Normativa e prassi
Il pagamento con l'F24 si estende
alla sostitutiva sui finanziamenti
Per consentire l'adeguamento alla nuova modalità, è previsto un periodo transitorio, fino al 31 dicembre, durante il quale sarà ancora possibile utilizzare, in alternativa, il modello F23
immagine generica illustrativa
Il modello F24 estende il proprio raggio d'azione. Nell'ottica della semplificazione degli adempimenti fiscali, da oggi anche per il versamento dell'imposta sostitutiva (delle imposte di registro, bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse sulle concessioni governative) sui finanziamenti, di cui all'articolo 17 del Dpr 601/1973, si dovrà utilizzare, in luogo dell'attuale F23, il modello F24, che garantisce una maggiore efficienza nella gestione dei tributi.
È quanto dispone il provvedimento 20 aprile 2017 del direttore dell'Agenzia delle Entrate, emanato in applicazione del Dm 8 novembre 2011 del ministro dell'Economia e delle Finanze.

Per permettere l'adeguamento alla nuova modalità di pagamento, viene previsto un periodo transitorio, fino al 31 dicembre 2017, durante il quale, per il versamento della predetta imposta sostitutiva, sarà possibile avvalersi ancora del modello F23, in alternativa all'F24.

Per quanto riguarda i versamenti tramite F24, l'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 49/E, anch'essa del 20 aprile, ha istituito i seguenti codici tributo:
  • 1545, per l'acconto
  • 1546, per il saldo
  • 1547, per la sanzione da ravvedimento
  • 1548, per gli interessi da ravvedimento.
In sede di compilazione della delega di pagamento, i codici tributo vanno indicati nella sezione "Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati"; nel campo "anno di riferimento", deve essere indicato l'anno di erogazione dei finanziamenti.
Il campo "rateazione/regione/prov./mese di rif.to" va valorizzato solo per il codice "1545", segnalando il numero della rata di acconto in pagamento e quello complessivo delle rate (ad esempio, va scritto "0102" in caso di pagamento della prima di due rate di acconto).

Sempre in tema di imposta sostitutiva sui finanziamenti, con la stessa risoluzione 49/2017 sono stati istituiti anche i codici tributo da utilizzare in F24 per il versamento delle somme dovute a seguito degli avvisi di liquidazione emessi dagli uffici:
  • A193, per l'imposta
  • A194, per la sanzione
  • A195, per gli interessi.
Tali codici devono essere indicati nella sezione "Erario", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". Nei campi "codice ufficio", "codice atto" e "anno di riferimento" vanno riportati i dati presenti nell'atto emesso dall'ufficio.

Per il pagamento delle spese di notifica, si deve utilizzare il consueto codice tributo "9400".
 
Sonia Angeli
pubblicato Giovedì 20 Aprile 2017

I più letti

In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
La precisazione arriva dal Mise a seguito dei dubbi emersi, dopo la pubblicazione della circolare dello scorso 4 agosto, sulla struttura delle agevolazioni stabilite dalla legge
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino