Normativa e prassi
Tax credit musica: codice ad hoc
per chi promuove i nuovi talenti
Consente di utilizzare il bonus in compensazione, tramite modello F24. La delega deve essere trasmessa esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline
cuffia da cui escono note musicali
Arriva il codice tributo che le imprese produttrici di fonogrammi e videogrammi musicali e quelle che organizzano e producono spettacoli di musica dal vivo, esistenti almeno dal 1° gennaio 2012, dovranno indicare nel modello F24 per utilizzare il credito d’imposta loro riconosciuto in relazione ai costi sostenuti per la realizzazione e promozione di registrazioni musicali, audio e video, di opere prime o seconde di nuovi talenti.
A istituirlo, la risoluzione n. 4/E del 18 gennaio 2016.
 
È questo l’ultimo tassello per dare concreta attuazione a quanto previsto dall’articolo 7 del Dl 91/2013 (“decreto valore cultura”) che, per la finalità indicata, ha stanziato 4,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016.
L’agevolazione - pari al 30% dei costi sostenuti in quel triennio per le attività di sviluppo, produzione, digitalizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali, che siano opere prime o seconde di nuovi talenti - va calcolata su una somma non superiore a 100mila euro per ciascuna opera; il bonus, pertanto, potrà arrivare al massimo a 30mila euro. Inoltre, nell’intero triennio, ogni impresa non potrà “conseguire” più di 200mila euro di credito.
 
Il successivo decreto 2 dicembre 2014 del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha individuato, tra l’altro, le spese agevolabili, la procedura per accedere al bonus e le modalità di fruizione.
In relazione a quest’ultimo aspetto, è stabilito che il credito d’imposta sia utilizzabile esclusivamente in compensazione, tramite modello F24, da presentare soltanto attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline dell’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione.
A tale scopo, la risoluzione 4/2016 ha istituito un codice tributo ad hoc: “6849”, che deve essere riportato nella sezione “Erario” dell’F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” ovvero, qualora il contribuente debba restituire l’agevolazione fruita, nella colonna “importi a debito versati”.
Nel campo “anno di riferimento” va riportato l’anno di concessione del credito.
r.fo.
pubblicato Lunedì 18 Gennaio 2016

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Affrontato, tra l’altro, il tema dell’applicazione dell’imposta nell’ambito delle catene distributive di prestazioni elettroniche e di telecomunicazioni rese con tecnologia “Voip”
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea