Normativa e prassi
Tre nuovi codici e due causali
fanno ingresso nel modello F24
I primi sono destinati al recupero dei crediti Iva indebitamente utilizzati in compensazione; le altre due sono impiegate per il versamento di contributi associativi
foto di carte da gioco con full di assi con jack
Pronti i codici tributo da indicare nel modello F24 per il versamento delle somme richieste dall'Agenzia delle Entrate tramite appositi atti di recupero emessi in caso di utilizzo in compensazione di crediti Iva in violazione delle disposizioni dettate dall'articolo 10 del decreto legge 78/2009:
- 7497 - imposta
- 7498 - interessi
- 7499 - sanzione.

A istituirli la risoluzione n. 3/E del 13 gennaio 2016. Vanno riportati nella sezione "Erario" dell'F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". Inoltre, negli specifici campi, devono essere inseriti il codice ufficio, il codice atto e l'anno di riferimento, reperibili nell'atto ricevuto.

Due new entry anche nel "gruppo" delle causali contributo.
La risoluzione n. 1/E fa seguito alla convenzione stipulata tra l'Agenzia delle Entrate e il Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro per disciplinare il servizio di riscossione, tramite il modello F24, dei contributi versati dagli iscritti. A tal fine, istituisce la causale contributo "VT00", per consentire il versamento dei contributi associativi dovuti dagli iscritti al Consiglio provinciale di Viterbo.
Nell'F24 la causale va inserita nella sezione "Altri enti previdenziali e assicurativi", in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati".
La risoluzione, inoltre, specifica che devono essere riportati: il "codice ente" "0005"; la sigla della provincia di iscrizione all'albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice sede"; il codice di iscrizione all'Albo dei consulenti del lavoro nel campo "codice posizione"; il periodo di competenza del contributo versato nel campo "periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa", da indicare nel formato "MMAAAA".

Infine, con la risoluzione n. 2/E, entra in scena la causale contributo "EILA", per indirizzare i contributi diretti al finanziamento dell'Ente bilaterale per le imprese e i lavoratori autonomi. Gli importi arriveranno nelle casse dell'Ebila transitando per l'Inps, come stabilito dalla convenzione stipulata tra i due enti lo scorso 3 dicembre.
La causale va inserita nella sezione "INPS", nel campo "causale contributo", in corrispondenza della colonna "importi a debito versati"; inoltre, devono essere inseriti nei campi:
  • "codice sede", il codice della sede Inps competente
  • "matricola INPS/codice INPS/filiale azienda", la matricola Inps dell'azienda
  • "periodo di riferimento", nella colonna "da mm/aaaa", il mese e l'anno di riscossione del contributo (la colonna "a mm/aaaa" non va compilata).
r.fo.
pubblicato Mercoledì 13 Gennaio 2016

I più letti

immagine di modello F24
Il passaggio dalla delega ordinaria a quella riservata ai versamenti con elementi identificativi, chiesto dall'Istituto nazionale di previdenza sociale, scatterà dal prossimo 8 agosto
È necessario controllare sempre l’effettiva esecuzione del mandato, altrimenti bisogna provare la condotta fraudolenta del consulente, finalizzata a coprire il proprio inadempimento
Palazzo Montecitorio
Nell’aula della X Commissione della Camera, Rossella Orlandi ha fornito spunti di riflessione sugli aspetti fiscali della proposta di legge in merito al nuovo “modello culturale”
La previsione di esenzione disposta dal Dl 269/2003 è applicabile al complessivo rapporto di finanziamento, quindi anche all’erogazione delle somme da parte delle banche
immagine di caseggiati
Pubblicato dall'Agenzia delle Entrate lo studio particolareggiato, aggiornato allo scorso 31 dicembre, sulla composizione e la natura dei beni censiti negli archivi catastali
Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
È necessario controllare sempre l’effettiva esecuzione del mandato, altrimenti bisogna provare la condotta fraudolenta del consulente, finalizzata a coprire il proprio inadempimento
immagine di modello F24
Il passaggio dalla delega ordinaria a quella riservata ai versamenti con elementi identificativi, chiesto dall'Istituto nazionale di previdenza sociale, scatterà dal prossimo 8 agosto
La previsione di esenzione disposta dal Dl 269/2003 è applicabile al complessivo rapporto di finanziamento, quindi anche all’erogazione delle somme da parte delle banche
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
logo dell'applicazione
Da oggi è possibile generare, trasmettere e conservare documenti fiscali dematerializzati in modo semplice e gratuito. Il servizio è utilizzabile anche per le operazioni tra privati
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma