Normativa e prassi
R&S: ok al credito d’imposta
per i progetti a favore di terzi
In presenza dei requisiti che danno accesso all’agevolazione, riconosciuta la spettanza del bonus per le attività commissionate a un ente di ricerca da un’associazione di cooperative
R&S: ok al credito d’imposta|per i progetti a favore di terzi
L’Agenzia si è pronunciata ancora una volta in materia di credito d’imposta in ricerca e sviluppo (articolo 3 del Dl 145/2013 e successive modifiche) con la risoluzione n. 32/2017.
Nell’occasione è stata esaminata una particolare ipotesi di applicazione del credito d’imposta in R&S, ossia quella relativa a due progetti di ricerca commissionati a terzi (nel caso di specie a un ente/fondazione di ricerca) da un’organizzazione che agisce per conto della cooperativa/società istante.
 
Ci muoviamo, dunque, nel settore del movimento cooperativo caratterizzato dalla presenza di un’organizzazione senza fini di lucro che ha, come scopo istituzionale, la rappresentanza, l’assistenza, la tutela e la vigilanza delle singole associate.
Nell’ambito di tali finalità istituzionali, l’associazione ha commissionato alcuni progetti di ricerca nell’interesse delle proprie associate, precisando, quindi, che non intende utilizzare direttamente i risultati dell’attività di ricerca.
In sostanza, l’associazione si è riservata, al momento della stipula del contratto di commissione, la facoltà di nominare, con gli effetti di cui all’articolo 1401 cc e avvalendosi della procedura descritta all’articolo 3 del contratto, la cooperativa - scelta tra le proprie associate - che subentrerà, con efficacia ex tunc, in tutti i diritti e gli obblighi derivanti dal contratto medesimo.
Ne consegue che i risultati dei singoli progetti di ricerca saranno acquisiti, a titolo originario dalla cooperativa “nominata”, senza che tra quest’ultima e l’associazione si verifichi alcun fenomeno traslativo.
 
Quanto ai citati riferimenti normativi, si rammenta che l’articolo 3 del Dl 145/2013 (nella versione più recente, modificata da ultimo con la legge di bilancio 2017) riconosce un credito di imposta a tutte le imprese che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2020.
 
Nel caso di specie, lo stesso contratto di ricerca prevede espressamente che “per ogni progetto di ricerca, la dichiarazione di nomina della società cooperativa dovrà avvenire prima della consegna del progetto ed avrà efficacia, nei riguardi della Fondazione di Ricerca, solo dopo che quest'ultima ne riceverà comunicazione scritta”. Tale dichiarazione di nomina, ex articolo 1401 cc, è effettivamente intervenuta ed è stata sottoscritta dalla cooperativa, per accettazione, e dalla fondazione di ricerca, per conoscenza.
Pertanto, gli effetti del contratto di ricerca stipulato dall’associazione si riverberano direttamente sulla cooperativa istante, considerato che la dichiarazione di nomina a suo favore, ex articolo 1401 cc, è intervenuta nei termini di legge.
 
Peraltro, la medesima società precisa, per quanto riguarda l’aspetto finanziario relativo ai progetti in esame, che - al momento della designazione della società cooperativa destinataria finale dei progetti di ricerca – l’associazione non aveva pagato nessun acconto e, che, quindi, il pagamento dell’intero prezzo sarà eseguito integralmente da parte dell’interpellante, come riportato anche nella stessa dichiarazione di nomina, senza previsione di stati di avanzamento lavori.
Ciò comporta che al contratto di ricerca non si applica l’articolo 1666 cc (verifica e pagamento di singole partite), in quanto la committente è interessata esclusivamente alla realizzazione del risultato finale dell’attività di ricerca e non alle fasi intermedie del singolo progetto di ricerca.
 
Alla luce delle considerazioni svolte, l’Agenzia ha, in primo luogo, acquisito il parere del competente ministero dello Sviluppo economico circa l’ammissibilità dei progetti in questione al credito d’imposta in R&S; dopodiché, entrando nel merito della questione prospettata, ha ritenuto che le spese commissionate rientrassero tra le categorie di costi eleggibili connessi allo svolgimento delle attività di ricerca e sviluppo, ex comma 6, lettera c), del citato articolo 3, come confermato dall’articolo 4, comma 1, lettera c) del decreto attuativo del 27 maggio 2015.
Si tratta della cosiddetta ricerca extra-muros, consistente nelle spese relative a contratti di ricerca stipulati con università, enti di ricerca e organismi equiparati, e con altre imprese, comprese le start-up innovative di cui all’articolo 25 del Dl 179/2012.
Alle stesse spese è stato riconosciuto, ex comma 7 dell’articolo 3, il credito di imposta nella misura del 50% della spesa incrementale.
Maria Gabriella Imbesi
Caterina Maria Gaeta
pubblicato Venerdì 10 Marzo 2017

I più letti

L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Ispezioni e visure sono a costo zero solo se a richiederle è un intestatario del bene, mentre hanno un costo le “indagini” eseguite su immobili di cui sono titolari altri soggetti
immagine generica illustrativa con una calcolatrice che indica "zero"
La presunzione di cessione in nero opera, inoltre, anche con differenze inventariali negative minime, non vigendo una soglia minima del potere accertativo da parte del Fisco
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino