Normativa e prassi
Senza incremento produttivo,
premi di risultato non agevolati
Occorre definire un periodo congruo per confrontare e misurare l’effettivo miglioramento rispetto alla fase precedente, non basta verificare il raggiungimento degli obiettivi
Senza incremento produttivo,|premi di risultato non agevolati
Le misure fiscali agevolative previste, a determinate condizioni, dalla legge di stabilità per il 2016, per le retribuzioni premiali non valgono se manca il requisito dell’incrementalità, cioè l’aumento di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione, misurabile e verificabile sulla base dei criteri definiti con provvedimenti legislativi ad hoc. In sintesi questo il contenuto della risoluzione 78/E del 19 ottobre 2018.
 
Il quesito è di una società che ha sottoscritto un accordo integrativo del contratto aziendale di secondo livello con le sigle sindacali, nel quale sono stati definiti gli obiettivi e i relativi parametri di misurazione riguardanti il premio di risultato 2017, da corrispondere ai dipendenti nel 2018. Al riguardo, il valore Ebit è utilizzato per la redditività, mentre per l’obiettivo dell’efficienza, il parametro è dato dal miglioramento dei tempi di consegna.
In particolare, la società vuole sapere se tali retribuzioni possano godere dello sconto d’imposta previsto dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, commi da 182 a 189, legge 208/2015).
 
La misura agevolativa prevede un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali del 10% ai “premi di risultato di ammontare variabile, la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione, misurabili e verificabili” secondo i criteri fissati dal Dm 25 marzo 2016 del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, di concerto con il Mef. L’articolo 2, comma 2, del decreto stabilisce che “I contratti collettivi ... devono prevedere criteri di misurazione e verifica degli incrementi .. rispetto ad un periodo congruo definito dall'accordo”.
Il “periodo congruo” deve essere individuato dalla contrattazione di secondo livello.
 
Tanto premesso, l’Agenzia non rileva, nell’ipotesi prospettata nell’interpello, le condizioni previste dalla norma per l’applicazione dell’agevolazione. Non è, infatti, sufficiente definire l’obiettivo da raggiungere nel periodo di riferimento, è fondamentale che il risultato sia superiore a quello registrato nel periodo precedente l’inizio della fase di maturazione del premio.
Nell’interpello in esame manca il “metro” di confronto, elemento essenziale introdotto dalla norma di riferimento rispetto ai “simili” regimi di favore in vigore dal 2008 al 2014. Il premio, infatti, in questo caso, è connesso soltanto al raggiungimento di un dato stabile contenuto nel contratto, ovvero al raggiungimento di un valore Ebit e al miglioramento dei tempi di consegna.
 
La risoluzione precisa che, tuttavia, nel caso in cui l’Ebit 2017 risulti incrementale rispetto a quello registrato nel 2016, al premio potrà essere applicata l’imposta sostitutiva prevista dalla Stabilità 2016 e questo anche in relazione ai tempi di consegna, “nel presupposto”, come si legge nel documento di prassi “che, da quanto formalizzato e asserito dalla società istante sembra sussistere, i due obiettivi siano alternativi”.
r.fo.
pubblicato Venerdì 19 Ottobre 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino