Normativa e prassi
Slot-machine, i codici tributo
per imposta, sanzioni e interessi
Consentono anche il versamento rateizzato degli importi rilevati dai controlli automatici di competenza dell'Aams
Slot-machine
Con la risoluzione n. 87/E del 31 marzo sono stati approvati i codici tributo che consentono il versamento delle somme rilevate dall'attività di accertamento e dai controlli automatici di competenza dei Monopoli.

Il Preu (Prelievo erariale unico), un tributo previsto per apparecchi e congegni idonei al gioco lecito (articolo 39, comma 13 del Dl 269/2003), va corrisposto anche sulle somme giocate tramite apparecchi e congegni privi del nulla osta prescritto dalla legge o muniti dello stesso ma il cui esercizio è qualificabile come illecito civile, penale o amministrativo (articolo 39-quater, comma 2, Dl 269/2003).
Per versare tali somme sono istituiti i codici relativi a imposta, interessi e sanzioni dovute a seguito di accertamento per mancato versamento del tributo all'erario.

Il documento di prassi, inoltre, approva i codici tributo con i quali è possibile versare ratealmente le somme derivanti dai controlli automatici effettuati dai Monopoli, relative a:
  • Prelievo erariale unico
  • Prelievo erariale unico di competenza della Regione Sicilia
  • Imposta sugli intrattenimenti (Isi)
  • Imposta sugli intrattenimenti di competenza della Regione Sicilia

Soppressi, infine, i codici 5173 e 5174. L'articolo 30-bis, comma 3 del Dl 185/2008, infatti, ha abrogato la disposizione che prevedeva la possibilità per l'amministrazione dei Monopoli di concedere, su istanza, la rateazione delle somme dovute a titolo di Prelievo erariale unico.

Patrizia De Juliis
pubblicato Martedì 31 Marzo 2009

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
carte di debito e credito
La domanda di pronuncia pregiudiziale, esaminata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea, verte sull’interpretazione di una disposizione normativa della direttiva sull’Iva
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea