Normativa e prassi
Tares, tariffa e maggiorazione:
pronti i codici tributo per versare
Istituzione delle “combinazioni” che consentono di mettersi in regola con il Comune di residenza per costi relativi allo smaltimento dei rifiuti e dei servizi connessi
testo alternativo per immagine
Dall’1 gennaio 2013, il tributo sull’immondizia ha cambiato “faccia”. La scelta spetta ora agli enti locali se avvalersi di una tassa o di una tariffa. Per ogni opzione, la risoluzione n. 37/E del 27 maggio fornisce i codici tributo per il pagamento di quanto dovuto, sanzioni e interessi compresi, mediante il modello F24.
I Comuni, infatti, che hanno realizzato sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico, possono, attraverso un apposito regolamento, applicare una tariffa, avente natura corrispettiva, in sostituzione del tributo, come previsto dal comma 29 dell’articolo 14 del Dl 201/2011.
 
Questi i “numeri” giusti
Per versare la Tares, il codice da indicare è 3944. Per la tariffa, invece va utilizzato il 3950. La maggiorazione, infine, vuole il 3955.
Questi stessi codici valgono anche per regolarizzare il tributo a seguito dell’attività di controllo.
 
Dopo il controllo, però…..
Per pagare le penalità in cui si incorre se le verifiche tributarie sono “positive”, la risoluzione indica anche i codici ad hoc per interessi e sanzioni:
  • 3945 (Tares – interessi)
  • 3946 (Tares – sanzioni)
  • 3951 (Tariffa – interessi)
  • 3952 (Tariffa – sanzioni)
  • 3956 (Maggiorazione – interessi)
  • 3957 (Maggiorazione – sanzioni)
Compilazione del modello F24
Per la corretta compilazione dell’F24, i codici tributo devono essere indicati nella sezione “Imu e altri tributi locali”. Il contribuente deve indicare, nello spazio “codice ente/codice comune”, anche il codice catastale del Comune dove sono situati gli immobili e in quello “numero immobili”, deve riportare il numero degli stessi (massimo 3 cifre). Nello spazio “Ravv.”, deve barrare se il pagamento si riferisce a ravvedimento. Inoltre, nel campo “rateazione/mese rif”, dovrà essere riportato il numero della rata. Infine, in “anno di riferimento” si dovrà scrivere l’anno d’imposta cui si riferisce il pagamento (o il ravvedimento).
Sonia Angeli
pubblicato Lunedì 27 Maggio 2013

I più letti

immagine di semaforo verde
Continua ad aumentare il numero delle pronunce depositate dalle commissioni tributarie di merito, provinciali e regionali, che danno ragione all'Amministrazione finanziaria
Gli eurogiudici, chiamati a dirimere una controversia tra una società bulgara e la sua Amministrazione fiscale, ricordano che l’ambito di applicazione dell’imposta è amplissimo
cartello con scritta: "Chiuso causa fallimento"
È comunque prospettabile un onere di allegazione, anche se nel diritto processuale penale non è previsto a carico dell’imputato un onere probatorio come nel processo civile
porta aperta sul cielo
Si tratta dei versamenti effettuati per finanziare l’ente che gestisce i trattamenti assistenziali, previdenziali e assicurativi, a favore dei dipendenti da proprietari di fabbricati
immagine di persona che riceve un incarico e giura su un libro
Passano i mesi e continuano a prevalere le pronunce a favore dell’Agenzia, che confermano l’irrilevanza della decisione della Consulta sul rapporto tra Fisco e contribuente
immagine di piccolo condominio
Quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del cf “cumulativo”
immagine di semaforo verde
Continua ad aumentare il numero delle pronunce depositate dalle commissioni tributarie di merito, provinciali e regionali, che danno ragione all'Amministrazione finanziaria
immagine di donna lavoratrice
Poiché l'azienda è stata acquisita "in continuità", il contribuente può decidere di optare per la tassazione ordinaria, in un unico esercizio, ovvero per quella separata
vignetta
Tra le precisazioni, la possibilità di accedere alla procedura anche per i contribuenti inseriti nella lista Falciani, a patto che non siano già iniziati controlli o procedimenti penali
Immagine del sito dell'Agenzia delle Entrate
La precisazione scaturisce dalle segnalazioni pervenute dai cittadini che hanno utilizzato, a pagamento, siti diversi per consultare e interrogare le banche dati del “territorio”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine di piccolo condominio
Quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del cf “cumulativo”