Normativa e prassi
Residenti a Campione d'Italia:
aggiornata la riduzione del cambio
Il meccanismo previsto dal Tuir ha lo scopo di attenuare il prelievo fiscale a carico di quei cittadini, che usano il franco e hanno un costo della vita più alto di quello italiano
arco di ingresso a Campione d'Italia al confine italo svizzero
Per il periodo di imposta 2015, la riduzione forfetaria del cambio da applicare, ai sensi dell'articolo 188-bis del Dpr 917/1986, ai redditi delle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del comune di Campione d'Italia, prodotti in franchi svizzeri nel territorio dello stesso comune per un importo complessivo non superiore a 200mila franchi, è pari al 42,08 per cento.
A stabilirlo, il provvedimento 9 febbraio 2016 dell'Agenzia delle Entrate.

Facciamo un passo indietro
L'articolo 188-bis del Tuir, nel disciplinare la modalità di calcolo dei redditi prodotti in franchi svizzeri nel comune di Campione d'Italia per un importo complessivo non superiore a 200mila franchi, prevede per gli stessi una riduzione forfetaria definita nella misura del 30 per cento.
La norma è stata introdotta per attenuare il prelievo fiscale a carico delle persone fisiche residenti in quel comune, che lavorano in un contesto socio-economico praticamente equipollente a quello elvetico, ma caratterizzato dall'uso del franco svizzero e da un costo della vita più alto di quello italiano.

Su tale norma è intervenuta la legge di stabilità 2014 (commi 631-633), che ha disposto un meccanismo di aggiornamento annuo - collegato all'evoluzione dei rapporti di cambio tra euro e franco svizzero - della percentuale di riduzione del reddito imponibile Irpef. Questa va maggiorata o ridotta in misura pari allo scostamento percentuale medio annuale registrato tra le due valute e, comunque, non può scendere sotto il 20 per cento. Deve essere stabilita con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate, da emanare, su conforme parere della Banca d'Italia, entro il 15 febbraio di ciascun anno.

La percentuale per il 2015
I dati comunicati dalla Banca d'Italia hanno evidenziato che la media annuale 2015 del cambio del franco svizzero in euro registra un -0,14676 rispetto a quella del 2014, pari a uno scostamento percentuale medio annuale tra le valute di -12,08 per cento.
La riduzione del numero medio annuale di franchi svizzeri necessari per acquistare un euro, concretizzando un aumento del reddito in euro derivante dalla rivalutazione del franco svizzero, comporta una maggiorazione percentuale della riduzione forfetaria del cambio, che, quindi, viene fissata al 42,08 per cento.
 
r.fo.
pubblicato Martedì 9 Febbraio 2016

I più letti

Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
disegno registratore di cassa
Online da oggi gli orientamenti iniziali sulla memorizzazione elettronica e la trasmissione degli incassi giornalieri all’Agenzia delle Entrate dei contribuenti con partita Iva
Per accedere all’area riservata, accettare o modificare e trasmettere la dichiarazione già predisposta, bastano le credenziali di Fisconline o dell’Inps, o utilizzare la Cns o il sistema Spid
cartina
Realizzato dall’Istat e dalle Entrate si basa sui dati delle mappe e degli indirizzari rilevati a livello comunale nel corso del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni
Dopo la competenza sul controllo e recupero dei crediti Iva in compensazione, riconosciuta anche la possibilità di emettere gli atti di contestazione e di irrogazione delle sanzioni
disegno registratore di cassa
Online da oggi gli orientamenti iniziali sulla memorizzazione elettronica e la trasmissione degli incassi giornalieri all’Agenzia delle Entrate dei contribuenti con partita Iva
foto di gruppo
Il vice ministro dell’Economia e delle Finanze Luigi Casero ha consegnato le targhe assegnate ai team che maggiormente si sono distinti per l’innovazione delle loro iniziative
Sul sito delle Entrate 19 nuove domande e risposte dedicate alla fase di addebito nella fattura di fornitura elettrica residenziale, che è entrata nel vivo a partire dal 1° luglio
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
L’Agenzia fa il punto sulla disciplina che ha previsto l’imposta in misura ridotta per le prestazioni sociali, sanitarie e educative erogate nei confronti delle categorie più deboli
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
logo dell'applicazione
Da oggi è possibile generare, trasmettere e conservare documenti fiscali dematerializzati in modo semplice e gratuito. Il servizio è utilizzabile anche per le operazioni tra privati
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma