Normativa e prassi
Sono 218 gli enti esentati dall’Ires
perché ci ricordano le tradizioni
I beneficiari sono anche esonerati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili (Dpr 600/1973). Le eventuali donazioni sono detraibili in sede di dichiarazione dei redditi
processione pasquale
La “contrada dell’Oca” conquista il primo posto sul podio degli enti e delle associazioni senza scopo di lucro esentate dall’Ires per l'anno d'imposta 2015, perché collaborano alla realizzazione di manifestazioni di interesse storico, artistico e culturale, legate alle tradizioni locali: pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, allegato al decreto Mef del 9 marzo 2016, l’elenco completo dei beneficiari.
 
Le organizzazioni “ricompensate” per la loro attività, importante non solo dal punto di vista storico e culturale, ma anche turistico e, quindi, economico, sono complessivamente 218, quindici in più dell’anno precedente.
La parte del leone spetta, ancora una volta a Siena, che occupa, in blocco, i primi 34 posti della lista. In particolare, a tagliare il traguardo, sono le associazioni, che animano ogni anno lo storico Palio. In generale, comunque, è la Toscana, con i suoi magici borghi medioevali, a vantare la presenza più nutrita, ben rappresentata anche la Lombardia, meno presenti le realtà del Meridione.
 
La misura agevolativa, introdotta dall’articolo 1, comma 185, della legge 296/2006 (Finanziaria 2007) non si ferma all’esenzione dall’Ires, i selezionati, infatti, sono anche esentati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili stabiliti dal Dpr 600/1973.
Si ricorda, inoltre, che le prestazioni e donazioni effettuate dalle persone fisiche a favore di queste associazioni hanno carattere di liberalità ai fini delle imposte sui redditi e sono detraibili in sede di dichiarazione.
 
Per candidarsi, gli aspiranti beneficiari devono presentare telematicamente, dal 20 luglio al 20 settembre di ogni anno, istanza all’Agenzia delle Entrate, direttamente o tramite gli intermediari abilitati, utilizzando l’apposito modello e servendosi del software “IstanzaBenefici_Associazioni”, entrambi disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
L’Agenzia verifica i requisiti e invia al ministero dell’Economia e delle Finanze la lista delle organizzazioni che hanno superato il test in base ai criteri stabili con il Dm 228/2007.
Il Mef, a questo punto, individua gli effettivi beneficiari tenendo conto, in caso di equiparazione, dei soggetti che da più tempo operano per conservare le tradizioni, delle manifestazioni più antiche e rappresentative e, in ultimo, dell’ordine cronologico delle domande.
Finito il vaglio, il ministero, con un suo decreto, dà l’ok ufficiale all’elenco delle associazioni che potranno usufruire, per l’anno di riferimento e nel rispetto del fondo stanziato, alle agevolazioni fiscali previste dalla misura.
r.fo.
pubblicato Venerdì 18 Marzo 2016

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
carte di debito e credito
La domanda di pronuncia pregiudiziale, esaminata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea, verte sull’interpretazione di una disposizione normativa della direttiva sull’Iva
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea