Normativa e prassi
Trasferimento del ramo d’azienda.
Tassazione separata solo per il Tfr
Escluse dal regime di favore le somme percepite dai dipendenti per la rinuncia al vincolo di solidarietà
Trasferimento del ramo d’azienda. |Tassazione separata solo per il Tfr

Il trasferimento dei dipendenti impiegati nel ramo d’azienda ceduto non comporta, ai fini fiscali, la cessazione del rapporto di lavoro qualora, in sede transattiva, non sia stata prevista l’erogazione delle competenze normalmente corrisposte all’atto della ordinaria cessazione del rapporto di lavoro, quali il trattamento di fine rapporto. Pertanto, le somme percepite dal dipendente in sede transattiva non possono essere assoggettate a tassazione separata.
Questo è il chiarimento contenuto nella risoluzione n. 135/E.
 
In seguito alla cessione della linea farmaceutica di una società, le rappresentanze sindacali siglavano un accordo con il quale la società cedente si impegnava a erogare a ciascun lavoratore a tempo indeterminato - impiegato nella linea farmaceutica trasferita - una somma corrispondente a un certo numero di mensilità lorde, per la rinuncia al vincolo di solidarietà (articolo 2112, comma 2, del codice civile) nonché a titolo di transazione novativa.
Tali somme, come detto, vanno tassate in capo ai dipendenti ordinariamente, in quanto risulta essenziale, per il ricorso alla tassazione separata, la circostanza che le stesse, percepite in sede transattiva, siano riferibili alla cessazione del rapporto di lavoro.
 
La norma civilistica, contenuta nell’articolo 2112 cc, è chiara nell’affermare che l’alienazione dell’azienda comporta la prosecuzione dell’originario rapporto di lavoro con l’acquirente, senza soluzione di continuità. Tale disposizione è stata, peraltro, sottolineata dalla Cassazione che, con la sentenza 2762/1983, ebbe modo di precisare che nell’ipotesi di trasferimento d’azienda il rapporto di lavoro continua ope legis con il nuovo imprenditore, stante il principio di autonomia dell’impresa rispetto alla persona dell’imprenditore.
 
In ambito fiscale, la continuazione del rapporto di lavoro si può desumere dai dati contabili, nell’ipotesi in cui nella contabilità della società conferitaria risultino confluiti gli accantonamenti operati dalla società conferente a titolo d’indennità di anzianità maturata in capo ai dipendenti trasferiti. La presenza degli accantonamenti nella contabilità conferitaria lascia presupporre che i dipendenti non abbiano percepito alcuna liquidazione per cessazione del rapporto di lavoro.
 
La rinuncia al vincolo di solidarietà sottoscritto dai dipendenti trasferiti con la linea farmaceutica, nel caso rappresentato, è una facoltà prevista per il lavoratore al fine di non rivalersi nei confronti del precedente datore di lavoro per eventuali crediti a esso riconducibili. Tuttavia, tale rinuncia non esclude la successione del nuovo imprenditore nel contratto di lavoro e il riconoscimento dell’anzianità pregressa.
Deborah Suma
pubblicato Giovedì 28 Maggio 2009

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Il contribuente, ricevuta la comunicazione con i dati necessari a verificare la sua situazione, può regolarizzare tramite il ravvedimento operoso o chiedere ulteriori informazioni
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
In presenza di documenti contabili con addebito dell’imposta, i fornitori dovranno predisporre apposite note di variazione, precisando che si tratta di “scissione dei pagamenti”
Il decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, che aumenta la misura del saggio per il nuovo anno, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di sabato 15 dicembre 2018
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Il contribuente, ricevuta la comunicazione con i dati necessari a verificare la sua situazione, può regolarizzare tramite il ravvedimento operoso o chiedere ulteriori informazioni
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino