Normativa e prassi
Stabilità 2016: nel pacchetto casa
proroghe, conferme e new entry - 1
Detrazione del 65% per l’acquisto di dispositivi per il controllo a distanza di impianti di riscaldamento, di produzione dell’acqua calda e di climatizzazione delle abitazioni
immagine di una tenda a pacchetto
La legge di stabilità n. 208/2015 ha riservato al bene casa più di un’attenzione, fondamentalmente tutte pro contribuente. Oltre alla cancellazione della Tasi per l’abitazione principale (ne parliamo in un altro intervento in materia di fiscalità locale), vanno segnalate: le proroghe fino al 31 dicembre 2016 delle detrazioni “potenziate” per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e per quelli finalizzati al risparmio energetico (con la novità dei dispositivi per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione acqua calda, ecc., e con la chance, per i contribuenti “no tax area”, di beneficiare ugualmente dell’agevolazione in relazione ai lavori condominiali); il prolungamento di un anno anche per il “bonus arredi”, che premia l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati a immobili oggetto di lavori di ristrutturazione; l’introduzione di un “bonus mobili” riservato alle giovani coppie che comprano l’abitazione principale; nuovi sconti Irpef per chi compra appartamenti ad elevate prestazioni energetiche e per chi acquisisce casa tramite locazione finanziaria. Novità favorevole anche nel settore delle imposte indirette: è ora possibile fruire dell’agevolazione per l’acquisto della prima casa pure qualora ancora si possieda un altro immobile comprato con gli stessi benefici, purché però lo stesso venga ceduto entro un anno.
 
Bonus ristrutturazioni
Il comma 74 allunga di un anno, fino al 31 dicembre 2016, la possibilità di fruire di uno “sconto” fiscale maggiore per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio: anche le spese sostenute nell’anno in corso danno diritto a una detrazione Irpef nella misura del 50%, da calcolare su un importo massimo di 96mila euro per unità immobiliare (il Tuir, a regime, prevede il 36% su una spesa limite di 48mila euro per immobile). La detrazione è ancora più consistente (nella misura del 65% su un importo di 96mila euro) per l’adozione di misure antisismiche su costruzioni, adibite ad abitazione principale o a destinazione produttiva, situate in zone sismiche ad alta pericolosità.
La detrazione, che deve essere suddivisa in dieci quote annuali di pari importo, spetta ai contribuenti Irpef che sono proprietari (o nudi proprietari) degli immobili oggetto degli interventi oppure titolari di altri diritti di godimento sugli stessi (usufrutto, uso, abitazione, superficie); sempre che sostengano le relative spese, il beneficio spetta anche a locatari o comodatari, soci di cooperative divise e indivise, familiari conviventi del possessore o detentore dell’immobile.
I lavori che danno diritto al bonus sono quelli di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali (e loro pertinenze) e sulle parti comuni degli edifici residenziali (per queste ultime, è agevolabile anche la manutenzione ordinaria). Inoltre, sono agevolabili gli interventi per: realizzare autorimesse o posti auto pertinenziali (la detrazione spetta anche per l’acquisto di un box o un posto auto pertinenziale già esistente in relazione alle sole spese di realizzazione, come attestate dal venditore); eliminare le barriere architettoniche; favorire la mobilità dei portatori di handicap grave; conseguire risparmi energetici; cablare gli edifici; contenere l’inquinamento acustico; adottare misure di sicurezza statica degli edifici; prevenire il rischio di compimento di atti penalmente illeciti da parte di terzi (ad esempio, furto, aggressione, sequestro di persona); prevenire incidenti domestici; bonificare dall’amianto.
Infine, la detrazione del 50%, sullo stesso importo massimo di 96mila euro, spetta anche in caso di acquisto o di assegnazione di un immobile facente parte di un edificio interamente ristrutturato da un’impresa di costruzione o di ristrutturazione immobiliare oppure da una cooperativa edilizia che, entro diciotto mesi dalla data in cui terminano i lavori, provvede a vendere o assegnare l’immobile. In questo caso, il beneficio prescinde dal valore degli interventi eseguiti e va calcolato su un importo forfetario, pari al 25% del prezzo di acquisto o di assegnazione dell’abitazione.
 
Bonus risparmio energetico
Identica proroga di un anno è stata accordata - sempre dal comma 74 - alla misura maggiorata (65% anziché 55%) dell’agevolazione spettante per gli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti, di qualunque categoria catastale, compresi quelli strumentali (dal 1° gennaio 2017, rientrerà nell’ordinaria detrazione del 36% prevista per le ristrutturazioni edilizie).
Spetta non solo ai contribuenti Irpef, ma anche ai soggetti Ires (non, però, per gli immobili merce), e va “spalmata” in dieci anni, in quote costanti.
Questi i lavori agevolabili:
  • riqualificazione energetica di edifici esistenti (detrazione massima, 100mila euro)
  • interventi sull’“involucro” (tetti, pareti, finestre, ecc.), acquisto e posa in opera di schermature solari, come tende esterne, chiusure oscuranti, ecc. (detrazione massima, 60mila euro)
  • installazione di pannelli solari per produrre acqua calda (detrazione massima, 60mila euro)
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale e di scaldabagno tradizionali con scaldacqua a pompa di calore, acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (detrazione massima, 30mila euro).
Le novità della Stabilità 2016
Oltre ad aver allungato di un anno la vita al bonus “rafforzato”, la legge di stabilità per il 2016 contiene, in materia di interventi finalizzati all’efficienza energetica, due disposizioni innovative:
  • lo stesso comma 74 stabilisce che, con riferimento alle spese sostenute nel 2016 per interventi condominiali di riqualificazione energetica, i contribuenti che si collocano nella “no tax area”, cioè i cui redditi sono “assorbiti” dalla corrispondente detrazione, potranno comunque recuperare il beneficio spettante per quei lavori, cedendo il credito ai fornitori che hanno eseguito l’intervento (un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate ne fisserà le modalità)
  • il comma 88, invece, inserisce tra le spese agevolabili con la detrazione del 65% quelle sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza (accensione, spegnimento, programmazione settimanale, monitoraggio dei consumi, ecc.) degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda e di climatizzazione delle abitazioni, per accrescere la consapevolezza dei consumi da parte degli utenti e migliorare l’efficienza funzionale dei medesimi impianti.
 
1 - continua
r.fo.
pubblicato Lunedì 4 Gennaio 2016

I più letti

La normativa speciale si occupa anche dei rapporti con le operazioni con l’estero, in particolare cessioni all’esportazione e assimilate effettuate da esportatori abituali
Nella nuova pubblicazione dell'Agenzia, tutto quello che occorre sapere prima di comprare l'abitazione: le verifiche da fare, i tributi da pagare, i possibili "sconti" da fruire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine di un libro e una sveglia
L'inosservanza del termine dilatorio per l'emanazione dell'avviso di accertamento determina illegittimità dell'atto impositivo emesso ante tempus solo in caso di accesso in azienda
Tale tipologia di reato, per essere appurata, non richiede la “scansione” dettagliata di quello che è stato pianificato e attuato né la precisa indicazione delle persone offese
Nella nuova pubblicazione dell'Agenzia, tutto quello che occorre sapere prima di comprare l'abitazione: le verifiche da fare, i tributi da pagare, i possibili "sconti" da fruire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Da oggi è disponibile online la dichiarazione 2017, modello 730 e modello Redditi. Trenta milioni di contribuenti possono consultare le informazioni e gli elementi preinseriti
Per i documenti rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, pagamento online, con addebito in conto, carte di credito, di debito o prepagate tramite i servizi del sistema pagoPA
L’adesione al trattamento agevolativo ha come effetto l’estinzione della controversia. Il contribuente deve chiedere al giudice il provvedimento di cessazione della materia del contendere
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Un vero e proprio manuale omnicomprensivo, con l’obiettivo di fornire la migliore assistenza possibile ai contribuenti e assicurare uniformità e trasparenza all’azione amministrativa
L’Agenzia illustra le modalità con cui, a partire dal 18 aprile, i contribuenti o i soggetti delegati possono prendere visione del modello 730 predisposto dall’amministrazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino