Normativa e prassi
Studi di settore: le revisioni 2015
ricevono l’imprimatur del Mef
Il definitivo via libera ministeriale arriva con quattro distinti decreti di approvazione, pubblicati in altrettanti supplementi straordinari della Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre
sigillo
Puntuali, come tutti gli anni, arrivano dal ministero dell’Economia e delle Finanze i decreti di approvazione degli studi di settore revisionati. Quelli che hanno appena ricevuto l’ok si applicano, ai fini dell’accertamento, a decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2015.
Sono quattro i decreti – tutti datati 22 dicembre e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 301 del 29 dicembre – che, tenendo anche conto del parere espresso il 2 dicembre sorso dalla Commissione di esperti, ratificano il lavoro svolto.
 
Nel primo supplemento straordinario, il n. 16, disco verde a 12 studi di settore riguardanti le attività economiche del comparto manifatturiero; nel n. 17, il via libera a 20 studi per il settore del commercio; negli altri due supplementi, l’approvazione, rispettivamente, di 12 studi relativi alle attività professionali (il n. 18) e di 26 inerenti al comparto dei servizi (il n. 19).
 
Nel supplemento n. 16, inoltre, è contenuto un quinto decreto Mef che individua specifici indicatori territoriali in base ai quali differenziare l’applicazione degli studi di settore per tener conto del luogo in cui viene svolta l’attività economica. Questi indicatori, applicabili anch’essi a partire dal periodo d’imposta 2015, sono stati determinati sulla scorta del livello:
  • dei canoni di affitto dei locali commerciali
  • del reddito medio imponibile ai fini dell’addizionale Irpef
  • delle retribuzioni
  • delle quotazioni immobiliari
  • dei canoni di locazione degli immobili.
La pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dei 70 studi di settore è l’atto conclusivo di un iter avviato dal provvedimento 23 febbraio 2015 dell’Agenzia delle Entrate, con cui è stato approvato il programma di revisione degli Sds applicabili dal periodo d’imposta 2015 (vedi Studi di settore: i “rivedibili” 2015 per restare in linea con l’attualità).
A questo, ha fatto seguito il lavoro della Commissione di esperti (articolo 10, comma 7, legge 146/1998), designata dal Mef anche sulla base delle indicazioni fornite dalle associazioni di categoria e dagli ordini professionali e che, prima dell’approvazione definitiva e della pubblicazione degli studi di settore, è tenuta a esprimere un parere sulla loro adeguatezza a rappresentare la realtà cui si riferiscono (vedi Studi di settore 2015. Gli esperti valutano e promuovono i ritocchi).
pubblicato Mercoledì 30 Dicembre 2015

I più letti

L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Ispezioni e visure sono a costo zero solo se a richiederle è un intestatario del bene, mentre hanno un costo le “indagini” eseguite su immobili di cui sono titolari altri soggetti
immagine generica illustrativa con una calcolatrice che indica "zero"
La presunzione di cessione in nero opera, inoltre, anche con differenze inventariali negative minime, non vigendo una soglia minima del potere accertativo da parte del Fisco
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino