Normativa e prassi
Il pagamento con l'F24 si estende
alla sostitutiva sui finanziamenti
Per consentire l'adeguamento alla nuova modalità, è previsto un periodo transitorio, fino al 31 dicembre, durante il quale sarà ancora possibile utilizzare, in alternativa, il modello F23
immagine generica illustrativa
Il modello F24 estende il proprio raggio d'azione. Nell'ottica della semplificazione degli adempimenti fiscali, da oggi anche per il versamento dell'imposta sostitutiva (delle imposte di registro, bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse sulle concessioni governative) sui finanziamenti, di cui all'articolo 17 del Dpr 601/1973, si dovrà utilizzare, in luogo dell'attuale F23, il modello F24, che garantisce una maggiore efficienza nella gestione dei tributi.
È quanto dispone il provvedimento 20 aprile 2017 del direttore dell'Agenzia delle Entrate, emanato in applicazione del Dm 8 novembre 2011 del ministro dell'Economia e delle Finanze.

Per permettere l'adeguamento alla nuova modalità di pagamento, viene previsto un periodo transitorio, fino al 31 dicembre 2017, durante il quale, per il versamento della predetta imposta sostitutiva, sarà possibile avvalersi ancora del modello F23, in alternativa all'F24.

Per quanto riguarda i versamenti tramite F24, l'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 49/E, anch'essa del 20 aprile, ha istituito i seguenti codici tributo:
  • 1545, per l'acconto
  • 1546, per il saldo
  • 1547, per la sanzione da ravvedimento
  • 1548, per gli interessi da ravvedimento.
In sede di compilazione della delega di pagamento, i codici tributo vanno indicati nella sezione "Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati"; nel campo "anno di riferimento", deve essere indicato l'anno di erogazione dei finanziamenti.
Il campo "rateazione/regione/prov./mese di rif.to" va valorizzato solo per il codice "1545", segnalando il numero della rata di acconto in pagamento e quello complessivo delle rate (ad esempio, va scritto "0102" in caso di pagamento della prima di due rate di acconto).

Sempre in tema di imposta sostitutiva sui finanziamenti, con la stessa risoluzione 49/2017 sono stati istituiti anche i codici tributo da utilizzare in F24 per il versamento delle somme dovute a seguito degli avvisi di liquidazione emessi dagli uffici:
  • A193, per l'imposta
  • A194, per la sanzione
  • A195, per gli interessi.
Tali codici devono essere indicati nella sezione "Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". Nei campi "codice ufficio", "codice atto" e "anno di riferimento" vanno riportati i dati presenti nell'atto emesso dall'ufficio.

Per il pagamento delle spese di notifica, si deve utilizzare il consueto codice tributo "9400".
 
Sonia Angeli
pubblicato Giovedì 20 Aprile 2017

I più letti

Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Irrilevante che il Fisco non abbia esercitato i poteri di controllo sull’esistenza del credito esposto in dichiarazione e sull’esistenza delle operazioni imponibili da cui esso è derivato
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino