Normativa e prassi
Ricorsi al Tar: debuttano i codici
per il contributo unificato
La modalità di pagamento è stata stabilita dal decreto Mef del 27 giugno 2017 a seguito delle modifiche intervenute a seguito dell’avvio del processo amministrativo telematico
Ricorsi al Tar: debuttano i codici|per il contributo unificato
Arrivano in cinque e devono essere utilizzati per versare, tramite “F24 versamenti con elementi identificativi” (F24 Elide), il contributo unificato per i ricorsi presentati al giudice amministrativo e per quelli straordinari proposti al presidente della Repubblica e al presidente della Regione siciliana: sono i nuovi codici tributo istituiti con la risoluzione 123/E del 12 ottobre 2017.
 
L’introduzione del processo amministrativo telematico ha comportato delle novità anche in relazione al pagamento delle spese di giustizia. In particolare, l’articolo 192, comma 2, del Dpr 115/2002, come modificato dall’articolo 7, comma 8-ter, del Dl 168/2016, ha previsto l’emanazione di un decreto Mef ad hoc per stabilire come versare il contributo unificato dovuto per chi presenta ricorso al Tar. Il ministero dell’Economia e delle Finanze risponde all’appello con il decreto 27 giugno 2017 e dispone che la somma in questione venga versata, esclusivamente online, tramite modello F24, senza possibilità di compensazione, attraverso i servizi telematici dell’amministrazione finanziaria. La procedura deve essere seguita anche per i ricorsi straordinari al presidente della Repubblica (gestiti dalla segreteria delle sezioni consultive del Consiglio di Stato) e al presidente della Regione siciliana (curati dalla segreteria del Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana).
 
L’Agenzia chiude il cerchio e con la risoluzione odierna fornisce i seguenti codici tributo da indicare nel modello di versamento:
  • GA01” - ricorsi al giudice amministrativo
  • GA02” - ricorsi incidentali al giudice amministrativo
  • GA03” - motivi aggiunti ai ricorsi al giudice amministrativo
  • GA04” - ricorsi straordinari al presidente della Repubblica
  • GA05” - ricorsi straordinari al presidente della Regione siciliana”. 
I codici devono essere inseriti nell’“F24 Elide”, in corrispondenza degli “importi a debito versati”, indicando nella sezione “Contribuente” il codice fiscale e i dati anagrafici di chi effettua il versamento.
Proseguendo la compilazione del modello, nella sezione “Erario ed altro” devono essere esposti:
  • nel campo “codice ufficio” uno dei codici dell’elenco allegato alla risoluzione
  • nel campo “tipo”, la lettera “R”
  • nel campo “Elementi identificativi”, il codice fiscale o la partita Iva del ricorrente
  • nel campo “codice”, il codice tributo
  • nel campo “anno di riferimento”, l’anno a cui si riferisce il versamento.
r.fo.
pubblicato Giovedì 12 Ottobre 2017

I più letti

immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
immagine di persone che hanno uno scopo comune
L'oggetto di una società lucrativa e di una assistenzialistica può in linea di massima essere lo stesso, è l'obiettivo finale che funge da discrimine tra le due compagini
Le modifiche riguardano numerosi aspetti della normativa (entrata in vigore lo scorso anno) dettata dal Dlgs 112/2017, tra cui anche le disposizioni relative ai profili tributari
Un approfondimento sul trattamento tributario applicabile alle spese relative a iniziative che nascono, si sviluppano e crescono all'interno dell'azienda, come quelle di ricerca
Il metodo consente di riscostruire il volume d’affari, in presenza di elementi gravi, precisi e concordanti, che portano ragionevolmente a quantificare ricavi diversi da quelli dichiarati
Confermate le novità in materia di iper ammortamento, redditometro, split payment, credito d’imposta ricerca e sviluppo, prelievo erariale unico e società sportive dilettantistiche
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Le modifiche riguardano numerosi aspetti della normativa (entrata in vigore lo scorso anno) dettata dal Dlgs 112/2017, tra cui anche le disposizioni relative ai profili tributari
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Le posizioni dirigenziali saranno ridotte di 452 unità (circa il 50% in meno); il modello delle direzioni regionali sarà reso omogeneo rispetto a quello delle direzioni centrali
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino