Normativa e prassi
Processo tributario telematico.
Debutto in Umbria e Toscana
Saranno le Ctp e le Ctr delle due regioni ad aprire la graduale informatizzazione delle controversie fiscali, a partire dalla costituzione in giudizio previa notifica del ricorso via pec
tastiera computer con bilancia giustizia
Al via le prime regole operative del processo tributario telematico. Nel decreto Mef del 4 agosto 2015, registrazione e accesso alla piattaforma “Sigit”, modalità di notifica, costituzione in giudizio, deposito e consultazione degli atti, pagamento del contributo unificato.
Si comincerà con gli atti processuali relativi ai ricorsi notificati a partire dal primo giorno del mese successivo al decorso del termine di 90 giorni dalla pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale, da depositare presso le commissioni tributarie provinciali e regionali di Umbria e Toscana.
 
Il decreto, in attesa di sbarcare in G.U., dà attuazione a quanto previsto dal Dm 163/2013, che ha disciplinato l’uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario. In particolare, l’articolo 3, comma 3, del Dm, stabiliva che uno o più decreti avrebbero individuato le regole tecnico-operative di abilitazione al Sigit, costituzione in giudizio mediante deposito, comunicazione e notificazione, consultazione e rilascio di copie del fascicolo informatico, assegnazione dei ricorsi, accesso e redazione di sentenze, decreti e ordinanze.
 
Il portale della giustizia tributaria
Accessibile dal sito www.giustiziatributaria.gov.it   contiene un’area pubblica e una riservata.
La prima è consultabile da tutti e contiene le informazioni generali sui servizi disponibili, le modalità di registrazione e il manuale operativo per l’utilizzo degli strumenti informatici nel processo tributario.
Tramite la seconda, invece si accede, previa registrazione, al Sigit, il Sistema informativo della giustizia tributaria.
 
Il Sigit
È la piattaforma che consente ai soggetti abilitati la trasmissione degli atti e dei documenti informatici, la formazione e la consultazione del fascicolo e l’acquisizione delle informazioni riguardanti i giudizi tributari.
Il Sigit garantisce l’avvenuta ricezione degli atti informatici con l’invio di una ricevuta all’indirizzo pec.
 
Al Sigit possono accedere soltanto i giudici tributari, le parti, i procuratori e i difensori, il personale abilitato delle segreterie delle commissioni tributarie, i consulenti tecnici e gli altri soggetti (articolo 7, Dlgs 546/1992). Le parti, i loro procuratori e difensori, i consulenti e gli organi tecnici possono accedere alle sole informazioni contenute nei fascicoli dei procedimenti in cui sono costituiti o svolgono attività di consulenza.
 
Nel decreto definiti, inoltre, i requisiti tecnici che devono avere gli atti e i documenti da trasmettere, per essere validamente acquisiti, e le modalità di accesso e di consultazione.
Patrizia De Juliis
pubblicato Giovedì 6 Agosto 2015

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino