Normativa e prassi
Spese all’Anagrafe tributaria:
confermate le modalità di invio
I provvedimenti di approvazione ribadiscono quanto indicato nelle bozze pubblicate lo scorso dicembre, con il dettaglio dei dati da trasmettere e le necessarie specifiche tecniche
Spese all’Anagrafe tributaria:|confermate le modalità di invio
Approvate in via definitiva, con quattro distinti provvedimenti, le modalità di trasmissione all’Agenzia delle entrate dei dati relativi alle spese universitarie, alle spese funebri, ai rimborsi per spese sanitarie e ai contributi versati alle forme pensionistiche complementari, utili all’elaborazione della dichiarazione precompilata e allo svolgimento delle attività di controllo sulle dichiarazioni fiscali.
I provvedimenti, in sostanza, confermano quanto indicato nelle bozze pubblicate lo scorso dicembre.
Le comunicazioni devono essere effettuate annualmente entro il 28 febbraio, con riferimento ai dati relativi alle spese sostenute nel periodo d’imposta precedente.
Per i dati del 2015, la scadenza slitta al 29 febbraio 2016 (il 28 è domenica).
 
Per quanto riguarda le spese universitarie, le università statali e non devono trasmettere all’Anagrafe tributaria quelle sostenute nel 2015 per ciascuno studente, con indicazione dei soggetti che hanno sostenuto l’onere e l’anno accademico di riferimento. Le spese vanno comunicate al netto di eventuali rimborsi e contributi. I rimborsi erogati nell’anno d’imposta, ma riferiti a spese sostenute in anni precedenti, devono essere indicati separatamente.
Il provvedimento definisce anche le modalità con le quali gli studenti universitari possono comunicare la propria opposizione all’inserimento delle spese universitarie nella dichiarazione precompilata. Lo studente può esercitare tale diritto inviando, dal 2 al 28 febbraio, lo specifico modello, insieme alla copia di un documento di identità, all’indirizzo di posta elettronica opposizioneutilizzospeseuniversitarie@agenziaentrate.it oppure via fax, al numero 0650762273. Per i dati del 2015, l’opposizione può essere esercitata fino al 21 marzo.
 
Relativamente alle spese funebri, i soggetti che emettono le relative fatture devono comunicare quelle relative al 2015, specificando l’ammontare dei costi riferibili a ogni decesso, i dati del defunto e l’intestatario del documento fiscale.
 
Circa le spese sanitarie rimborsate, gli enti e le casse aventi esclusivamente fine assistenziale e i fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale sono tenuti a inviare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle spese sanitarie rimborsate nel 2015 (incluse quelle sostenute negli anni precedenti) per effetto dei contributi versati (articolo 51, comma 2, lettera a, e articolo 10, comma 1, lettera e-ter, del Tuir), nonché i dati relativi ai contributi versati direttamente o tramite un soggetto diverso dal sostituto d’imposta. Non vanno invece comunicati i dati relativi alle spese sanitarie rimborsate per effetto di contributi non deducibili.
 
Infine, per quanto riguarda la previdenza complementare, le forme pensionistiche complementari, per le quali i contributi non sono versati per il tramite del sostituto d’imposta, devono inviare all’Anagrafe tributaria i dati relativi ai contributi a esse versati nel 2015.
 
Spese diverse, stesse modalità di invio
Per inviare i dati richiesti, i soggetti tenuti alla comunicazione possono avvalersi dei servizi Entratel o Fisconline o rivolgersi a un intermediario abilitato. La trasmissione telematica avviene tramite gli appositi software disponibili gratuitamente sul sito dell’Agenzia.
 
Tre le tipologie di invio: ordinario, sostitutivo o di annullamento.
La prima tipologia identifica la comunicazione con cui si trasmettono i dati richiesti. È possibile fare più invii ordinari per lo stesso periodo di riferimento; in questo caso, i dati inviati successivamente alla prima comunicazione si considerano in aggiunta a quelli trasmessi precedentemente.
Si definisce sostitutivo, invece, l’invio con il quale si esegue la completa sostituzione di una comunicazione, ordinaria o sostitutiva, precedentemente inviata e acquisita con esito positivo dal sistema.
Con il terzo tipo di invio, infine, si richiede l’annullamento di una comunicazione, ordinaria o sostitutiva, precedentemente trasmessa e acquisita con esito positivo. L’annullamento di una comunicazione sostitutiva determina la cancellazione di tutti i suoi dati, senza ripristinare quelli della sostituita.
 
Se il file viene scartato dal sistema, è possibile inviarne un altro, rispettando la scadenza oppure, se più favorevole, entro cinque giorni dalla segnalazione di errore da parte dell’Agenzia. Stessa tempistica in caso di invio di codici fiscali non validi; l’ulteriore invio ordinario dovrà riguardare i soli dati relativi ai codici fiscali segnalati.
In tutti gli altri casi, la correzione dei dati trasmessi entro la scadenza del 28 febbraio (quest’anno, 29 febbraio) va effettuata entro i cinque giorni successivi a quel termine.
 
La trasmissione si considera effettuata quando, completata la ricezione del file, il sistema genera la ricevuta. Questa è resa disponibile in via telematica nei cinque giorni successivi alla ricezione del file.
Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 19 Febbraio 2016

I più letti

Finita l’attesa, al via la nuova modalità. La documentazione presentata sarà visionabile nel “Cassetto fiscale” di dichiarante, coeredi e chiamati. Canale obbligatorio dal 2018
In presenza di immobili o diritti reali immobiliari, prima di presentare la denuncia, bisogna versare le imposte ipocatastali e di bollo, nonché la tassa ipotecaria e i tributi speciali
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Aumentano le possibilità di utilizzo del servizio gratuito a disposizione dei contribuenti per la generazione, trasmissione e conservazione di documenti contabili elettronici
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Finita l’attesa, al via la nuova modalità. La documentazione presentata sarà visionabile nel “Cassetto fiscale” di dichiarante, coeredi e chiamati. Canale obbligatorio dal 2018
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino