Normativa e prassi
Tre nuovi codici e due causali
fanno ingresso nel modello F24
I primi sono destinati al recupero dei crediti Iva indebitamente utilizzati in compensazione; le altre due sono impiegate per il versamento di contributi associativi
foto di carte da gioco con full di assi con jack
Pronti i codici tributo da indicare nel modello F24 per il versamento delle somme richieste dall'Agenzia delle Entrate tramite appositi atti di recupero emessi in caso di utilizzo in compensazione di crediti Iva in violazione delle disposizioni dettate dall'articolo 10 del decreto legge 78/2009:
- 7497 - imposta
- 7498 - interessi
- 7499 - sanzione.

A istituirli la risoluzione n. 3/E del 13 gennaio 2016. Vanno riportati nella sezione "Erario" dell'F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". Inoltre, negli specifici campi, devono essere inseriti il codice ufficio, il codice atto e l'anno di riferimento, reperibili nell'atto ricevuto.

Due new entry anche nel "gruppo" delle causali contributo.
La risoluzione n. 1/E fa seguito alla convenzione stipulata tra l'Agenzia delle Entrate e il Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro per disciplinare il servizio di riscossione, tramite il modello F24, dei contributi versati dagli iscritti. A tal fine, istituisce la causale contributo "VT00", per consentire il versamento dei contributi associativi dovuti dagli iscritti al Consiglio provinciale di Viterbo.
Nell'F24 la causale va inserita nella sezione "Altri enti previdenziali e assicurativi", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati".
La risoluzione, inoltre, specifica che devono essere riportati: il "codice ente" "0005"; la sigla della provincia di iscrizione all'albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice sede"; il codice di iscrizione all'Albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice posizione"; il periodo di competenza del contributo versato nel campo "periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa", da indicare nel formato "MMAAAA".

Infine, con la risoluzione n. 2/E, entra in scena la causale contributo "EILA", per indirizzare i contributi diretti al finanziamento dell'Ente bilaterale per le imprese e i lavoratori autonomi. Gli importi arriveranno nelle casse dell'Ebila transitando per l'Inps, come stabilito dalla convenzione stipulata tra i due enti lo scorso 3 dicembre.
La causale va inserita nella sezione "INPS", nel campo "causale contributo", in corrispondenza della colonna "importi a debito versati"; inoltre, devono essere inseriti nei campi:
  • "codice sede", il codice della sede Inps competente
  • "matricola INPS/codice INPS/filiale azienda", la matricola Inps dell'azienda
  • "periodo di riferimento", nella colonna "da mm/aaaa", il mese e l'anno di riscossione del contributo (la colonna "a mm/aaaa" non va compilata).
r.fo.
pubblicato Mercoledì 13 Gennaio 2016

I più letti

Una funzionaria delle Entrate, in un breve filmato, illustra tutti i passaggi da seguire per visualizzare, modificare e trasmettere con semplicità la propria dichiarazione dei redditi
immagine di un gatto messo in punizione faccia al muro
L'applicazione del regime "punitivo" più vantaggioso per il contribuente, in seguito alle ultime modifiche legislative, non opera sempre in maniera automatica e generalizzata
Solo i risultati contabili che l’Agenzia non ha potuto trasmettere al sostituto “inadempiente” saranno inviati da Caf e professionisti tramite i canali tradizionali, come e-mail e fax
La normativa speciale si occupa anche dei rapporti con le operazioni con l’estero, in particolare cessioni all’esportazione e assimilate effettuate da esportatori abituali
Vanno utilizzati per la determinazione della base imponibile, ai fini dei due tributi locali, degli immobili posseduti da imprese che li hanno distintamente contabilizzati in bilancio
Nella nuova pubblicazione dell'Agenzia, tutto quello che occorre sapere prima di comprare l'abitazione: le verifiche da fare, i tributi da pagare, i possibili "sconti" da fruire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La normativa speciale si occupa anche dei rapporti con le operazioni con l’estero, in particolare cessioni all’esportazione e assimilate effettuate da esportatori abituali
Da oggi è disponibile online la dichiarazione 2017, modello 730 e modello Redditi. Trenta milioni di contribuenti possono consultare le informazioni e gli elementi preinseriti
Per i documenti rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, pagamento online, con addebito in conto, carte di credito, di debito o prepagate tramite i servizi del sistema pagoPA
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Un vero e proprio manuale omnicomprensivo, con l’obiettivo di fornire la migliore assistenza possibile ai contribuenti e assicurare uniformità e trasparenza all’azione amministrativa
L’Agenzia illustra le modalità con cui, a partire dal 18 aprile, i contribuenti o i soggetti delegati possono prendere visione del modello 730 predisposto dall’amministrazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino