Normativa e prassi
Pronto il piano di revisione 2016
per sessantasette studi di settore
La dovuta manutenzione degli strumenti accertativi riguarderà tutti e quattro i comparti interessati: manifatture (20), servizi (19), commercio (21) e attività professionali (7)
Pronto il piano di revisione 2016|per sessantasette studi di settore
Come ogni anno, entro la fine di febbraio, viene reso noto l’elenco degli studi di settore che saranno sottoposti al consueto tagliando di controllo. Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, preso atto del parere favorevole espresso dalla Commissione degli esperti nella seduta del 2 dicembre scorso, ha firmato oggi il provvedimento che approva il programma di revisione degli studi applicabili a partire dal periodo d’imposta 2016.
Nello stesso atto, alcune modifiche alla modulistica da utilizzare per il 2015.
 
Le motivazioni del tagliando
L’articolo 10-bis, comma 1, legge 146/1998, per far sì che gli studi di settore mantengano nel medio periodo la loro rappresentatività rispetto alla realtà economica cui si riferiscono, dispone che gli stessi, sentito il parere della Commissione degli esperti, siano soggetti a revisione, al massimo, ogni tre anni dalla data della loro entrata in vigore o dell’ultima revisione.
 
Sono stati, pertanto, individuati gli studi di settore (con relativi codici di attività) che saranno sottoposti a revisione e che potranno essere applicati a decorrere dal periodo d’imposta 2016, dopo l’ok definitivo espresso, con decreto, dal ministro dell’Economia e delle Finanze.
 
Tutti gli studi selezionati per essere sottoposti al restyling sono stati scelti in base alla data della loro approvazione, fatta eccezione per il WK01U, destinato ai notai.
L’elenco dei 67 studi di settore da revisionare è formato da:
  • 20 studi relativi ad attività del settore delle manifatture
  • 19 riguardanti il settore dei servizi
  • 21 riferiti ad attività del settore del commercio
  • 7 riservati ad attività professionali. 
Una volta ultimate le elaborazioni programmate, per dar seguito all’atto di indirizzo del ministro dell’Economia e delle Finanze per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale per gli anni 2016-2018, potrebbe aver luogo, nei casi ritenuti idonei sulla base delle analisi effettuate, l’accorpamento di più studi.
Inoltre, sempre sulla base di analisi ed elaborazioni effettuate, potrà esserci il trasferimento di codici di attività da uno studio di settore a un altro sottoposto a revisione.
È infine previsto che, nell’ipotesi di novità normative che escludano determinate categorie di soggetti dall’applicazione degli studi di settore, le attività di revisione saranno conseguenzialmente ripianificate.
Sonia Angeli
pubblicato Venerdì 26 Febbraio 2016

I più letti

immagine di grande animale che protegge un animale piccolo
Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, iscritte in un apposito elenco tenuto dalle Entrate, rientrano tra i soggetti cui si può destinare il 5 per mille della propria Irpef
In tali circostanze, la notifica, ai fini della decorrenza del termine per ricorrere, si ritiene eseguita nell’ottavo giorno successivo a quello della pubblica esposizione
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste agevolazioni per le singole operazioni effettuate
Il vincolo affettivo e solidaristico che lega destinatario e consegnatario fa scattare la presunzione relativa che la persona di famiglia avrà cura di consegnare l’atto all’interessato
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste agevolazioni per le singole operazioni effettuate
immagine di grande animale che protegge un animale piccolo
Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, iscritte in un apposito elenco tenuto dalle Entrate, rientrano tra i soggetti cui si può destinare il 5 per mille della propria Irpef
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
La qualifica è acquisibile da associazioni con o senza personalità giuridica, comitati, fondazioni, società cooperative e altri enti privati purché perseguano finalità meritevoli di tutela
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
I settori in cui possono svolgere la propria attività sono tassativamente indicati dalla legge: ad accomunarle è il fine, che deve essere solo di solidarietà sociale
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco