Normativa e prassi
Studi di settore: le revisioni 2015
ricevono l’imprimatur del Mef
Il definitivo via libera ministeriale arriva con quattro distinti decreti di approvazione, pubblicati in altrettanti supplementi straordinari della Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre
sigillo
Puntuali, come tutti gli anni, arrivano dal ministero dell’Economia e delle Finanze i decreti di approvazione degli studi di settore revisionati. Quelli che hanno appena ricevuto l’ok si applicano, ai fini dell’accertamento, a decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2015.
Sono quattro i decreti – tutti datati 22 dicembre e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 301 del 29 dicembre – che, tenendo anche conto del parere espresso il 2 dicembre sorso dalla Commissione di esperti, ratificano il lavoro svolto.
 
Nel primo supplemento straordinario, il n. 16, disco verde a 12 studi di settore riguardanti le attività economiche del comparto manifatturiero; nel n. 17, il via libera a 20 studi per il settore del commercio; negli altri due supplementi, l’approvazione, rispettivamente, di 12 studi relativi alle attività professionali (il n. 18) e di 26 inerenti al comparto dei servizi (il n. 19).
 
Nel supplemento n. 16, inoltre, è contenuto un quinto decreto Mef che individua specifici indicatori territoriali in base ai quali differenziare l’applicazione degli studi di settore per tener conto del luogo in cui viene svolta l’attività economica. Questi indicatori, applicabili anch’essi a partire dal periodo d’imposta 2015, sono stati determinati sulla scorta del livello:
  • dei canoni di affitto dei locali commerciali
  • del reddito medio imponibile ai fini dell’addizionale Irpef
  • delle retribuzioni
  • delle quotazioni immobiliari
  • dei canoni di locazione degli immobili.
La pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dei 70 studi di settore è l’atto conclusivo di un iter avviato dal provvedimento 23 febbraio 2015 dell’Agenzia delle Entrate, con cui è stato approvato il programma di revisione degli Sds applicabili dal periodo d’imposta 2015 (vedi Studi di settore: i “rivedibili” 2015 per restare in linea con l’attualità).
A questo, ha fatto seguito il lavoro della Commissione di esperti (articolo 10, comma 7, legge 146/1998), designata dal Mef anche sulla base delle indicazioni fornite dalle associazioni di categoria e dagli ordini professionali e che, prima dell’approvazione definitiva e della pubblicazione degli studi di settore, è tenuta a esprimere un parere sulla loro adeguatezza a rappresentare la realtà cui si riferiscono (vedi Studi di settore 2015. Gli esperti valutano e promuovono i ritocchi).
pubblicato Mercoledì 30 Dicembre 2015

I più letti

immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
Per quelli che svolgono attività esterna, la rilevanza ai fini dell’imposta sul valore aggiunto è connessa anche alla natura del rapporto giuridico, mandato con o senza rappresentanza
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Sono sul sito dell’Agenzia delle Entrate le bozze dei documenti tecnici per l’utilizzo del Sistema di interscambio, la piattaforma già in uso per i clienti Pubbliche amministrazioni
Più tempo a disposizione dei contribuenti interessati dagli studi di settore per versare le imposte risultanti dalla dichiarazione. Spetta anche a contribuenti minimi e forfetari
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef