Normativa e prassi
Reverse charge inapplicabile
al solo collaudo degli impianti
Dopo le modifiche apportate dalla legge di stabilità 2015, l’Agenzia ribadisce che i codici attività ammessi sono quelli della Tabella Ateco 2007 elencati nella circolare 14/2017
Reverse charge inapplicabile|al solo collaudo degli impianti
Il meccanismo dell’inversione contabile non è applicabile all’attività di verifica degli impianti elettrici di messa a terra, svolta da organismi abilitati dal ministero delle Attività produttive, effettuati presso strutture pubbliche o private con dipendenti, che ne certificano, poi, la conformità rispetto alla normativa vigente. Si tratta, infatti, non di interventi di manutenzione, ma di “collaudi programmati” e, quindi, per il Fisco, a fatturazione ordinaria.
A chiarirlo è la risoluzione n. 111/E dell’11 agosto 2017, che condivide la soluzione proposta dall’interpellante.
 
A proporre il quesito è una società che utilizza il codice attività 71.20.21 Ateco 2007, “Controllo di qualità e certificazione di prodotti, processi e sistemi”; un codice, quindi, che non prevede alcuna attività di manutenzione o riparazione.
La precisazione è richiesta a seguito delle modifiche alla disciplina del reverse charge apportate dalla legge di stabilità 2015 (articolo 1, comma 629, legge 190/2014), che ha introdotto la lettera a-ter), dell’articolo 17, sesto comma, Dpr 633/972. La nuova norma ha esteso l’applicazione del meccanismo dell’inversione contabile, dal 1° gennaio 2015, anche alle “prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative a edifici”.
 
L’Agenzia, in particolare, in merito all’estensione del reverse charge a nuove fattispecie nell’ambito del settore edile, ha fornito chiarimenti con le circolari 14/2015 e 37/2015 (vedi “Reverse charge: i nuovi confini individuati, descritti, interpretati” e “Reverse charge nel settore edile, l’Agenzia a domanda risponde”.
Per semplificare ed evitare errori di interpretazione, nella circolare 14/2017 l’amministrazione ha anche elencato le prestazioni della Tabella Ateco 2007 ammesse al meccanismo dell’inversione contabile.
Tornando alla risoluzione odierna, l’Agenzia precisa che il reverse charge è, comunque, applicato dalle ditte previste dalla nuova lettera a-ter, dell’articolo 17, Dpr 633/1972, anche se non operano nel settore edile (sezione F della classificazione Ateco).
Il documento di prassi ribadisce, inoltre, riferendosi alla già richiamata circolare 14/2015 e alla risoluzione 172/2007, che “qualora il prestatore del servizio svolga sistematicamente attività ricomprese nelle classificazioni Ateco relative alle prestazioni di pulizia, demolizione, installazione di impianti e completamento relative a edifici, ma tali attività non siano state comunicate ai sensi dell’articolo 35, comma 3, del DPR n. 633 del 1972, le stesse dovranno essere assoggettate al meccanismo dell’inversione contabile, con l’obbligo, da parte dello stesso prestatore di procedere all’adeguamento del codice Ateco”.
 
Riguardo al quesito in esame, la risoluzione ricorda che i datori di lavoro sono obbligati a effettuare verifiche degli impianti elettrici di messa a terra installati presso le proprie attività, attraverso organismi di ispezione (abilitati dal ministero delle Attività produttive sulla base della normativa tecnica europea Uni Cei o, in alternativa, dall’Asl/Arpa) e non collegati a installatori, progettisti, manutentori e consulenti di impiantistica.
In pratica, il compito delle ditte incaricate è accertare e attestare che gli impianti siano stati realizzati a “regola d’arte” in base ai requisiti tecnici richiesti.
 
In conclusione, considerato che il codice 71.20.21 Ateco 2007, utilizzato dalla società interpellante, non compare nell’elenco della circolare 14/2015, l’Agenzia, condividendo la soluzione proposta dalla ditta istante, esclude l’applicazione dell’inversione contabile al caso di specie, nella misura in cui l’attività svolta si limiti a certificare la corrispondenza degli impianti elettrici alle specifica normativa, prescindendo da qualsiasi intervento di manutenzione sugli impianti.
r.fo.
pubblicato Venerdì 11 Agosto 2017

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino