Normativa e prassi
Operazioni straordinarie: il codice
se si versa per conto dell’estinto
Deve essere indicato nel modello F24 per consentire l’individuazione del soggetto che effettua il pagamento (o la compensazione) relativo al periodo d’imposta anteriore
Operazioni straordinarie: il codice |se si versa per conto dell’estinto
L’attuale versione del modello di versamento F24 (approvata con provvedimento del 23 ottobre 2007) prevede la possibilità di inserire due codici fiscali nel caso in cui i pagamenti o le compensazioni non riguardino lo stesso soggetto.
È il caso, ad esempio, delle operazioni straordinarie (fusione, scissione), per le quali l’articolo 4 del Dl 50/1997 dispone che gli obblighi di versamento (inclusi quelli relativi agli acconti d’imposta e alle ritenute operate su redditi altrui) dei soggetti che si estinguono per effetto delle operazioni medesime, sono adempiuti dagli stessi soggetti fino alla data di efficacia della fusione o scissione, mentre, successivamente a tale data, sono trasferiti alla società incorporante, beneficiaria o, comunque, risultante dalla fusione o scissione.
 
A tal fine, per individuare il soggetto che effettua il versamento, per conto del soggetto estinto, riguardante il periodo d’imposta antecedente la data di perfezionamento dell’operazione, la risoluzione n. 119/E del 25 settembre 2017 ha istituito il codice “74”, denominato “Soggetto risultante dall’operazione straordinaria”.
Nell’F24 va riportato nel campo “codice identificativo”, presente nella sezione “Contribuente” subito dopo il campo “codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare”, nel quale deve essere indicato il codice fiscale del soggetto risultante dall’operazione straordinaria che effettua il versamento per conto del soggetto estinto.
Il codice fiscale di quest’ultimo, invece, va esposto nell’apposito campo della stessa sezione “Contribuente”.
 
r.fo.
pubblicato Lunedì 25 Settembre 2017

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino