Normativa e prassi
Con sconto il ritorno dall’estero
del professore in aspettativa
L’istituto, in pratica, in caso di mancata retribuzione, prevede, infatti, la sospensione del rapporto di lavoro assicurando, semplicemente, il diritto alla conservazione del posto
Con sconto il ritorno dall’estero|del professore in aspettativa
Un professore universitario, iscritto all’Aire, che svolge dal 2014 attività di insegnamento e di ricerca presso una ateneo del Regno Unito e in aspettativa senza assegni, fino al 30 settembre 2017, presso un università italiana, può beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dall’articolo 44, del Dl 78/2010, nel momento in cui rientra e riprende la residenza nel nostro Paese.
È questa la risposta dell’Agenzia delle Entrate, contenuta nella risoluzione 92/E del 14 luglio 2017, a un quesito sull’argomento.
 
La disposizione agevolativa in questione, più volte modificata (da ultimo dalla legge di bilancio 2017 e dalla legge 232/2016), ha lo scopo di incentivare il rientro di docenti e ricercatori che prestano la loro attività in altri Stati. In particolare, chi si trasferisce in Italia, ai fini Irpef, usufruisce di un taglio del 90% del reddito percepito per attività di lavoro dipendente o autonomo con determinate caratteristiche. Le stesse somme, inoltre, non concorrono alla formazione dell’imponibile Irap.
Tra le condizioni richieste, il possesso della laurea o di altro titolo equiparato, di aver risieduto non occasionalmente all’estero, di aver svolto per almeno due anni attività di ricerca o docenza presso istituto pubblici o privati stranieri e di venire a svolgere la professione in Italia traferendovi anche la residenza fiscale.
 
Nel caso proposto, il professore istante è in posizione di aspettativa senza assegni presso un ateneo italiano, e ha intenzione di rientrare e di riprendere il suo ruolo presso la stessa università, trasferendo, contemporaneamente, anche residenza fiscale.
L’Agenzia delle Entrate gli assicura che può usufruire dell’agevolazione, in quanto l’istituto dell’aspettativa, pur mantenendo il diritto alla conservazione del posto, in pratica, sospende il rapporto di lavoro dipendente.
r.fo.
pubblicato Venerdì 14 Luglio 2017

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
logo del modello Redditi SC 2018
Riguardo agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi la disciplina agevolativa è stata nuovamente prorogata, ma con ritocchi. Inevitabile l'impatto sul modello
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino