Normativa e prassi
Sono 218 gli enti esentati dall’Ires
perché ci ricordano le tradizioni
I beneficiari sono anche esonerati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili (Dpr 600/1973). Le eventuali donazioni sono detraibili in sede di dichiarazione dei redditi
processione pasquale
La “contrada dell’Oca” conquista il primo posto sul podio degli enti e delle associazioni senza scopo di lucro esentate dall’Ires per l'anno d'imposta 2015, perché collaborano alla realizzazione di manifestazioni di interesse storico, artistico e culturale, legate alle tradizioni locali: pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, allegato al decreto Mef del 9 marzo 2016, l’elenco completo dei beneficiari.
 
Le organizzazioni “ricompensate” per la loro attività, importante non solo dal punto di vista storico e culturale, ma anche turistico e, quindi, economico, sono complessivamente 218, quindici in più dell’anno precedente.
La parte del leone spetta, ancora una volta a Siena, che occupa, in blocco, i primi 34 posti della lista. In particolare, a tagliare il traguardo, sono le associazioni, che animano ogni anno lo storico Palio. In generale, comunque, è la Toscana, con i suoi magici borghi medioevali, a vantare la presenza più nutrita, ben rappresentata anche la Lombardia, meno presenti le realtà del Meridione.
 
La misura agevolativa, introdotta dall’articolo 1, comma 185, della legge 296/2006 (Finanziaria 2007) non si ferma all’esenzione dall’Ires, i selezionati, infatti, sono anche esentati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili stabiliti dal Dpr 600/1973.
Si ricorda, inoltre, che le prestazioni e donazioni effettuate dalle persone fisiche a favore di queste associazioni hanno carattere di liberalità ai fini delle imposte sui redditi e sono detraibili in sede di dichiarazione.
 
Per candidarsi, gli aspiranti beneficiari devono presentare telematicamente, dal 20 luglio al 20 settembre di ogni anno, istanza all’Agenzia delle Entrate, direttamente o tramite gli intermediari abilitati, utilizzando l’apposito modello e servendosi del software “IstanzaBenefici_Associazioni”, entrambi disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
L’Agenzia verifica i requisiti e invia al ministero dell’Economia e delle Finanze la lista delle organizzazioni che hanno superato il test in base ai criteri stabili con il Dm 228/2007.
Il Mef, a questo punto, individua gli effettivi beneficiari tenendo conto, in caso di equiparazione, dei soggetti che da più tempo operano per conservare le tradizioni, delle manifestazioni più antiche e rappresentative e, in ultimo, dell’ordine cronologico delle domande.
Finito il vaglio, il ministero, con un suo decreto, dà l’ok ufficiale all’elenco delle associazioni che potranno usufruire, per l’anno di riferimento e nel rispetto del fondo stanziato, alle agevolazioni fiscali previste dalla misura.
r.fo.
pubblicato Venerdì 18 Marzo 2016

I più letti

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Quelli versati dai partecipanti al momento della costituzione, per l’ente non hanno rilevanza reddituale, cioè non concorrono alla determinazione del suo reddito imponibile
foto di mani alzate colorate
Gli elenchi degli iscritti per l'anno finanziario 2016 sono disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Per chi perde l'appuntamento, chance con sanzione fino al 30 settembre
Raggiunto l'accordo per gli investitori italiani colpiti dal default dello Stato sudamericano nel 2001: sarà loro restituito il capitale versato, con una ulteriore maggiorazione
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap