Normativa e prassi
Variazioni colturali anno 2015,
la lista dei comuni in Gazzetta
L’elenco delle particelle interessate dall’aggiornamento catastale può essere consultato anche sul sito delle Entrate e presso gli uffici provinciali - Territorio dell’Agenzia
Variazioni colturali anno 2015,|la lista dei comuni in Gazzetta
Le variazioni colturali intervenute nel 2015 entrano in Gazzetta Ufficiale. È sull’edizione del 30 dicembre la lista dei comuni sui cui terreni sono avvenuti cambiamenti della coltura praticata, dichiarati dai dai diretti interessati o segnalati dall’Agea sulla base delle richieste di contributi agricoli comunitari, contenenti le esatte informazioni censuarie.
Infatti, chi modifica la coltura di un terreno rispetto a quanto presente nelle banche dati del Catasto ha l’obbligo di dichiarare la variazione all’Agenzia. Un adempimento che può essere effettuato tramite il software “Docte” oppure con il modello “Dichiarazione variazioni della coltura”, entrambi disponibili sul sito internet delle Entrate.
Non è invece necessario provvedere alla comunicazione se la coltura viene dichiarata correttamente a un Organismo pagatore riconosciuto dalla normativa comunitaria. Ciò perché, in sede di richiesta per l’erogazione di contributi agricoli, vengono fornite anche le informazioni censuarie necessarie per aggiornare gli archivi catastali. In questo caso, è la stessa Agenzia delle Entrate ad attualizzare le banche dati, avvalendosi degli elenchi predisposti dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) sulla base delle dichiarazioni dei contribuenti.
 
Dove trovare gli elenchi
Per conoscere i comuni per i quali è stata completata l’operazione di aggiornamento della banca dati catastale, bisogna consultare – come anticipato – la Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015, dove è pubblicato il comunicato dell'Agenzia delle Entrate che riporta, in allegato, la lista.
Sul sito www.agenziaentrate.gov.it, nella sezione Cosa devi fare > Aggiornare dati catastali e ipotecari > Variazioni colturali, è invece disponibile un servizio di consultazione online, che fornisce l’elenco delle particelle catastali variate. Per ogni particella sono disponibili le informazioni relative alla qualità catastale, alla classe, alla superficie e ai redditi, dominicale e agrario, e all’eventuale simbolo di deduzione. È sufficiente indicare gli identificativi catastali delle particelle: provincia, comune catastale, sezione, foglio e particella.
Nei 60 giorni successivi alla data di pubblicazione in Gazzetta, gli elenchi potranno essere consultati presso gli uffici provinciali - Territorio dell’Agenzia delle Entrate e presso i comuni interessati.
 
Cosa fare se non si è d’accordo
Gli utenti possono segnalare eventuali incongruenze nell’attribuzione delle qualità di coltura mediante una richiesta di rettifica in autotutela. Il modello, da inoltrare al competente ufficio provinciale - Territorio dell’Agenzia, è disponibile sul sito delle Entrate, nella sezione Strumenti > Modelli > Modelli servizi catastali e ipotecari > Catasto terreni. Resta salva la possibilità di proporre ricorso, entro 120 giorni, innanzi alla Commissione tributaria provinciale. Dal 1° gennaio 2016, il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione.
Chiara Ciranda
pubblicato Mercoledì 30 Dicembre 2015

I più letti

Presentazione esclusivamente online attraverso i servizi telematici Fisconline o Entratel. Due i modelli proposti e un software che individua e consiglia il più adatto al caso
immagine generica
Con la manovra di bilancio per il 2017, il legislatore ha previsto l'inserimento all'interno del Tuir dell'articolo 55-bis, dando attuazione a una riforma attesa da diversi anni
Il vecchio format potrà comunque essere ancora utilizzato per altri sessanta giorni dalla pubblicazione del provvedimento. Invio telematico o spedizione in plico raccomandato
immagine generica
Possono esercitare l'opzione gli operatori economici individuali, le Snc e le Sas operanti in regime di contabilità ordinaria nonché le Srl a ristretta base proprietaria
Il documento deve contenere l’indicazione nominativa dei partecipanti all’attività, avere data anteriore all’inizio del periodo d’imposta, essere sottoscritto dal titolare e dai congiunti
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
Presentazione esclusivamente online attraverso i servizi telematici Fisconline o Entratel. Due i modelli proposti e un software che individua e consiglia il più adatto al caso
immagine generica
Con la manovra di bilancio per il 2017, il legislatore ha previsto l'inserimento all'interno del Tuir dell'articolo 55-bis, dando attuazione a una riforma attesa da diversi anni
Il vecchio format potrà comunque essere ancora utilizzato per altri sessanta giorni dalla pubblicazione del provvedimento. Invio telematico o spedizione in plico raccomandato
immagine di due modelli F24
In via generale, a prescindere dalla violazione che si intende regolarizzare, occorre prima individuare la specifica norma sanzionatoria prevista e poi applicare le riduzioni
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino