Normativa e prassi
Variazioni colturali anno 2015,
la lista dei comuni in Gazzetta
L’elenco delle particelle interessate dall’aggiornamento catastale può essere consultato anche sul sito delle Entrate e presso gli uffici provinciali - Territorio dell’Agenzia
Variazioni colturali anno 2015,|la lista dei comuni in Gazzetta
Le variazioni colturali intervenute nel 2015 entrano in Gazzetta Ufficiale. È sull’edizione del 30 dicembre la lista dei comuni sui cui terreni sono avvenuti cambiamenti della coltura praticata, dichiarati dai dai diretti interessati o segnalati dall’Agea sulla base delle richieste di contributi agricoli comunitari, contenenti le esatte informazioni censuarie.
Infatti, chi modifica la coltura di un terreno rispetto a quanto presente nelle banche dati del Catasto ha l’obbligo di dichiarare la variazione all’Agenzia. Un adempimento che può essere effettuato tramite il software “Docte” oppure con il modello “Dichiarazione variazioni della coltura”, entrambi disponibili sul sito internet delle Entrate.
Non è invece necessario provvedere alla comunicazione se la coltura viene dichiarata correttamente a un Organismo pagatore riconosciuto dalla normativa comunitaria. Ciò perché, in sede di richiesta per l’erogazione di contributi agricoli, vengono fornite anche le informazioni censuarie necessarie per aggiornare gli archivi catastali. In questo caso, è la stessa Agenzia delle Entrate ad attualizzare le banche dati, avvalendosi degli elenchi predisposti dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) sulla base delle dichiarazioni dei contribuenti.
 
Dove trovare gli elenchi
Per conoscere i comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca dati catastale, bisogna consultare – come anticipato – la Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015, dove è pubblicato il comunicato dell'Agenzia delle Entrate che riporta, in allegato, la lista.
Sul sito www.agenziaentrate.gov.it, nella sezione Cosa devi fare > Aggiornare dati catastali e ipotecari > Variazioni colturali, è invece disponibile un servizio di consultazione online, che fornisce l’elenco delle particelle catastali variate. Per ogni particella sono disponibili le informazioni relative alla qualità catastale, alla classe, alla superficie e ai redditi, dominicale e agrario, e all’eventuale simbolo di deduzione. È sufficiente indicare gli identificativi catastali delle particelle: provincia, comune catastale, sezione, foglio e particella.
Nei 60 giorni successivi alla data di pubblicazione in Gazzetta, gli elenchi potranno essere consultati presso gli uffici provinciali - Territorio dell’Agenzia delle Entrate e presso i comuni interessati.
 
Cosa fare se non si è d’accordo
Gli utenti possono segnalare eventuali incongruenze nell’attribuzione delle qualità di coltura mediante una richiesta di rettifica in autotutela. Il modello, da inoltrare al competente ufficio provinciale - Territorio dell’Agenzia, è disponibile sul sito delle Entrate, nella sezione Strumenti > Modelli > Modelli servizi catastali e ipotecari > Catasto terreni. Resta salva la possibilità di proporre ricorso, entro 120 giorni, innanzi alla Commissione tributaria provinciale. Dal 1° gennaio 2016, il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione.
Chiara Ciranda
pubblicato Mercoledì 30 Dicembre 2015

I più letti

In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Con il primo dovranno riversare all’erario le somme riscosse per l’abbonamento alla televisione, con il secondo potranno recuperare gli eventuali rimborsi effettuati ai clienti
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
calendario
Lo slittamento della scadenza, tra l’altro, allinea il termine a quello previsto per le risposte degli operatori agli esiti emersi a seguito della complessa migrazione dei dati
Una precisazione indispensabile per coloro hanno chiesto di aderire all’istituto nel periodo di prima applicazione, con le difficoltà di chi esplora un mondo ancora sconosciuto
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma