Normativa e prassi
Servizi per fattura elettronica:
nuovo modulo per le deleghe
Definite anche le regole con cui gli intermediari possono inviare all’Amministrazione finanziaria la comunicazione telematica relativa ai dati essenziali degli incarichi ricevuti
Servizi per fattura elettronica:|nuovo modulo per le deleghe
Continua il processo di progressiva attuazione dell’obbligo della fattura elettronica, introdotto dalla legge di bilancio 2018 e destinato a entrare in vigore in maniera generalizzata il 1° gennaio 2019.
 
L'ulteriore tassello è rappresentato dall’approvazione, con il provvedimento 5 novembre 2018, di un nuovo modulo per il conferimento e la revoca delle deleghe agli intermediari per l’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica messi a disposizione dell’Agenzia delle entrate.
 
Con lo stesso provvedimento, inoltre, è stato approvato il modulo per il conferimento/revoca delle deleghe per la consultazione del Cassetto fiscale delegato.
 
Delega all’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica
L’Agenzia delle entrate, considerata la vasta platea dei contribuenti tenuti all’emissione dell’e-fattura, ha realizzato e messo a disposizione una serie di servizi, l’utilizzo dei quali può essere delegato agli intermediari.
 
Per agevolare il conferimento delle deleghe, è stato realizzato un ulteriore servizio, che consente agli intermediari di inviare, con modalità sia massiva sia puntuale, una comunicazione telematica contenente i dati essenziali delle deleghe loro conferite, per l’attivazione automatica delle stesse, previa verifica degli elementi di riscontro che l’intermediario deve indicare a garanzia dell’effettivo conferimento della delega da parte del contribuente.
 
Inoltre, per assicurare una rapida ed efficace acquisizione e gestione delle deleghe, è stata predisposta un’apposita procedura, prevedendo la possibilità per coloro che possono autenticare la sottoscrizione della delega (cfr articolo 63, Dpr 600/1973) di inviare, tramite posta elettronica certificata, un file contenente gli elementi essenziali delle deleghe conferite, nonché la copia delle deleghe cartacee, che gli stessi sono tenuti ad acquisire preventivamente, debitamente compilate e sottoscritte e a conservarle, in originale, per consentire all’Agenzia delle entrate di effettuare gli opportuni controlli.
 
Per agevolare gli adempimenti dei contribuenti e uniformare il comportamento degli intermediari, con il provvedimento pubblicato oggi, quindi, è stato approvato un nuovo modulo per il conferimento e la revoca della delega all’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica (una prima “versione” del modulo era già stata adottata con il provvedimento dello scorso 13 giugno – vedi “Servizi fatturazione elettronica: modalità per conferire le deleghe”).
 
Il modulo contiene due nuove sezioni dedicate, rispettivamente, all’indicazione dei dati dell’eventuale soggetto cui si conferisce procura per la consegna presso un qualsiasi ufficio territoriale, nonché di quelli relativi alla dichiarazione sostitutiva di atto notorio (resa dai soggetti riconosciuti idonei all’autentica della firma del delegante).
 
I servizi delegabili sono i seguenti:
  • consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici
  • consultazione dei dati rilevanti ai fini Iva
  • registrazione dell’indirizzo telematico
  • fatturazione elettronica e conservazione delle fatture elettroniche
  • accreditamento e censimento dispositivi.
Ogni delega può essere conferita a non più di quattro soggetti e la relativa durata è fissata dal delegante entro il limite di due anni dalla data del conferimento (se la durata non è indicata è automaticamente fissata a due anni, salvo revoca).
 
Peraltro, a partire da oggi, e per i successivi 60 giorni, sarà possibile continuare a utilizzare il modulo approvato lo scorso 13 giugno.
 
Delega all’utilizzo del Cassetto fiscale delegato
Per “Cassetto fiscale delegato” si intende il servizio attraverso il quale un intermediario può consultare le informazioni contenute nel Cassetto fiscale di coloro che gli hanno preventivamente conferito una specifica delega.
Tenuto conto delle diverse modalità di presentazione all’Agenzia delle entrate delle deleghe relative all’utilizzo di questo servizio, con il provvedimento di oggi viene approvato un modulo separato per il conferimento/revoca di tali deleghe.
Il servizio è delegabile fino a un massimo di due intermediari, mentre la durata della delega è automaticamente fissata a 4 anni (salvo revoca).
 
r.fo.
pubblicato Lunedì 5 Novembre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino