Normativa e prassi
Trasferimento del ramo d’azienda.
Tassazione separata solo per il Tfr
Escluse dal regime di favore le somme percepite dai dipendenti per la rinuncia al vincolo di solidarietà
Trasferimento del ramo d’azienda. |Tassazione separata solo per il Tfr

Il trasferimento dei dipendenti impiegati nel ramo d’azienda ceduto non comporta, ai fini fiscali, la cessazione del rapporto di lavoro qualora, in sede transattiva, non sia stata prevista l’erogazione delle competenze normalmente corrisposte all’atto della ordinaria cessazione del rapporto di lavoro, quali il trattamento di fine rapporto. Pertanto, le somme percepite dal dipendente in sede transattiva non possono essere assoggettate a tassazione separata.
Questo è il chiarimento contenuto nella risoluzione n. 135/E.
 
In seguito alla cessione della linea farmaceutica di una società, le rappresentanze sindacali siglavano un accordo con il quale la società cedente si impegnava a erogare a ciascun lavoratore a tempo indeterminato - impiegato nella linea farmaceutica trasferita - una somma corrispondente a un certo numero di mensilità lorde, per la rinuncia al vincolo di solidarietà (articolo 2112, comma 2, del codice civile) nonché a titolo di transazione novativa.
Tali somme, come detto, vanno tassate in capo ai dipendenti ordinariamente, in quanto risulta essenziale, per il ricorso alla tassazione separata, la circostanza che le stesse, percepite in sede transattiva, siano riferibili alla cessazione del rapporto di lavoro.
 
La norma civilistica, contenuta nell’articolo 2112 cc, è chiara nell’affermare che l’alienazione dell’azienda comporta la prosecuzione dell’originario rapporto di lavoro con l’acquirente, senza soluzione di continuità. Tale disposizione è stata, peraltro, sottolineata dalla Cassazione che, con la sentenza 2762/1983, ebbe modo di precisare che nell’ipotesi di trasferimento d’azienda il rapporto di lavoro continua ope legis con il nuovo imprenditore, stante il principio di autonomia dell’impresa rispetto alla persona dell’imprenditore.
 
In ambito fiscale, la continuazione del rapporto di lavoro si può desumere dai dati contabili, nell’ipotesi in cui nella contabilità della società conferitaria risultino confluiti gli accantonamenti operati dalla società conferente a titolo d’indennità di anzianità maturata in capo ai dipendenti trasferiti. La presenza degli accantonamenti nella contabilità conferitaria lascia presupporre che i dipendenti non abbiano percepito alcuna liquidazione per cessazione del rapporto di lavoro.
 
La rinuncia al vincolo di solidarietà sottoscritto dai dipendenti trasferiti con la linea farmaceutica, nel caso rappresentato, è una facoltà prevista per il lavoratore al fine di non rivalersi nei confronti del precedente datore di lavoro per eventuali crediti a esso riconducibili. Tuttavia, tale rinuncia non esclude la successione del nuovo imprenditore nel contratto di lavoro e il riconoscimento dell’anzianità pregressa.
Deborah Suma
pubblicato Giovedì 28 Maggio 2009

I più letti

Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L’obbligo di trasmissione riguarda le sole prestazioni mediche erogate dalla struttura e rimaste a carico dell’utente, attestate da fatture, se sono state rilasciate su richiesta del cliente
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Nel caso di immissione in libera pratica, al soggetto che ha provveduto anche all’introduzione dei beni, non è richiesto di presentare cauzione, fideiussione o polizza fideiussoria
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
La nuova detrazione, introdotta dalla recente legge di bilancio, ammonta al 36% delle spese, nel limite massimo di 5mila euro; sono inclusi i costi di progettazione e manutenzione
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Bonus energetico cedibile anche in caso di lavori sul singolo appartamento. Debutto assoluto della detrazione del 36% per le spese finalizzate a interventi di “sistemazione a verde”
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino