Normativa e prassi
Tassazione Tfr, la regola cambia
se l’importo supera il milione
Non muta la natura del reddito percepibile dal dipendente, ma le somme che superano la soglia prevista concorrono a formare il reddito complessivo seguendo la sua sorte
testo alternativo per immagine
Con il decreto “Salva Italia” (articolo 24, comma 31, Dl 201/2011), la parte di Tfr o, più in generale delle indennità o dei compensi connessi alla cessazione dal servizio, eccedente il milione di euro, finiscono nel calderone del reddito complessivo e, quindi, abbandonano la tassazione separata per quella ordinaria.
Nella circolare n. 3/E del 28 febbraio, l’Agenzia delle Entrate chiarisce come procedere per il calcolo.
Il via al nuovo criterio a partire dalle somme riscuotibili dal 1° gennaio 2011.
 
Redditi e contribuenti interessati, compensi esclusi
Secondo il Tuir, il Tfr e le altre indennità di fine rapporto lavoro (dipendente o con contratto di collaborazione coordinata e continuativa) seguono, per il fisco, una strada autonoma rispetto alle normali retribuzioni usufruendo, per questo, di una tassazione separata (articolo 17, comma 1, lettere a) e c), del Tuir).
La norma, però, è stata recentemente “ritoccata”.
Con l’articolo 24, comma 31, del Dl 201/2011 (decreto “Salva Italia”), le quote maturate dal 1° gennaio 2011, eccedenti il milione di euro, finiscono nel reddito complessivo da assoggettare all’Irpef secondo il principio generale della progressività per scaglioni.
Meglio precisare che, in questo modo, il Tfr non cambia tipologia di reddito, rimane tra quelli “meritevoli” di tassazione separata e invariate restano pure le regole per il calcolo dell’imposta fino al milione di euro.
 
La circolare individua, nel dettaglio, quali sono le “entrate” su cui porre l’attenzione e fornisce esempi concreti di calcolo. Ricordiamo, infatti, che sono coinvolte nella nuova disciplina tutte le corresponsioni equipollenti al Tfr.
Il sostituto d’imposta, nell’operare la ritenuta, dovrà partire dal periodo d’imposta in cui il tetto è stato superato al netto dell’eventuale “porzione” già sottoposta a tassazione separata che non finirà nel reddito complessivo.
 
Regola e quantum non cambiano per i compensi relativi alla risoluzione dei contratti dei co.co.co. e, in particolare, per quelli relativi agli amministratori di società: anche per loro tassazione ordinaria oltre il milione di euro per i corrispettivi in denaro e in natura, comprese le stock options.
 
Istruzioni per il calcolo
Il sostituto d’imposta deve verificare l’eventuale raggiungimento del “limite” stabilito (1 milione di euro) al lordo delle riduzioni e delle deduzioni previste dalle norme sulla tassazione separata per le indennità il cui diritto alla percezione è sorto, come già detto, dal 1° gennaio 2011.
Nel calcolo vanno inserite anche le erogazioni non contestuali nel corso dello stesso periodo d’imposta o di quelle effettuate in periodi diversi.
Fanno parte della “famiglia”, inoltre, eventuali acconti o anticipazioni del Tfr, percepibili sempre dal 1° gennaio 2011. Non finiscono nel reddito complessivo le parti già sottoposte, anche se in via provvisoria, a tassazione separata.
 
Il documento di prassi specifica che la norma introdotta dal “Salva Italia” non è applicabile agli importi versati agli eredi dei dipendenti deceduti.
 
Riduzioni in percentuale
Come già chiarito, con la nuova regola non cambia la natura del reddito, ragione per cui le riduzioni e gli abbattimenti forfetari previsti per tali emolumenti dall’articolo 19 del Tuir dovranno essere ripartiti proporzionalmente tra la quota assoggettata a tassazione separata e quella sottoposta a tassazione ordinaria.
 
Nella determinazione dell’imponibile a tassazione separata, in riferimento al Tfr, occorre considerare le quote al netto delle rivalutazioni per le quali si è pagata l’imposta sostitutiva dell’11% (per gli importi maturati a decorrere dal 2001) e dell’abbattimento forfetario di 309,87 (per gli importi maturati fino al 2000) euro proporzionalmente riferibili alla percentuale da assoggettare a tassazione separata.
Per i compensi equivalenti, invece, il calcolo è al netto della riduzione percentuale e dell’abbattimento forfetario di 309,87 euro, per tutti gli anni di anzianità lavorativa, proporzionalmente all’importo sottoposto a tassazione separata.
 
Il sostituto pensa alla ritenuta
Spetta ai sostituti d’imposta fare i conti, sommare le indennità principali alle indennità equipollenti e far transitare nel reddito complessivo il quantum che supera il milione di euro, per poi procedere alle ritenute d’imposta.
 
Regole ad hoc per il 2011
La norma è applicabile alle somme spettanti dal 2011; quindi, i sostituti d’imposta devono provvedere alla rideterminazione delle basi imponibili liquidando separatamente l’imposta a tassazione separata, quella a tassazione ordinaria e l’imposta dovuta, eventualmente, ad altro titolo.
Il contribuente troverà la sua posizione aggiornata sul Cud o su un nuovo Cud se già consegnato.
Nel caso in cui, con il “Salva Italia”, risultasse una maggiore imposta pagata a tassazione separata, il surplus potrà essere recuperato come acconto per i redditi sottoposti a tassazione ordinaria.
 
L’Agenzia fa un’ultima precisazione riguardante il contributo di solidarietà (articolo 2, Dl 138/2011), che il sostituto d’imposta non è tenuto a trattenere se il dipendente lascia il lavoro nel corso dell’anno.
In questo caso la somma non sarà inserita nel Cud, ma la certificazione indicherà l’obbligo per il contribuente di presentare la dichiarazione dei redditi e di applicare l’autoliquidazione del contributo.
Anna Maria Badiali
pubblicato Martedì 28 Febbraio 2012

I più letti

scontrino bancomat
La certificazione di invalidità totale o handicap grave da parte di una commissione medica pubblica è il presupposto per poter dedurre gli importi sostenuti per medicine e cure
libro con la scritta tax
Attenzione, però: se si sbagliano i conteggi e l’importo trattenuto risulta inferiore a quello effettivamente dovuto dal contribuente, scatta la sanzione per versamento insufficiente
immagine di una villa
La fuoriuscita dal patrimonio dell'impresa nel 2016, ultimo periodo di sospensione degli effetti fiscali della prima operazione, non determina la decadenza di quest'ultima
Non è sostenibile la tesi dell’intassabilità della cifra percepita per tale funzione, in ragione del suo carattere indennitario o della natura onoraria dell’attività
immagine di una villa
Se utilizzate per far fuoriuscire il bene dal patrimonio della compagine, possono essere affrancate assoggettandole, non a tassazione ordinaria, ma a una sostitutiva del 13 per cento
immagine di una villa
Le prime sono tassate con un'imposta sostitutiva dell'8%, le seconde sono deducibili solo nelle ipotesi in cui le stesse lo sarebbero ordinariamente dalle imposte sui redditi
L’agevolazione fiscale, relativa a beni immobili o beni mobili iscritti in pubblici registri, opera in via automatica rispetto al comportamento contabile adottato dal contribuente
Prosegue l’impegno dell’Agenzia per migliorare il dialogo e la collaborazione con i cittadini: disponibile in Rete un’applicazione per quantificare correttamente sanzione e interessi
A “smontare” i presupposti dell’imposta sono un’attività svolta soltanto con gli strumenti indispensabili e un collaboratore che svolga semplici funzioni di segreteria o simili
immagine di una villa
Se utilizzate per far fuoriuscire il bene dal patrimonio della compagine, possono essere affrancate assoggettandole, non a tassazione ordinaria, ma a una sostitutiva del 13 per cento
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Prosegue l’impegno dell’Agenzia per migliorare il dialogo e la collaborazione con i cittadini: disponibile in Rete un’applicazione per quantificare correttamente sanzione e interessi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino