Normativa e prassi
Reddito da locazione: va dichiarato da chi ha il diritto reale sull'immobile
Il principio è sempre valido, sia in caso di usufrutto che di comodato, è la titolarità che fa la differenza e non il soggetto che stipula il contratto
casa.jpg
Il reddito proveniente da un contratto di locazione di un immobile, oggetto di donazione con usufrutto e concesso in comodato allo stesso donatario, è imputabile esclusivamente al comodante/usufruttuario, anche se il contratto è stipulato da chi ha ricevuto in comodato il bene. Questo perché il contratto di comodato non implica un trasferimento della titolarità del reddito fondiario dal comodante al comodatario.

E' la risposta data dall'agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 381/E del 14 ottobre, all'interpello presentato da un contribuente che aveva donato e concesso in comodato alla propria figlia un villino, diviso in tre unità abitative, riservandone per sé l'usufrutto. La figlia, successivamente, aveva dato in affitto due di queste unità. Secondo l'istante, il reddito proveniente dalla locazione deve essere dichiarato dalla figlia comodataria.
L'Agenzia è di parere diverso.

Il contribuente che ha presentato l'interpello ha stipulato un doppio contratto con la figlia per lo stesso bene: un contratto di donazione con diritto di usufrutto e uno di comodato.
Per quanto riguarda il primo atto, sottolineano i tecnici del fisco, è obbligato a dichiarare il reddito proveniente dal fabbricato oggetto del contratto il donante/usufruttuario e non la figlia donataria/nuda proprietaria dell'immobile. La motivazione risiede nel fatto che il contratto di donazione con diritto di usufrutto implica lo spostamento della "soggettività passiva d'imposta" dal nudo proprietario all'usufruttuario.

In base poi al contratto di comodato, i redditi proveniente dall'immobile sono imputabili unicamente al comodante e non a colui che riceve in comodato il bene. Ciò è valido anche per i redditi provenienti da contratti di locazione dell'immobile in oggetto stipulati dal comodatario, come in questo caso. Il contratto di comodato, infatti, comporta, per colui che riceve il bene, un diritto personale di godimento e non un diritto reale (in questo caso l'usufrutto), che rimane appannaggio del comodante.
Quest'ultimo, pertanto, in base alle disposizioni dell'articolo 26, comma 1, del Tuir ("i redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale...") sarà l'unico obbligato a dichiarare - nel quadro RB del modello Unico o nel quadro B del 730 - il reddito derivante dalla locazione dell'unità abitativa.
Alessandra Gambadoro
pubblicato Martedì 14 Ottobre 2008

I più letti

testo alternativo per immagine
Il patrimonio informativo dell’Agenzia, finora utilizzato soprattutto per finalità di controllo, sarà impiegato, per la prima volta, per fornire un reale servizio ai cittadini
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
immagine
Fornendo le coordinate bancarie si accorciano i tempi per la restituzione delle somme a credito che arrivano al beneficiario in maniera più celere e sicura. L’appello è via Pec
vignetta
Ribadito un principio fondamentale del sistema tributario: un costo, per essere “scalato”, deve essere debitamente documentato e proporzionato al tipo di attività svolta
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo