Normativa e prassi
Tre nuovi codici e due causali
fanno ingresso nel modello F24
I primi sono destinati al recupero dei crediti Iva indebitamente utilizzati in compensazione; le altre due sono impiegate per il versamento di contributi associativi
foto di carte da gioco con full di assi con jack
Pronti i codici tributo da indicare nel modello F24 per il versamento delle somme richieste dall'Agenzia delle Entrate tramite appositi atti di recupero emessi in caso di utilizzo in compensazione di crediti Iva in violazione delle disposizioni dettate dall'articolo 10 del decreto legge 78/2009:
- 7497 - imposta
- 7498 - interessi
- 7499 - sanzione.

A istituirli la risoluzione n. 3/E del 13 gennaio 2016. Vanno riportati nella sezione "Erario" dell'F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". Inoltre, negli specifici campi, devono essere inseriti il codice ufficio, il codice atto e l'anno di riferimento, reperibili nell'atto ricevuto.

Due new entry anche nel "gruppo" delle causali contributo.
La risoluzione n. 1/E fa seguito alla convenzione stipulata tra l'Agenzia delle Entrate e il Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro per disciplinare il servizio di riscossione, tramite il modello F24, dei contributi versati dagli iscritti. A tal fine, istituisce la causale contributo "VT00", per consentire il versamento dei contributi associativi dovuti dagli iscritti al Consiglio provinciale di Viterbo.
Nell'F24 la causale va inserita nella sezione "Altri enti previdenziali e assicurativi", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati".
La risoluzione, inoltre, specifica che devono essere riportati: il "codice ente" "0005"; la sigla della provincia di iscrizione all'albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice sede"; il codice di iscrizione all'Albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice posizione"; il periodo di competenza del contributo versato nel campo "periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa", da indicare nel formato "MMAAAA".

Infine, con la risoluzione n. 2/E, entra in scena la causale contributo "EILA", per indirizzare i contributi diretti al finanziamento dell'Ente bilaterale per le imprese e i lavoratori autonomi. Gli importi arriveranno nelle casse dell'Ebila transitando per l'Inps, come stabilito dalla convenzione stipulata tra i due enti lo scorso 3 dicembre.
La causale va inserita nella sezione "INPS", nel campo "causale contributo", in corrispondenza della colonna "importi a debito versati"; inoltre, devono essere inseriti nei campi:
  • "codice sede", il codice della sede Inps competente
  • "matricola INPS/codice INPS/filiale azienda", la matricola Inps dell'azienda
  • "periodo di riferimento", nella colonna "da mm/aaaa", il mese e l'anno di riscossione del contributo (la colonna "a mm/aaaa" non va compilata).
r.fo.
pubblicato Mercoledì 13 Gennaio 2016

I più letti

postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Per quelli che svolgono attività esterna, la rilevanza ai fini dell’imposta sul valore aggiunto è connessa anche alla natura del rapporto giuridico, mandato con o senza rappresentanza
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Sono sul sito dell’Agenzia delle Entrate le bozze dei documenti tecnici per l’utilizzo del Sistema di interscambio, la piattaforma già in uso per i clienti Pubbliche amministrazioni
Più tempo a disposizione dei contribuenti interessati dagli studi di settore per versare le imposte risultanti dalla dichiarazione. Spetta anche a contribuenti minimi e forfetari
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef