Normativa e prassi
Spesometro: le bollette dell’acqua
sono fatture “a tutti gli effetti”
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Spesometro: le bollette dell’acqua|sono fatture “a tutti gli effetti”
Le “bollette-fatture” relative alla fornitura di acqua, depurazione e servizio di fognatura, emesse dal Comune nei confronti di soggetti passivi Iva, devono essere inserite nello spesometro, poiché sono fatture a tutti gli effetti.
È questa, in sintesi, la risposta fornita dall’Agenzia delle entrate nella risoluzione n. 68/E del 21 settembre 2018, a seguito di un’istanza di interpello.
 
Il quesito
A proporre istanza di interpello è un Comune, che gestisce direttamente il servizio idrico integrato, e provvede, trimestralmente, a emettere “bollette-fatture” nei confronti degli utenti per l’addebito di quanto dovuto per la fornitura di acqua, depurazione e servizio di fognatura.
L’istante chiede all’Agenzia se tali “bollette-fatture” vadano inserite nella “Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute” (spesometro - articolo 21, Dl 78/2010).
 
Il parere dell’Agenzia
Secondo l’Amministrazione, le bollette emesse per l’addebito dei corrispettivi relativi alle diverse somministrazioni (ad esempio, di acqua, gas, energia elettrica) “tengono luogo delle fatture e, dunque, sono da considerarsi tali sotto ogni profilo”.
In altri termini, fatture e bollette sono documenti tra loro assimilati e, pertanto, le “bollette-fatture” emesse dal Comune ricadono, in generale, nel perimetro di applicazione dello spesometro.
Quanto poi a eventuali esoneri previsti dall’originaria disciplina della “Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute”, l’Agenzia sottolinea che, in virtù delle modifiche intervenute nel corso degli ultimi anni, l’articolo 21, Dl 78/2010, attualmente vigente, stabilisce che “tutti” i soggetti Iva devono comunicare i dati di “tutte” le fatture emesse e ricevute, comprese quelle emesse nei confronti di soggetti privati.
Tuttavia, il legislatore ha previsto alcune semplificazioni stabilendo, tra l’altro, che le pubbliche amministrazioni sono esonerate dalla trasmissione delle fatture emesse nei confronti dei consumatori finali (articolo 1-ter, Dl 148/2017).
L’Agenzia ricorda, altresì, che la legge di bilancio 2018 ha previsto, dal 2019, l’abrogazione dell’obbligo di invio dello spesometro, sostituito dall’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica (articolo 1, comma 916, legge 205/2017).
In conclusione, quindi, l’Amministrazione chiarisce che per le “bollette-fatture” relative alla fornitura di acqua, depurazione e servizio di fognatura, emesse dal Comune, sussiste l’obbligo di comunicazione, limitatamente a quelle emesse nei confronti di soggetti passivi Iva, “in quanto trattasi di fatture a tutti gli effetti”.
r.fo.
pubblicato Venerdì 21 Settembre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
Il prelievo fiscale sui redditi prodotti oltralpe che non concorrono alla formazione del reddito complessivo nazionale, quindi della base imponibile, non dà diritto a detrazione
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino