra agende e block notes danno origine a presunzioni semplici, ma corredate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza
vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
computer
Le applicazioni utilizzano una nuova tecnologia che consente di usufruire sempre dell’ultima versione disponibile del programma, evitando le procedure di aggiornamento
vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
Non c’è volontà di conseguire un indebito vantaggio fiscale se in atto, senza menzionare l’intervenuta rideterminazione, viene indicato un valore di poco diverso da quello stimato
lavagna
Sono 204, aggiornati con i correttivi anticrisi e, allegati a Unico 2015, vanno trasmessi tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline, direttamente o avvalendosi di intermediari
somma su lavagna
I costi dei servizi sono deducibili nell’anno in cui la prestazione è portata a termine, a prescindere dal momento in cui viene emessa la fattura o è effettuato il pagamento
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia