Normativa e prassi
Tax credit musica: codice ad hoc
per chi promuove i nuovi talenti
Consente di utilizzare il bonus in compensazione, tramite modello F24. La delega deve essere trasmessa esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline
cuffia da cui escono note musicali
Arriva il codice tributo che le imprese produttrici di fonogrammi e videogrammi musicali e quelle che organizzano e producono spettacoli di musica dal vivo, esistenti almeno dal 1° gennaio 2012, dovranno indicare nel modello F24 per utilizzare il credito d’imposta loro riconosciuto in relazione ai costi sostenuti per la realizzazione e promozione di registrazioni musicali, audio e video, di opere prime o seconde di nuovi talenti.
A istituirlo, la risoluzione n. 4/E del 18 gennaio 2016.
 
È questo l’ultimo tassello per dare concreta attuazione a quanto previsto dall’articolo 7 del Dl 91/2013 (“decreto valore cultura”) che, per la finalità indicata, ha stanziato 4,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016.
L’agevolazione - pari al 30% dei costi sostenuti in quel triennio per le attività di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali, che siano opere prime o seconde di nuovi talenti - va calcolata su una somma non superiore a 100mila euro per ciascuna opera; il bonus, pertanto, potrà arrivare al massimo a 30mila euro. Inoltre, nell’intero triennio, ogni impresa non potrà “conseguire” più di 200mila euro di credito.
 
Il successivo decreto 2 dicembre 2014 del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha individuato, tra l’altro, le spese agevolabili, la procedura per accedere al bonus e le modalità di fruizione.
In relazione a quest’ultimo aspetto, è stabilito che il credito d’imposta sia utilizzabile esclusivamente in compensazione, tramite modello F24, da presentare soltanto attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline dell’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione.
A tale scopo, la risoluzione 4/2016 ha istituito un codice tributo ad hoc: “6849”, che deve essere riportato nella sezione “Erario” dell’F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” ovvero, qualora il contribuente debba restituire l’agevolazione fruita, nella colonna “importi a debito versati”.
Nel campo “anno di riferimento” va riportato l’anno di concessione del credito.
r.fo.
pubblicato Lunedì 18 Gennaio 2016

I più letti

Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
immagine di due faldoni di documenti in un'aula di tribunale
La Consulta ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate nei confronti della disposizione che, nel secondo grado di giudizio, ne consente la produzione senza limiti
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino