Normativa e prassi
Per le ultime operazioni del 2016
si utilizzano i modelli Intra-2
La soppressione dell'obbligo di comunicazione telematica non riguarda gli acquisti intracomunitari di beni e le prestazioni di servizi ricevute relativi alla parte finale dello scorso anno
Per le ultime operazioni del 2016|si utilizzano i modelli Intra-2
Il decreto fiscale collegato alla legge di bilancio 2017 (Dl 193/2016) ha previsto la soppressione della comunicazione degli elenchi riepilogativi concernenti gli acquisti intracomunitari di beni e le prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in un altro Stato membro dell'Unione europea (modelli Intra-2), presentati telematicamente all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.
La citata disposizione, tuttavia, si limita a prevedere la soppressione dell'adempimento e la relativa decorrenza, non precisando il periodo di riferimento delle operazioni riepilogate negli elenchi di cui viene sancita l'abolizione. Ciò ha sollevato qualche perplessità circa la sussistenza o meno dell'obbligo di comunicazione per le operazioni relative all'ultimo trimestre e all'ultimo mese del 2016.

A fugare ogni dubbio è intervenuta l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con la nota n. 244 del 10 gennaio 2014. L'amministrazione finanziaria, infatti, ha precisato che per le suddette operazioni permane l'obbligo di comunicazione.
La soluzione indicata dall'Agenzia si fonda sulla considerazione che, in caso contrario, l'amministrazione non verrebbe a conoscenza delle informazioni in parola. Difatti, la soppressione dell'obbligo di comunicazione dei modelli Intra-2 è connessa all'introduzione di un nuovo adempimento, cioè la comunicazione telematica all'Agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute. Adempimento che, per espressa previsione di legge, decorre dal 1° gennaio 2017 e che, pertanto, non può avere a oggetto informazioni relative a periodi precedenti.

Pertanto, i soggetti obbligati sono tenuti alla trasmissione telematica all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - entro il prossimo 25 gennaio 2017 - degli elenchi riepilogativi (modelli Intra-2) concernenti gli acquisti intracomunitari di beni e le prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in un altro Stato membro dell'Unione europea riferiti al quarto trimestre e al mese di dicembre del 2016.
 
r.fo.
pubblicato Mercoledì 11 Gennaio 2017

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino