Normativa e prassi
Spese all’Anagrafe tributaria:
confermate le modalità di invio
I provvedimenti di approvazione ribadiscono quanto indicato nelle bozze pubblicate lo scorso dicembre, con il dettaglio dei dati da trasmettere e le necessarie specifiche tecniche
Spese all’Anagrafe tributaria:|confermate le modalità di invio
Approvate in via definitiva, con quattro distinti provvedimenti, le modalità di trasmissione all’Agenzia delle entrate dei dati relativi alle spese universitarie, alle spese funebri, ai rimborsi per spese sanitarie e ai contributi versati alle forme pensionistiche complementari, utili all’elaborazione della dichiarazione precompilata e allo svolgimento delle attività di controllo sulle dichiarazioni fiscali.
I provvedimenti, in sostanza, confermano quanto indicato nelle bozze pubblicate lo scorso dicembre.
Le comunicazioni devono essere effettuate annualmente entro il 28 febbraio, con riferimento ai dati relativi alle spese sostenute nel periodo d’imposta precedente.
Per i dati del 2015, la scadenza slitta al 29 febbraio 2016 (il 28 è domenica).
 
Per quanto riguarda le spese universitarie, le università statali e non devono trasmettere all’Anagrafe tributaria quelle sostenute nel 2015 per ciascuno studente, con indicazione dei soggetti che hanno sostenuto l’onere e l’anno accademico di riferimento. Le spese vanno comunicate al netto di eventuali rimborsi e contributi. I rimborsi erogati nell’anno d’imposta, ma riferiti a spese sostenute in anni precedenti, devono essere indicati separatamente.
Il provvedimento definisce anche le modalità con le quali gli studenti universitari possono comunicare la propria opposizione all’inserimento delle spese universitarie nella dichiarazione precompilata. Lo studente può esercitare tale diritto inviando, dal 2 al 28 febbraio, lo specifico modello, insieme alla copia di un documento di identità, all’indirizzo di posta elettronica opposizioneutilizzospeseuniversitarie@agenziaentrate.it oppure via fax, al numero 0650762273. Per i dati del 2015, l’opposizione può essere esercitata fino al 21 marzo.
 
Relativamente alle spese funebri, i soggetti che emettono le relative fatture devono comunicare quelle relative al 2015, specificando l’ammontare dei costi riferibili a ogni decesso, i dati del defunto e l’intestatario del documento fiscale.
 
Circa le spese sanitarie rimborsate, gli enti e le casse aventi esclusivamente fine assistenziale e i fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale sono tenuti a inviare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle spese sanitarie rimborsate nel 2015 (incluse quelle sostenute negli anni precedenti) per effetto dei contributi versati (articolo 51, comma 2, lettera a, e articolo 10, comma 1, lettera e-ter, del Tuir), nonché i dati relativi ai contributi versati direttamente o tramite un soggetto diverso dal sostituto d’imposta. Non vanno invece comunicati i dati relativi alle spese sanitarie rimborsate per effetto di contributi non deducibili.
 
Infine, per quanto riguarda la previdenza complementare, le forme pensionistiche complementari, per le quali i contributi non sono versati per il tramite del sostituto d’imposta, devono inviare all’Anagrafe tributaria i dati relativi ai contributi a esse versati nel 2015.
 
Spese diverse, stesse modalità di invio
Per inviare i dati richiesti, i soggetti tenuti alla comunicazione possono avvalersi dei servizi Entratel o Fisconline o rivolgersi a un intermediario abilitato. La trasmissione telematica avviene tramite gli appositi software disponibili gratuitamente sul sito dell’Agenzia.
 
Tre le tipologie di invio: ordinario, sostitutivo o di annullamento.
La prima tipologia identifica la comunicazione con cui si trasmettono i dati richiesti. È possibile fare più invii ordinari per lo stesso periodo di riferimento; in questo caso, i dati inviati successivamente alla prima comunicazione si considerano in aggiunta a quelli trasmessi precedentemente.
Si definisce sostitutivo, invece, l’invio con il quale si esegue la completa sostituzione di una comunicazione, ordinaria o sostitutiva, precedentemente inviata e acquisita con esito positivo dal sistema.
Con il terzo tipo di invio, infine, si richiede l’annullamento di una comunicazione, ordinaria o sostitutiva, precedentemente trasmessa e acquisita con esito positivo. L’annullamento di una comunicazione sostitutiva determina la cancellazione di tutti i suoi dati, senza ripristinare quelli della sostituita.
 
Se il file viene scartato dal sistema, è possibile inviarne un altro, rispettando la scadenza oppure, se più favorevole, entro cinque giorni dalla segnalazione di errore da parte dell’Agenzia. Stessa tempistica in caso di invio di codici fiscali non validi; l’ulteriore invio ordinario dovrà riguardare i soli dati relativi ai codici fiscali segnalati.
In tutti gli altri casi, la correzione dei dati trasmessi entro la scadenza del 28 febbraio (quest’anno, 29 febbraio) va effettuata entro i cinque giorni successivi a quel termine.
 
La trasmissione si considera effettuata quando, completata la ricezione del file, il sistema genera la ricevuta. Questa è resa disponibile in via telematica nei cinque giorni successivi alla ricezione del file.
Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 19 Febbraio 2016

I più letti

È applicabile sia dai soggetti mensili che da quelli trimestrali; in ogni caso, deve trattarsi di operatori d’impresa, il contratto deve avere la forma scritta… e così via
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
È obbligatoria solo la comunicazione dei motivi che hanno dato luogo alla rettifica, per consentire al contribuente di segnalare eventuali elementi omessi o valutati erroneamente
Questo, se non c’è un nesso tra il controllo a “domicilio” e il successivo eventuale atto impositivo e il contribuente valuti l’accesso come violazione del segreto d’ufficio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
immagine di beni
In caso di assegnazione, sulla differenza tra il valore normale e il costo fiscalmente riconosciuto, si applica un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap nella misura dell'8%
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
Come tenutario della contabilità doveva sapere che l’emittente era un imprenditore edile e quindi non potevano essere verosimili le transazioni commerciali riguardanti l’argento
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea