Normativa e prassi
Tares, tariffa e maggiorazione:
pronti i codici tributo per versare
Istituzione delle “combinazioni” che consentono di mettersi in regola con il Comune di residenza per costi relativi allo smaltimento dei rifiuti e dei servizi connessi
testo alternativo per immagine
Dall’1 gennaio 2013, il tributo sull’immondizia ha cambiato “faccia”. La scelta spetta ora agli enti locali se avvalersi di una tassa o di una tariffa. Per ogni opzione, la risoluzione n. 37/E del 27 maggio fornisce i codici tributo per il pagamento di quanto dovuto, sanzioni e interessi compresi, mediante il modello F24.
I Comuni, infatti, che hanno realizzato sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico, possono, attraverso un apposito regolamento, applicare una tariffa, avente natura corrispettiva, in sostituzione del tributo, come previsto dal comma 29 dell’articolo 14 del Dl 201/2011.
 
Questi i “numeri” giusti
Per versare la Tares, il codice da indicare è 3944. Per la tariffa, invece va utilizzato il 3950. La maggiorazione, infine, vuole il 3955.
Questi stessi codici valgono anche per regolarizzare il tributo a seguito dell’attività di controllo.
 
Dopo il controllo, però…..
Per pagare le penalità in cui si incorre se le verifiche tributarie sono “positive”, la risoluzione indica anche i codici ad hoc per interessi e sanzioni:
  • 3945 (Tares – interessi)
  • 3946 (Tares – sanzioni)
  • 3951 (Tariffa – interessi)
  • 3952 (Tariffa – sanzioni)
  • 3956 (Maggiorazione – interessi)
  • 3957 (Maggiorazione – sanzioni)
Compilazione del modello F24
Per la corretta compilazione dell’F24, i codici tributo devono essere indicati nella sezione “Imu e altri tributi locali”. Il contribuente deve indicare, nello spazio “codice ente/codice comune”, anche il codice catastale del Comune dove sono situati gli immobili e in quello “numero immobili”, deve riportare il numero degli stessi (massimo 3 cifre). Nello spazio “Ravv.”, deve barrare se il pagamento si riferisce a ravvedimento. Inoltre, nel campo “rateazione/mese rif”, dovrà essere riportato il numero della rata. Infine, in “anno di riferimento” si dovrà scrivere l’anno d’imposta cui si riferisce il pagamento (o il ravvedimento).
Sonia Angeli
pubblicato Lunedì 27 Maggio 2013

I più letti

testo alternativo per immagine
Danno diritto al bonus anche le spese per la costruzione in appalto di un appartamento, dato in locazione nei successivi sei mesi e per un periodo di almeno otto anni
testo alternativo per immagine
La disciplina pone paletti precisi alle possibilità di rettifica, che non possono riguardare il cambiamento di una manifestazione opzionale in relazione a un particolare regime
testo alternativo per immagine
Da martedì 16 settembre riparte anche la macchina della giustizia tributaria che, come tutti gli anni, aveva spento i motori per il periodo feriale, a partire dall’1 agosto
testo alternativo per immagine
Per usufruire dell’agevolazione e mantenere non tassabili le riserve indivisibili, nessuna deroga al vincolo che ne vieta la suddivisione tra i soci
immagine
Va indicata nell’F24 per indirizzare i contributi riscossi tramite l’Inps nelle casse di spettanza, come previsto dalla convenzione stipulata con l’istituto di previdenza
testo alternativo per immagine
Danno diritto al bonus anche le spese per la costruzione in appalto di un appartamento, dato in locazione nei successivi sei mesi e per un periodo di almeno otto anni
testo alternativo per immagine
Il nuovo Oic 31, riguardante i fondi per rischi e oneri e il trattamento di fine rapporto, nasce dalla scissione del “vecchio” Oic 19 che, adesso, si occupa esclusivamente dei debiti
testo alternativo per immagine
La disciplina pone paletti precisi alle possibilità di rettifica, che non possono riguardare il cambiamento di una manifestazione opzionale in relazione a un particolare regime
testo alternativo per immagine
Diventa onere del contribuente superare la presunzione del Fisco, documentando idoneamente che le operazioni sui conti correnti non hanno prodotto imponibile
immagine
In caso di reati tributari, trattandosi di una misura di natura sanzionatoria-ablatoria, non occorrono specifiche esigenze cautelari per la legittimazione del provvedimento
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
modellino casa con contratto e chiavi
La riduzione del corrispettivo non comporta riliquidazione dell'imposta né risoluzione del contratto
testo alternativo per immagine
Un vademecum destinato a proprietari e inquilini che definisce passo passo ciascuna regola da seguire per non incorrere in errori nella registrazione degli accordi stipulati
testo alternativo per immagine
Tra new entry e ridenominazioni, ai blocchi di partenza tutti i codici da utilizzare per avvalersi delle modalità di versamento unitario, con eventuale compensazione di crediti
 immagine
Indicazioni chiare e dettagliate, approfondimenti, esempi pratici: queste le caratteristiche principali dell’opuscolo che indica i percorsi da seguire per una compravendita sicura