Normativa e prassi
Studi di settore: le revisioni 2015
ricevono l’imprimatur del Mef
Il definitivo via libera ministeriale arriva con quattro distinti decreti di approvazione, pubblicati in altrettanti supplementi straordinari della Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre
sigillo
Puntuali, come tutti gli anni, arrivano dal ministero dell’Economia e delle Finanze i decreti di approvazione degli studi di settore revisionati. Quelli che hanno appena ricevuto l’ok si applicano, ai fini dell’accertamento, a decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2015.
Sono quattro i decreti – tutti datati 22 dicembre e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 301 del 29 dicembre – che, tenendo anche conto del parere espresso il 2 dicembre sorso dalla Commissione di esperti, ratificano il lavoro svolto.
 
Nel primo supplemento straordinario, il n. 16, disco verde a 12 studi di settore riguardanti le attività economiche del comparto manifatturiero; nel n. 17, il via libera a 20 studi per il settore del commercio; negli altri due supplementi, l’approvazione, rispettivamente, di 12 studi relativi alle attività professionali (il n. 18) e di 26 inerenti al comparto dei servizi (il n. 19).
 
Nel supplemento n. 16, inoltre, è contenuto un quinto decreto Mef che individua specifici indicatori territoriali in base ai quali differenziare l’applicazione degli studi di settore per tener conto del luogo in cui viene svolta l’attività economica. Questi indicatori, applicabili anch’essi a partire dal periodo d’imposta 2015, sono stati determinati sulla scorta del livello:
  • dei canoni di affitto dei locali commerciali
  • del reddito medio imponibile ai fini dell’addizionale Irpef
  • delle retribuzioni
  • delle quotazioni immobiliari
  • dei canoni di locazione degli immobili.
La pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dei 70 studi di settore è l’atto conclusivo di un iter avviato dal provvedimento 23 febbraio 2015 dell’Agenzia delle Entrate, con cui è stato approvato il programma di revisione degli Sds applicabili dal periodo d’imposta 2015 (vedi Studi di settore: i “rivedibili” 2015 per restare in linea con l’attualità).
A questo, ha fatto seguito il lavoro della Commissione di esperti (articolo 10, comma 7, legge 146/1998), designata dal Mef anche sulla base delle indicazioni fornite dalle associazioni di categoria e dagli ordini professionali e che, prima dell’approvazione definitiva e della pubblicazione degli studi di settore, è tenuta a esprimere un parere sulla loro adeguatezza a rappresentare la realtà cui si riferiscono (vedi Studi di settore 2015. Gli esperti valutano e promuovono i ritocchi).
pubblicato Mercoledì 30 Dicembre 2015

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino