Normativa e prassi
Tre nuovi codici e due causali
fanno ingresso nel modello F24
I primi sono destinati al recupero dei crediti Iva indebitamente utilizzati in compensazione; le altre due sono impiegate per il versamento di contributi associativi
foto di carte da gioco con full di assi con jack
Pronti i codici tributo da indicare nel modello F24 per il versamento delle somme richieste dall'Agenzia delle Entrate tramite appositi atti di recupero emessi in caso di utilizzo in compensazione di crediti Iva in violazione delle disposizioni dettate dall'articolo 10 del decreto legge 78/2009:
- 7497 - imposta
- 7498 - interessi
- 7499 - sanzione.

A istituirli la risoluzione n. 3/E del 13 gennaio 2016. Vanno riportati nella sezione "Erario" dell'F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". Inoltre, negli specifici campi, devono essere inseriti il codice ufficio, il codice atto e l'anno di riferimento, reperibili nell'atto ricevuto.

Due new entry anche nel "gruppo" delle causali contributo.
La risoluzione n. 1/E fa seguito alla convenzione stipulata tra l'Agenzia delle Entrate e il Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro per disciplinare il servizio di riscossione, tramite il modello F24, dei contributi versati dagli iscritti. A tal fine, istituisce la causale contributo "VT00", per consentire il versamento dei contributi associativi dovuti dagli iscritti al Consiglio provinciale di Viterbo.
Nell'F24 la causale va inserita nella sezione "Altri enti previdenziali e assicurativi", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati".
La risoluzione, inoltre, specifica che devono essere riportati: il "codice ente" "0005"; la sigla della provincia di iscrizione all'albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice sede"; il codice di iscrizione all'Albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice posizione"; il periodo di competenza del contributo versato nel campo "periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa", da indicare nel formato "MMAAAA".

Infine, con la risoluzione n. 2/E, entra in scena la causale contributo "EILA", per indirizzare i contributi diretti al finanziamento dell'Ente bilaterale per le imprese e i lavoratori autonomi. Gli importi arriveranno nelle casse dell'Ebila transitando per l'Inps, come stabilito dalla convenzione stipulata tra i due enti lo scorso 3 dicembre.
La causale va inserita nella sezione "INPS", nel campo "causale contributo", in corrispondenza della colonna "importi a debito versati"; inoltre, devono essere inseriti nei campi:
  • "codice sede", il codice della sede Inps competente
  • "matricola INPS/codice INPS/filiale azienda", la matricola Inps dell'azienda
  • "periodo di riferimento", nella colonna "da mm/aaaa", il mese e l'anno di riscossione del contributo (la colonna "a mm/aaaa" non va compilata).
r.fo.
pubblicato Mercoledì 13 Gennaio 2016

I più letti

Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
A differenza di quella di funzioni, non comporta alcun trasferimento di competenze tra autorizzante e autorizzato: il primo continua a mantenere la paternità di quanto sottoscritto
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
logo di Redditi SC 2017
Debutta il prospetto per accogliere la nuova agevolazione prevista, sotto forma di credito d'imposta, a favore di chi effettua erogazioni liberali a sostegno della scuola
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino