Normativa e prassi
Spese sanitarie nella precompilata:
9 marzo, ultima data per opporsi
Dal giorno successivo, i dati per i quali non è stata chiesta la cancellazione saranno resi disponibili all’Agenzia delle Entrate, affinché possa servirsene per predisporre i 730
Spese sanitarie nella precompilata:|9 marzo, ultima data per opporsi
Prorogato il termine per manifestare opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie, sostenute nel 2015, per l’elaborazione della dichiarazione precompilata. Come già anticipato dal comunicato stampa del 21 gennaio, i contribuenti potranno esprimere il diniego al trattamento dei propri dati sanitari, in relazione a ogni singola voce, dal 10 febbraio al 9 marzo, collegandosi al sito web dedicato del Sistema tessera sanitaria (www.sistemats.it).
A “ufficializzare” il nuovo intervallo temporale, il provvedimento 26 gennaio 2016 dell’Agenzia delle Entrate.
Per l’operazione, sarà necessario accedere all’area autenticata del portale tramite tessera sanitaria TS-CNS o tramite le credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate.
 
Lo slittamento al 9 marzo del termine per manifestare il diniego è conseguenziale a quello di nove giorni, fino al 9 febbraio, della data ultima per la trasmissione, da parte degli operatori del settore al Sistema tessera sanitaria, dei dati delle spese riferite al 2015 (tale proroga, anch’essa annunciata - d’intesa con il ministero dell’Economia e delle Finanze - con il comunicato stampa del 21 gennaio, sarà formalizzata tramite un decreto Mef).
Sono in tal modo rispettati i trenta giorni di tempo, previsti dal sistema di tutela della privacy, a disposizione di coloro che intendono opporsi all’uso dei propri dati per la precompilata.
Ne discende che a partire dal giorno successivo, cioè dal 10 marzo, il Sistema tessera sanitaria dovrà rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle spese sanitarie e ai rimborsi per i quali non è stata esercitata l’opposizione, affinché possa utilizzarli per la predisposizione dei 730 precompilati.
 
Ricordiamo che, a regime, è possibile esprimere il diniego all’utilizzo dei dati, in alternativa alla modalità appena ricordata (ma nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 28 febbraio dell’anno successivo al periodo di imposta di riferimento), anche comunicandolo direttamente all’operatore (medico, farmacista, struttura sanitaria) al momento della fruizione della prestazione.
Per le sole spese sostenute nel 2015, invece, in alternativa alla modalità tramite Sistema tessera sanitaria, è ancora possibile, fino al 31 gennaio, manifestare opposizione direttamente all’Agenzia delle Entrate, comunicando – via mail, telefonicamente o presso un qualsiasi ufficio territoriale – la tipologia di spesa da escludere (vedi provvedimento del 31 luglio 2015, punto 2.4.5).
r.fo.
pubblicato Mercoledì 27 Gennaio 2016

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Riguarda i sostituti d’imposta, chiamati a pagare l’anticipo delle imposte dovute dai lavoratori sui rendimenti delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino