Normativa e prassi
Processo tributario telematico.
Debutto in Umbria e Toscana
Saranno le Ctp e le Ctr delle due regioni ad aprire la graduale informatizzazione delle controversie fiscali, a partire dalla costituzione in giudizio previa notifica del ricorso via pec
tastiera computer con bilancia giustizia
Al via le prime regole operative del processo tributario telematico. Nel decreto Mef del 4 agosto 2015, registrazione e accesso alla piattaforma “Sigit”, modalità di notifica, costituzione in giudizio, deposito e consultazione degli atti, pagamento del contributo unificato.
Si comincerà con gli atti processuali relativi ai ricorsi notificati a partire dal primo giorno del mese successivo al decorso del termine di 90 giorni dalla pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale, da depositare presso le commissioni tributarie provinciali e regionali di Umbria e Toscana.
 
Il decreto, in attesa di sbarcare in G.U., dà attuazione a quanto previsto dal Dm 163/2013, che ha disciplinato l’uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario. In particolare, l’articolo 3, comma 3, del Dm, stabiliva che uno o più decreti avrebbero individuato le regole tecnico-operative di abilitazione al Sigit, costituzione in giudizio mediante deposito, comunicazione e notificazione, consultazione e rilascio di copie del fascicolo informatico, assegnazione dei ricorsi, accesso e redazione di sentenze, decreti e ordinanze.
 
Il portale della giustizia tributaria
Accessibile dal sito www.giustiziatributaria.gov.it   contiene un’area pubblica e una riservata.
La prima è consultabile da tutti e contiene le informazioni generali sui servizi disponibili, le modalità di registrazione e il manuale operativo per l’utilizzo degli strumenti informatici nel processo tributario.
Tramite la seconda, invece si accede, previa registrazione, al Sigit, il Sistema informativo della giustizia tributaria.
 
Il Sigit
È la piattaforma che consente ai soggetti abilitati la trasmissione degli atti e dei documenti informatici, la formazione e la consultazione del fascicolo e l’acquisizione delle informazioni riguardanti i giudizi tributari.
Il Sigit garantisce l’avvenuta ricezione degli atti informatici con l’invio di una ricevuta all’indirizzo pec.
 
Al Sigit possono accedere soltanto i giudici tributari, le parti, i procuratori e i difensori, il personale abilitato delle segreterie delle commissioni tributarie, i consulenti tecnici e gli altri soggetti (articolo 7, Dlgs 546/1992). Le parti, i loro procuratori e difensori, i consulenti e gli organi tecnici possono accedere alle sole informazioni contenute nei fascicoli dei procedimenti in cui sono costituiti o svolgono attività di consulenza.
 
Nel decreto definiti, inoltre, i requisiti tecnici che devono avere gli atti e i documenti da trasmettere, per essere validamente acquisiti, e le modalità di accesso e di consultazione.
Patrizia De Juliis
pubblicato Giovedì 6 Agosto 2015

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Riguarda i sostituti d’imposta, chiamati a pagare l’anticipo delle imposte dovute dai lavoratori sui rendimenti delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino